Forum Sardegna - Grammatica lingua Sarda, variante Logudorese
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: Il nuraghe Ruiu di Chiaramonti con i suoi conci di raccordo posti nel vano scala e tra le nicchie d'andito e di camera, pone in evidenza il fatto che la costruzione della tholos e della torre esterna facciano parte del medesimo momento di costruzione, avendo faccia a vista all'esterno della torre e all'interno della tholos.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Lingua Sarda
 Grammatica lingua Sarda, variante Logudorese
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'Ŕ:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 11

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 10/07/2015 : 16:27:09  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
creo chi sýet in Campidanesu? stanotte, mi pÓret chi s'origine sýet sa matessi, ma pronuntziadu a sa revessa : ista notte, notte-ista notte-sta





Modificato da - Grodde in data 10/07/2015 16:30:59

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 10/07/2015 : 17:29:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:
Iscusa, Grodde, no m'ammento pi¨s itte significat sa parÓula "notesta"? Mi paret chi custu siat campidanesu, peroe happo pa¨ra chi sa memoria mia si drommit a bortas!
Saludos!


una paia de curreziones in sa frase chi has iscrittu :

itte significat : sonat unu pagu istranu, de solitu naramus "itte chŔret nÓrrere"
happo pa¨ra : pro nÓrrere paura de solitu naramus "timore, tim˛ria", ma no bŔnit impittadu pro narrere "ho paura", impittamus derettamente su verbu "timire"; ho paura = timo
si drommit : grammaticalmente no est isbagliadu, ma de solitu ponimus puru su "che" pro rafforzare sa frase : si drommit = si che drommit (si ci addormenta); mi sono addormentato = mi che so drommidu (mi ci sono addormentato)

custu fattu de aggiunghere su "che" a sas frases est una cosa tipica puru de su dialettu romanu, cosa chi hamus ereditadu derettamente dae su Latinu : ce so, ce semo, chi in Sardu sonan : che sun, che semus. Su "che" est unu derivadu de su Latinu "Hicce" abbreviazione de "Ecce Hic", chi cun sa pronuntzia de su Latinu classicu si leggýat "Hikke", abbreviadu in "Ke / Che" in Sardu.

saludos!






Modificato da - Grodde in data 10/07/2015 17:40:52

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 10/07/2015 : 19:05:28  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

Folkettara Dilettante ha scritto:
Iscusa, Grodde, no m'ammento pi¨s itte significat sa parÓula "notesta"? Mi paret chi custu siat campidanesu, peroe happo pa¨ra chi sa memoria mia si drommit a bortas!
Saludos!


una paia de curreziones in sa frase chi has iscrittu :

itte significat : sonat unu pagu istranu, de solitu naramus "itte chŔret nÓrrere"
happo pa¨ra : pro nÓrrere paura de solitu naramus "timore, tim˛ria", ma no bŔnit impittadu pro narrere "ho paura", impittamus derettamente su verbu "timire"; ho paura = timo
si drommit : grammaticalmente no est isbagliadu, ma de solitu ponimus puru su "che" pro rafforzare sa frase : si drommit = si che drommit (si ci addormenta); mi sono addormentato = mi che so drommidu (mi ci sono addormentato)

custu fattu de aggiunghere su "che" a sas frases est una cosa tipica puru de su dialettu romanu, cosa chi hamus ereditadu derettamente dae su Latinu : ce so, ce semo, chi in Sardu sonan : che sun, che semus. Su "che" est unu derivadu de su Latinu "Hicce" abbreviazione de "Ecce Hic", chi cun sa pronuntzia de su Latinu classicu si leggýat "Hikke", abbreviadu in "Ke / Che" in Sardu.

saludos!
iscusa, su sardu miu est ancora unu pacu misturadu cun s'italianu. Deo trad¨o ancora para¨la pro para¨la, mancari deo so semper leggende sos arrejonos chi sun in custu situ e calchi borta deo provo puru a iscriere chena hÓere risposta peruna, si no (tranne?) in custu arrejonu.
Comuncas, su chi deo cheria nÓrrere est su fattu chi deo no m'ammento itte chŔret nÓrrere "notesta". Deo happo agattadu custa parÓula in d'una "trallallera" campidanesa: in d'un'istrofa b'hat unu versu chi narat "notesta o crasa notti...".
Saludos a tottus






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ CittÓ: milano  ~  Messaggi: 432  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 10/07/2015 : 19:44:25  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
no ti pre˛ccupes , pro no essere Sarda has una padronantzia de sa limba chi no est de totu, comunque : "notesta o crasa notti... = stanotte o domani notte

tranne = foras chi (all'infuori che)
mio = meu (miu est in Campidanesu)
poco = pagu / pacu (Logudoresu / Nugoresu)
mischiato = misciadu, milciadu; misturadu no l'happo intesu mai ad essere sintzŔros
volta = bolta, borta (Logudoresu / Nugoresu)


Cumprendo benissimu chi a boltas p˛det essere unu pagu diffitzile a si orientare intre Logudoresu, Nugoresu e Campidanesu, ma si p˛det nÓrrere chi has imparadu meda de a beru; naramus chi una 'olta chi connosches abbastantzia su Nugoresu podes cumprendere chena difficultade per una su Logudoresu e viceversa, dadu chi sun praticamente sa matessi limba, b'est calchi differentzia de pronuntzias ma su vocabolariu e totu su restu est quasi pretzisu, mentre chi cun su Campidanesu sa cosa est pi¨s in pigÓda, deo puru, da chi bido calchi cosa iscritta in Campidanesu a boltas happo unu muntone de difficultades a cumprendere totu su chi b'est iscrittu, magari resesso a cumprendere su sensu de sa frase, o de s'arrejonu in generale, ma no cumprendo ogni parÓula, bi sun cosas medas e differentzias in su vocabolariu chi bidendŔlas iscrittas no resesso mancu a immaginare su significadu si no ando a lu leggere in su vocabolariu.

saludos!






 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 10/07/2015 : 23:40:22  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

no ti pre˛ccupes , pro no essere Sarda has una padronantzia de sa limba chi no est de totu, comunque : "notesta o crasa notti... = stanotte o domani notte

tranne = foras chi (all'infuori che)
mio = meu (miu est in Campidanesu)
poco = pagu / pacu (Logudoresu / Nugoresu)
mischiato = misciadu, milciadu; misturadu no l'happo intesu mai ad essere sintzŔros
volta = bolta, borta (Logudoresu / Nugoresu)


Cumprendo benissimu chi a boltas p˛det essere unu pagu diffitzile a si orientare intre Logudoresu, Nugoresu e Campidanesu, ma si p˛det nÓrrere chi has imparadu meda de a beru; naramus chi una 'olta chi connosches abbastantzia su Nugoresu podes cumprendere chena difficultade per una su Logudoresu e viceversa, dadu chi sun praticamente sa matessi limba, b'est calchi differentzia de pronuntzias ma su vocabolariu e totu su restu est quasi pretzisu, mentre chi cun su Campidanesu sa cosa est pi¨s in pigÓda, deo puru, da chi bido calchi cosa iscritta in Campidanesu a boltas happo unu muntone de difficultades a cumprendere totu su chi b'est iscrittu, magari resesso a cumprendere su sensu de sa frase, o de s'arrejonu in generale, ma no cumprendo ogni parÓula, bi sun cosas medas e differentzias in su vocabolariu chi bidendŔlas iscrittas no resesso mancu a immaginare su significadu si no ando a lu leggere in su vocabolariu.

saludos!
tue pensas chi deo dia chŔrrere imparare a faeddare gadduresu puru, mancari est pi¨s diffizile che sas Ótteras variantes... deo t'happo ispiegadu in d'un Óteru post proitte deo cheria imparare su gadduresu puruu chi at pagu in commone cun sas limbas sardas propias, mancari calchi "forumista" m'hat nadu chi no est nezessariu de imparare sa limba corsa pro cumprendere... Comunque deo paro unu pagu macca, commenti mi naran tottu sos amigos mios.
A s'intŔndere!






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ CittÓ: milano  ~  Messaggi: 432  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Gonariu

Utente Medio


Inserito il - 11/07/2015 : 13:03:44  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Gonariu Invia a Gonariu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
A Grodde: jeo chistiono sia campidanesu (su 'e Seddori), sia su nuoresu (su 'e Oroteddi), jeo penso chi intr''e logudoresu/nuoresu e campidanesu sas parßulas sun cussas, su chi cßmbiat est sa pronuntza, su logudoresu e mescamente su nuoresu an sa pronuntza de su latinu anticu (nada "pronuncia restituta") su campidanesu at sa pronuntza de su latinu tardu e medievale (sa pronuntza 'e sa CrÚsia). Mi capitat de cumprÚndere tzertas parßulas de sas biddas a inghÝriu de Oroteddi dae su campidanesu.





  Firma di Gonariu 
Agostino Zoroddu

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Nuoro  ~ CittÓ: Orotelli  ~  Messaggi: 258  ~  Membro dal: 22/05/2012  ~  Ultima visita: 18/04/2020 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 11/07/2015 : 14:14:01  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Gonariu ha scritto:

A Grodde: jeo chistiono sia campidanesu (su 'e Seddori), sia su nuoresu (su 'e Oroteddi), jeo penso chi intr''e logudoresu/nuoresu e campidanesu sas parßulas sun cussas, su chi cßmbiat est sa pronuntza, su logudoresu e mescamente su nuoresu an sa pronuntza de su latinu anticu (nada "pronuncia restituta") su campidanesu at sa pronuntza de su latinu tardu e medievale (sa pronuntza 'e sa CrÚsia). Mi capitat de cumprÚndere tzertas parßulas de sas biddas a inghÝriu de Oroteddi dae su campidanesu.


Est beru chi sas pronuntzias intre Logudoresu e Campidanesu sun differentes, est beru puru chi in su vocabolariu bi sun parÓulas medas a cumone, o chi si p˛den assimizare finza a unu tzertu puntu, ma bi sun puru cosas medas, ispetzie in su vocabolariu basilare de ogni die chi sun cumpletamente differentes, deo oramai potto nÓrrere chi so abituadu, ca happo happidu occasione de connoschere zente de su Campidanu e de intendere su faeddu iss˛ro, a pagu a pagu mi so rŔndidu contu de comente sun sas differentzias de sa limba, e bene o male resesso a lu cumprendere, puru si no cumprendo ogni singula parÓula, a boltas per˛ suzzŔdit chi m'acciappo unu pagu in difficultade a sighire s'arrejonu e mi che perdo in caminu. M'ammento ancora sa prima 'olta chi happo intesu calicunu faeddende in Campidanesu, deo podýa hÓere 15 annos forsis, fia cun d'unu gruppu de amigos, e fit bŔnnidu a bidda cun sa familia sua unu pizzinnu, fradýle de un'amigu meu, e bŔniat dae Gonnosfanadiga; attaccat a faeddare in Campidanesu, che semus restados siccos, a bucca abŔrta e cun d'ogni oju goi mannu, parýat unu bŔnnidu dae un'Óteru pianeta , no si cumprendýat una parÓula, dap˛i invece fattende attenzione si resessiat a cumprendere calchi cosa, e como chi che sun colados paritzos annos podimus nÓrrere chi so capatze a lu cumprendere forsis a su 85% o 90%

saludos, nos intendimus






Modificato da - Grodde in data 11/07/2015 14:18:55

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 11/07/2015 : 15:24:47  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:
tue pensas chi deo dia chŔrrere imparare a faeddare gadduresu puru, mancari est pi¨s diffizile che sas Ótteras variantes... deo t'happo ispiegadu in d'un Óteru post proitte deo cheria imparare su gadduresu puruu chi at pagu in commone cun sas limbas sardas propias, mancari calchi "forumista" m'hat nadu chi no est nezessariu de imparare sa limba corsa pro cumprendere... Comunque deo paro unu pagu macca, commenti mi naran tottu sos amigos mios.
A s'intŔndere!


Deo creo chi imparare su Sardu sýet meda pi¨s diffitzile de su Gadduresu o de su Corsu, chi poi sun praticamente sa matessi cosa, Gadduresu e Corsu sun parentes de s'Italianu, si tue connosches iÓ s'Italianu has una bona base pro comintzare a los imparare


Eu puru aghju amparatu un pocu di Corsu, soprattuttu ascultendu a musica Corsa Ŕ leghjendu qualchi cosa quÓ Ŕ lÓ, ¨n bisogna micca smenticÓ chý u Corsu hŔ parente strintu di u Tuscanu anticu, Ŕ ancu di u Sardu in qualchi manera, pudemu dý chi u Corsu hŔ u fratellu mai˛ di u Talianu, ma un pocu pi¨ anticu, ci s˛ tante cose Ŕ modi di dý chý s'assumiglianu assai, sia Ó u Talianu Ŕ sia Ó u Sardu

in quistu situ poi truvÓ tutta a grammatica di a lingua Corsa

http://gbatti-alinguacorsa.pagesperso-orange.fr/

ci s˛ tante cose scritte in Francesu, ma ¨n hŔ micca cusý difficile Ó u capý

in quist'altru situ invece ci hŔ a banca dati di a lingua Corsa, tuttu u vucabulariu Corsu-Francesu, sý t¨ ¨n sai micca cumu si dice una parolla in Corsu scrivila in Francesu Ŕ subitu ci hai Ó traduzzione

http://infcor.adecec.net/

saluti ancu in Corsu






Modificato da - Grodde in data 11/07/2015 15:32:41

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Gonariu

Utente Medio


Inserito il - 11/07/2015 : 22:02:50  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Gonariu Invia a Gonariu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

Gonariu ha scritto:

A Grodde: jeo chistiono sia campidanesu (su 'e Seddori), sia su nuoresu (su 'e Oroteddi), jeo penso chi intr''e logudoresu/nuoresu e campidanesu sas parßulas sun cussas, su chi cßmbiat est sa pronuntza, su logudoresu e mescamente su nuoresu an sa pronuntza de su latinu anticu (nada "pronuncia restituta") su campidanesu at sa pronuntza de su latinu tardu e medievale (sa pronuntza 'e sa CrÚsia). Mi capitat de cumprÚndere tzertas parßulas de sas biddas a inghÝriu de Oroteddi dae su campidanesu.


Est beru chi sas pronuntzias intre Logudoresu e Campidanesu sun differentes, est beru puru chi in su vocabolariu bi sun parÓulas medas a cumone, o chi si p˛den assimizare finza a unu tzertu puntu, ma bi sun puru cosas medas, ispetzie in su vocabolariu basilare de ogni die chi sun cumpletamente differentes, deo oramai potto nÓrrere chi so abituadu, ca happo happidu occasione de connoschere zente de su Campidanu e de intendere su faeddu iss˛ro, a pagu a pagu mi so rŔndidu contu de comente sun sas differentzias de sa limba, e bene o male resesso a lu cumprendere, puru si no cumprendo ogni singula parÓula, a boltas per˛ suzzŔdit chi m'acciappo unu pagu in difficultade a sighire s'arrejonu e mi che perdo in caminu. M'ammento ancora sa prima 'olta chi happo intesu calicunu faeddende in Campidanesu, deo podýa hÓere 15 annos forsis, fia cun d'unu gruppu de amigos, e fit bŔnnidu a bidda cun sa familia sua unu pizzinnu, fradýle de un'amigu meu, e bŔniat dae Gonnosfanadiga; attaccat a faeddare in Campidanesu, che semus restados siccos, a bucca abŔrta e cun d'ogni oju goi mannu, parýat unu bŔnnidu dae un'Óteru pianeta , no si cumprendýat una parÓula, dap˛i invece fattende attenzione si resessiat a cumprendere calchi cosa, e como chi che sun colados paritzos annos podimus nÓrrere chi so capatze a lu cumprendere forsis a su 85% o 90%

saludos, nos intendimus


Su campidanesu de Gonnosfanadiga creo chi siet che-i su 'e Seddori (campidanesu r˙sticu) chi, rispettu a su campidanesu tzittadinu, est prus irregulare e tando prus diffitzile a cumprendÚre pro sos chi chistionan logudoresu. Faco un'esÚmpiu pro Ússere prus craru: in d-unu campidanesu tzittadinu "mariane" si narat "margiani" e fintzas a inocche no penso chi bi sien problemas mannos, in Seddori (campidanesu rusticu) si narat "mraxŃi" inue "Ń" est una a nasale e x = j frantzesu. dae cust'esÚmpiu si 'idet chi su campidanesu rusticu at nasalizzassiones, metßtesis (iscßmbiu de postu de lÝtteras) e custu no azzuat a chie nollu chistionat nÚ l'at mai intesu chistionare.






Modificato da - Gonariu in data 11/07/2015 22:15:55

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Nuoro  ~ CittÓ: Orotelli  ~  Messaggi: 258  ~  Membro dal: 22/05/2012  ~  Ultima visita: 18/04/2020 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 12/07/2015 : 20:42:39  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde: non mi ricordo pi¨ se ti ho giÓ detto che i primi canti a chitarra che ho voluto imparare erano in gallurese: infatti ho imparato due canti "a la disispirata" ("biddesa rara" e "tu di lu mari" e due canti "a la corsicana" "la pi¨ bedda di Gaddura" e "la rustagghja")... poi grazie ad altri utenti sono riuscita a copiarmi anche qualche canto a chitarra in logudorese... Comunque ho iniziato proprio dai canti che ti ho elencato sopra.
Scusa se senza volerlo ho ripetuto cose giÓ dette prima.
Unu saludu a tie






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ CittÓ: milano  ~  Messaggi: 432  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 12/07/2015 : 22:02:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde: non mi ricordo pi¨ se ti ho giÓ detto che i primi canti a chitarra che ho voluto imparare erano in gallurese: infatti ho imparato due canti "a la disispirata" ("biddesa rara" e "tu di lu mari" e due canti "a la corsicana" "la pi¨ bedda di Gaddura" e "la rustagghja")... poi grazie ad altri utenti sono riuscita a copiarmi anche qualche canto a chitarra in logudorese... Comunque ho iniziato proprio dai canti che ti ho elencato sopra.
Scusa se senza volerlo ho ripetuto cose giÓ dette prima.
Unu saludu a tie


si avevo letto che avevi iniziato proprio dal Gallurese, non Ŕ complicatissimo quando ci si fa l'orecchio, di sicuro per un Italiano Ŕ pi¨ facile imparare il Gallurese che il Sardo

mi sfuggiva il significato di "la rustagghja" ho cercato nel dizionario Corso ed eccolo qua :

http://www.adecec.net/infcor/recher...=-144&y=-248

appena ho letto che significava "roncola" mi si Ŕ accesa la lampadina, si dice in modo simile anche in Logudorese : la rustagghja = su rustagliu


saludos!







 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 12/07/2015 : 23:38:26  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde: non mi ricordo pi¨ se ti ho giÓ detto che i primi canti a chitarra che ho voluto imparare erano in gallurese: infatti ho imparato due canti "a la disispirata" ("biddesa rara" e "tu di lu mari" e due canti "a la corsicana" "la pi¨ bedda di Gaddura" e "la rustagghja")... poi grazie ad altri utenti sono riuscita a copiarmi anche qualche canto a chitarra in logudorese... Comunque ho iniziato proprio dai canti che ti ho elencato sopra.
Scusa se senza volerlo ho ripetuto cose giÓ dette prima.
Unu saludu a tie


si avevo letto che avevi iniziato proprio dal Gallurese, non Ŕ complicatissimo quando ci si fa l'orecchio, di sicuro per un Italiano Ŕ pi¨ facile imparare il Gallurese che il Sardo

mi sfuggiva il significato di "la rustagghja" ho cercato nel dizionario Corso ed eccolo qua :

http://www.adecec.net/infcor/recher...=-144&y=-248

appena ho letto che significava "roncola" mi si Ŕ accesa la lampadina, si dice in modo simile anche in Logudorese : la rustagghja = su rustagliu


saludos!


beh, in effetti ho saputo dal chitarrista Tore Matzau (che qui si faceva chiamare Bakiseddu) che questo canto Ŕ la versione in gallurese di una poesia corsa dell'800 e un altro utente mi aveva postato anche il testo in corso... ma c'erano parecchi termini che non riuscivo a capire, tipo "flicagghja" e "lamagghja" e altri termini che adesso non mi ricordo... magari se ho tempo rileggo la poesia e vado a cercare i termini sul sito che mi hai indicato.
Saludos






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ CittÓ: milano  ~  Messaggi: 432  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 13/07/2015 : 14:44:00  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde ha scritto:

Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde: non mi ricordo pi¨ se ti ho giÓ detto che i primi canti a chitarra che ho voluto imparare erano in gallurese: infatti ho imparato due canti "a la disispirata" ("biddesa rara" e "tu di lu mari" e due canti "a la corsicana" "la pi¨ bedda di Gaddura" e "la rustagghja")... poi grazie ad altri utenti sono riuscita a copiarmi anche qualche canto a chitarra in logudorese... Comunque ho iniziato proprio dai canti che ti ho elencato sopra.
Scusa se senza volerlo ho ripetuto cose giÓ dette prima.
Unu saludu a tie


si avevo letto che avevi iniziato proprio dal Gallurese, non Ŕ complicatissimo quando ci si fa l'orecchio, di sicuro per un Italiano Ŕ pi¨ facile imparare il Gallurese che il Sardo

mi sfuggiva il significato di "la rustagghja" ho cercato nel dizionario Corso ed eccolo qua :

http://www.adecec.net/infcor/recher...=-144&y=-248

appena ho letto che significava "roncola" mi si Ŕ accesa la lampadina, si dice in modo simile anche in Logudorese : la rustagghja = su rustagliu


saludos!


beh, in effetti ho saputo dal chitarrista Tore Matzau (che qui si faceva chiamare Bakiseddu) che questo canto Ŕ la versione in gallurese di una poesia corsa dell'800 e un altro utente mi aveva postato anche il testo in corso... ma c'erano parecchi termini che non riuscivo a capire, tipo "flicagghja" e "lamagghja" e altri termini che adesso non mi ricordo... magari se ho tempo rileggo la poesia e vado a cercare i termini sul sito che mi hai indicato.
Saludos



sono andato a cercarmi nel dizionario Corso le due parole che hai citato, e il significato ha perfettamente senso col titolo della poesia

la rustaghja = la roncola, attrezzo simile alla falce ma con la lama dritta e incurvata in punta

filicaghja o filetaghja = felceto, luogo pieno di piante di felce; detta "filetta" in Corso, fýlighe in Sardo, filix-filicis in Latino, mentre filicaghja in Sardo Ŕ "filigalzu, filigarzu"

http://www.adecec.net/infcor/recher...=-144&y=-248

lamaghja = roveto
http://www.adecec.net/infcor/recher...=-144&y=-248






 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 13/07/2015 : 15:37:24  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde: anche se un po' in ritardo volevo intervenire ancora sull'elenco dei "falsi amici" in sardo: infatti a proposito di "cuc¨mere" mi sono ricordata che i miei genitori (ce erano dlla prov. di Udine) per tradurre "cetriolo" in friulano icevano "cuc¨mar" o "cud¨mar" a seconda delle zone di provenienza.
Saluti






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ CittÓ: milano  ~  Messaggi: 432  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 13/07/2015 : 16:07:05  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde: anche se un po' in ritardo volevo intervenire ancora sull'elenco dei "falsi amici" in sardo: infatti a proposito di "cuc¨mere" mi sono ricordata che i miei genitori (ce erano dlla prov. di Udine) per tradurre "cetriolo" in friulano icevano "cuc¨mar" o "cud¨mar" a seconda delle zone di provenienza.
Saluti


ha perfettamente senso, se andiamo a vedere come si diceva in Latino

cucumis - cucumeris

SINGOLARE
Nominativo - cucumis
Genitivo - cucumeris, cucumis
Dativo - cucumi
Accusativo - cucumim, cucumin
Ablativo - cucumi
Vocativo - cucumis

PLURALE
Nominativo - cucumeres
Genitivo - cucumerum
Dativo - cucumeribus
Accusativo - cucumeres
Ablativo - cucumeribus
Vocativo - cucumeres

in Sardo, (almeno in Logudorese per quanto ne so) Ŕ rimasto si pu˛ dire identico "cuc¨mere, plurale cuc¨meres", se andiamo a vedere anche le altre lingue europee lo ritroviamo anche li, Francese "concombre", Inglese "cucumber", solo in Italiano ha cambiato di significato e "cocomero" sta per anguria, qui da noi invece non troverai mai un Sardo che ti chiama l'anguria "cocomero", parlando in Italiano la chiamiamo solo anguria, mentre in Sardo si chiama "sýndria" (dal Catalano "sýndria")


saluti!






Modificato da - Grodde in data 13/07/2015 16:10:44

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ CittÓ: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 11 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000