Forum Sardegna - Grammatica lingua Sarda, variante Logudorese
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: La Sardegna è anche, tradizione, canto, ballo, musica e poesia......
Il canto a chitarra o gara a chitarra è uno dei bellissimi canti tradizionali della Sardegna, dove il suono della chitarra e fisarmonica si unisce per accompagnare le voci de is'cantadorisi che si esibiscono a gara nelle piazze Isolane.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Lingua Sarda
 Grammatica lingua Sarda, variante Logudorese
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 11

Gonariu

Utente Medio


Inserito il - 19/06/2015 : 15:36:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Gonariu Invia a Gonariu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non sapevo della particolarità di questi verbi: permittere (permettere) promittere (promettere) dimittere (dimettere) trasmittere (trasmettere) cummittere (commettere) ripitere (ripetere). A me spesso e volentirei mi viene da dire "permittit" che ho sempre ritenuto sbagliato pensando che la forma giusta fosse "permittet". Ma ad Orotelli, il paese di mio padre, quando ero bambino e studente ci stavo solo un mese all'anno (Agosto) quando mio padre prendeva le ferie, il resto dell'anno lo passavo a Cagliari; il nuorese di Orotelli l'ho imparato in un secondo tempo, a 8 anni.





  Firma di Gonariu 
Agostino Zoroddu

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Nuoro  ~ Città: Orotelli  ~  Messaggi: 258  ~  Membro dal: 22/05/2012  ~  Ultima visita: 18/04/2020 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 20/06/2015 : 15:07:14  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
LA QUARTA CONIUGAZIONE

La quarta coniugazione è formata dai verbi con l’infinito che termina in IRE e con la coniugazione del presente indicativo uguale ai verbi della terza coniugazione.

alcuni esempi : recuìre (rincasare) accudire (rincasare, riunirsi, radunarsi) remunire (conservare, mettere da parte) costoìre (nascondere) essire (uscire) fuire (fuggire) suffrire (soffrire) sentire (sentire fisicamente, non con l’udito) sighire (seguire)

ci sono inoltre alcuni verbi in origine appartenenti alla seconda coniugazione che hanno acquisito l’infinito in IRE, ma hanno mantenuto il presente indicativo della seconda coniugazione
mi viene in mente solo :

timìre (temere, che in origine in Latino era “tìmere”)


CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSIRE (USCIRE)


INDICATIVO

PRESENTE

io esco – deo/eo esso
tu esci – tue èssis
egli esce – issu èssit
noi usciamo – nois essìmus
voi uscite – bois essìdes
essi escono – issos èssin

IMPERFETTO
io uscivo – deo/eo essìa / essìo
tu uscivi – tue essisti
egli usciva – issu essìat
noi uscivamo – nois essìmis
voi uscivate – bois essìzis
essi uscivano – issos essìan

PASSATO REMOTO
io uscii – deo/eo essìa / essìo
tu uscisti – tue essisti
egli uscì – issu essìat
noi uscimmo – nois essìmis
voi usciste – bois essìzis
essi uscirono – issos essìan

PASSATO PROSSIMO
io sono uscito – deo/eo so essidu
tu sei uscito – tue ses essidu
egli è uscito – issu est essidu
noi siamo usciti – nois semus essidos
voi siete usciti – bois sèzis essidos
essi sono usciti – issos sun essidos

TRAPASSATO PROSSIMO
io ero uscito – deo/eo fìa essidu
tu eri uscito – tue fisti essidu
egli era uscito – issu fit essidu
noi eravamo usciti – nois fìmis essidos
voi eravate usciti – bois fìzis essidos
essi erano usciti – issos fin essidos

TRAPASSATO REMOTO
io fui uscito – deo/eo fìa essidu
tu fosti uscito – tue fisti essidu
egli fu uscito – issu fit essidu
noi fummo usciti – nois fìmis essidos
voi foste usciti – bois fìzis essidos
essi furono usciti – issos fin essidos

FUTURO SEMPLICE
io uscirò – deo/eo happo a essire
tu uscirai – tue has a essire
egli uscirà – issu hat a essire
noi usciremo – nois hamus a essire
voi uscirete – bois hàzis a essire
essi usciranno – issos han a essire

FUTURO ANTERIORE
io sarò uscito – deo/eo happo a essere essidu
tu sarai uscito – tue has a essere essidu
egli sarà uscito – issu hat a essere essidu
noi saremo usciti – nois hamus a essere essidos
voi sarete usciti – bois hàzis a essere essidos
essi saranno usciti – issos han a essere essidos

CONGIUNTIVO

PRESENTE

che io esca – chi deo/eo essa
che tu esca – chi tue èssas
che egli esca – chi issu èssat
che noi usciamo – chi nois essèmus
che voi usciate – chi bois essèdas
che essi escano – chi issos èssan

IMPERFETTO
che io uscissi – chi deo/eo essèra
che tu uscissi – chi tue essèras
che egli uscisse – chi issu essèrat
che noi uscissimo – chi nois esserèmus
che voi usciste – chi bois esserèdas
che essi uscissero – chi issos essèran

PASSATO
che io sia uscito – chi deo/eo sie essidu
che tu sia uscito – chi tue sìes essidu
che egli sia uscito – chi issu sìet essidu
che noi siamo usciti – chi nois sièmus essidos
che voi siate usciti – chi bois sièdas essidos
che essi siano usciti – chi issos sìen essidos

TRAPASSATO
che io fossi uscito – chi deo/eo essère essidu
che tu fossi uscito – chi tue essères essidu
che egli fosse uscito – chi issu essèret essidu
che noi fossimo usciti – chi nois esserèmus essidos
che voi foste usciti – chi bois esserèdes essidos
che essi fossero usciti – chi issos essèren essidos

CONDIZIONALE

PRESENTE

io uscirei – deo/eo dia essire
tu usciresti – tue dìas essire
egli uscirebbe – issu dìat essire
noi usciremmo – nois dièmus essire
voi uscireste – bois dièdas essire
essi uscirebbero – issos dìan essire

PASSATO
io sarei uscito – deo/eo dia essere essidu
tu saresti uscito – tue dìas essere essidu
egli sarebbe uscito – issu dìat essere essidu
noi saremmo usciti – nois dièmus essere essidos
voi sareste usciti – bois dièdas essere essidos
essi sarebbero usciti – issos dìan essere essidos

IMPERATIVO
esci - essi
esca - èssat
usciamo - essimus
uscite - esside
escano – èssan

INFINITO

PRESENTE

uscire - essire

PASSATO
essere uscito – essere essidu

PARTICIPIO

PRESENTE

uscente - essende

PASSATO
uscito – essidu

GERUNDIO

PRESENTE

uscendo - essende

PASSATO
essendo uscito – essende essidu, sende essidu


Una particolarità dell’imperativo, molto usata per questo verbo, cosi come in tanti altri verbi è che spesso come rafforzativo vengono aggiunte le particelle CHE o NDE (CI, NE)

ad esempio :

esci fuori, uscite fuori : letteralmente si possono tradurre : essi a fora, essìde a fora

che sono corrette come forme, ma solitamente non vengono usate ma sono rafforzate con l’aggiunta di una delle due particelle

èssiche a fora (escici fuori) èssinde a fora (escine fuori)
essìdeche a fora, essìdende a fora (usciteci fuori, uscitene fuori)
essidìche, essidìnde = spostati, togliti di mezzo, letteralmente "escitici, escitene"; l'imperativo singolare "essi + ti/di + che/nde"
essidebòche, essidebònde = spostatevi, toglietevi di mezzo , letteralmente “uscitevici, uscitevene”; sarebbe l’imperativo plurale “essìde + bos (vi) + che/nde”

questo tipo di “aggiunte” all’imperativo sono valide anche per la maggiorparte degli altri verbi


saludos, a sa prossima puntada






Modificato da - Grodde in data 20/06/2015 15:11:15

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 20/06/2015 : 17:19:28  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

LA QUARTA CONIUGAZIONE

La quarta coniugazione è formata dai verbi con l’infinito che termina in IRE e con la coniugazione del presente indicativo uguale ai verbi della terza coniugazione.

alcuni esempi : recuìre (rincasare) accudire (rincasare, riunirsi, radunarsi) remunire (conservare, mettere da parte) costoìre (nascondere) essire (uscire) fuire (fuggire) suffrire (soffrire) sentire (sentire fisicamente, non con l’udito) sighire (seguire)

ci sono inoltre alcuni verbi in origine appartenenti alla seconda coniugazione che hanno acquisito l’infinito in IRE, ma hanno mantenuto il presente indicativo della seconda coniugazione
mi viene in mente solo :

timìre (temere, che in origine in Latino era “tìmere”)


CONIUGAZIONE DEL VERBO ESSIRE (USCIRE)


INDICATIVO

PRESENTE

io esco – deo/eo esso
tu esci – tue èssis
egli esce – issu èssit
noi usciamo – nois essìmus
voi uscite – bois essìdes
essi escono – issos èssin

IMPERFETTO
io uscivo – deo/eo essìa / essìo
tu uscivi – tue essisti
egli usciva – issu essìat
noi uscivamo – nois essìmis
voi uscivate – bois essìzis
essi uscivano – issos essìan

PASSATO REMOTO
io uscii – deo/eo essìa / essìo
tu uscisti – tue essisti
egli uscì – issu essìat
noi uscimmo – nois essìmis
voi usciste – bois essìzis
essi uscirono – issos essìan

PASSATO PROSSIMO
io sono uscito – deo/eo so essidu
tu sei uscito – tue ses essidu
egli è uscito – issu est essidu
noi siamo usciti – nois semus essidos
voi siete usciti – bois sèzis essidos
essi sono usciti – issos sun essidos

TRAPASSATO PROSSIMO
io ero uscito – deo/eo fìa essidu
tu eri uscito – tue fisti essidu
egli era uscito – issu fit essidu
noi eravamo usciti – nois fìmis essidos
voi eravate usciti – bois fìzis essidos
essi erano usciti – issos fin essidos

TRAPASSATO REMOTO
io fui uscito – deo/eo fìa essidu
tu fosti uscito – tue fisti essidu
egli fu uscito – issu fit essidu
noi fummo usciti – nois fìmis essidos
voi foste usciti – bois fìzis essidos
essi furono usciti – issos fin essidos

FUTURO SEMPLICE
io uscirò – deo/eo happo a essire
tu uscirai – tue has a essire
egli uscirà – issu hat a essire
noi usciremo – nois hamus a essire
voi uscirete – bois hàzis a essire
essi usciranno – issos han a essire

FUTURO ANTERIORE
io sarò uscito – deo/eo happo a essere essidu
tu sarai uscito – tue has a essere essidu
egli sarà uscito – issu hat a essere essidu
noi saremo usciti – nois hamus a essere essidos
voi sarete usciti – bois hàzis a essere essidos
essi saranno usciti – issos han a essere essidos

CONGIUNTIVO

PRESENTE

che io esca – chi deo/eo essa
che tu esca – chi tue èssas
che egli esca – chi issu èssat
che noi usciamo – chi nois essèmus
che voi usciate – chi bois essèdas
che essi escano – chi issos èssan

IMPERFETTO
che io uscissi – chi deo/eo essèra
che tu uscissi – chi tue essèras
che egli uscisse – chi issu essèrat
che noi uscissimo – chi nois esserèmus
che voi usciste – chi bois esserèdas
che essi uscissero – chi issos essèran

PASSATO
che io sia uscito – chi deo/eo sie essidu
che tu sia uscito – chi tue sìes essidu
che egli sia uscito – chi issu sìet essidu
che noi siamo usciti – chi nois sièmus essidos
che voi siate usciti – chi bois sièdas essidos
che essi siano usciti – chi issos sìen essidos

TRAPASSATO
che io fossi uscito – chi deo/eo essère essidu
che tu fossi uscito – chi tue essères essidu
che egli fosse uscito – chi issu essèret essidu
che noi fossimo usciti – chi nois esserèmus essidos
che voi foste usciti – chi bois esserèdes essidos
che essi fossero usciti – chi issos essèren essidos

CONDIZIONALE

PRESENTE

io uscirei – deo/eo dia essire
tu usciresti – tue dìas essire
egli uscirebbe – issu dìat essire
noi usciremmo – nois dièmus essire
voi uscireste – bois dièdas essire
essi uscirebbero – issos dìan essire

PASSATO
io sarei uscito – deo/eo dia essere essidu
tu saresti uscito – tue dìas essere essidu
egli sarebbe uscito – issu dìat essere essidu
noi saremmo usciti – nois dièmus essere essidos
voi sareste usciti – bois dièdas essere essidos
essi sarebbero usciti – issos dìan essere essidos

IMPERATIVO
esci - essi
esca - èssat
usciamo - essimus
uscite - esside
escano – èssan

INFINITO

PRESENTE

uscire - essire

PASSATO
essere uscito – essere essidu

PARTICIPIO

PRESENTE

uscente - essende

PASSATO
uscito – essidu

GERUNDIO

PRESENTE

uscendo - essende

PASSATO
essendo uscito – essende essidu, sende essidu


Una particolarità dell’imperativo, molto usata per questo verbo, cosi come in tanti altri verbi è che spesso come rafforzativo vengono aggiunte le particelle CHE o NDE (CI, NE)

ad esempio :

esci fuori, uscite fuori : letteralmente si possono tradurre : essi a fora, essìde a fora

che sono corrette come forme, ma solitamente non vengono usate ma sono rafforzate con l’aggiunta di una delle due particelle

èssiche a fora (escici fuori) èssinde a fora (escine fuori)
essìdeche a fora, essìdende a fora (usciteci fuori, uscitene fuori)
essidìche, essidìnde = spostati, togliti di mezzo, letteralmente "escitici, escitene"; l'imperativo singolare "essi + ti/di + che/nde"
essidebòche, essidebònde = spostatevi, toglietevi di mezzo , letteralmente “uscitevici, uscitevene”; sarebbe l’imperativo plurale “essìde + bos (vi) + che/nde”

questo tipo di “aggiunte” all’imperativo sono valide anche per la maggiorparte degli altri verbi


saludos, a sa prossima puntada

Riecco la folkettara rompiscatole (sorriso)... A parte gli scherzi, non mi ricordo bene se esiste il verbo "bessire) in logudorese o c'è solo nella variante campidanese? Può darsi che abbia letto male le coniugazioni nel libro inviatomi da Gonariu, ma gari ricontrollo meglio... comunque mi sembra che ci sia anche questo verbo come sinonimo di "essire".
Unu saludu a tie Grodde






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 441  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 20/06/2015 : 17:43:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
la B non è altro che l'abbreviazione di BI (ci, vi)

b'essire = uscirci, uscirvi

nelle frasi viene usata spesso come rafforzativo, per esempio :

- stasera esci? = ista sero a b'èssis? (letteralmente "stasera a ci esci? a vi esci?)

- il parcheggio è troppo stretto e non riesco a uscire = su parcheggiu est troppu astrintu e no resesso a b'essire (a uscirvi ; si potrebbe dire anche a nd'essire = a uscirne; o a chi essire = a uscirci)

- devo andare a prendere i bambini quando escono da scuola = devo andare a leare sos pizzinnos da chi b'èssin dae iscola (vi escono, o nd'èssin = ne escono; oppure chi èssin = ci escono)

saludos







Modificato da - Grodde in data 20/06/2015 17:49:43

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Su foristeri

Utente Medio


Inserito il - 20/06/2015 : 18:35:28  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Su foristeri Invia a Su foristeri un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Particolarità di certi verbi che la fanno generalmente in ARE o ERE in LOGUDORESE mà che si trasformano in IRE nell'Anglona e nel Monte Acuto.

E il caso in particolare di :

ARRIVARE ---> ARRIVIRE
BODALARE ---> BODALIRE
RESESSERE ---> RESESSIRE

e certamente altri verbi ancora...






Modificato da - Su foristeri in data 20/06/2015 18:37:18

 Regione Estero  ~ Città: Parigi  ~  Messaggi: 226  ~  Membro dal: 15/01/2010  ~  Ultima visita: 12/12/2019 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 20/06/2015 : 19:13:11  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Su foristeri ha scritto:

Particolarità di certi verbi che la fanno generalmente in ARE o ERE in LOGUDORESE mà che si trasformano in IRE nell'Anglona e nel Monte Acuto.

E il caso in particolare di :

ARRIVARE ---> ARRIVIRE
BODALARE ---> BODALIRE
RESESSERE ---> RESESSIRE

e certamente altri verbi ancora...


arrivire l'ho sentito da qualche parte ma non ricordo dove, da queste parti sono arrivare, bodalare (cosare), resessire (riuscire)

dopotutto pensandoci : "resessire" suona giusto cosi, dal Latino "res exire" ri - uscire


comunque grandi invenzioni il verbo bodalare e il termine bodale! un verbo che vuol dire di tutto e niente

a volte mi capita di sentire, quando non viene il nome di un oggetto

- bàttinde cussu 'odale = portane quel coso

- bògache cussu 'odale dae s'itte si narat! = toglici quel coso dal come si chiama!






Modificato da - Grodde in data 20/06/2015 19:17:04

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Gonariu

Utente Medio


Inserito il - 20/06/2015 : 19:35:54  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Gonariu Invia a Gonariu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola ha scritto:

"non mi ricordo bene se esiste il verbo "bessire) in logudorese o c'è solo nella variante campidanese? Può darsi che abbia letto male le coniugazioni nel libro inviatomi da Gonariu, ma gari ricontrollo meglio... comunque mi sembra che ci sia anche questo verbo come sinonimo di "essire". "
"Bessire" (o 'essire, colla caduta della b iniziale per motivi di eufonia) c'è anche in campidanese: "bessìri" o "bessì" a seconda dei paesi; i verbi che in logudorese hanno desinenza -ire in campidanese hanno desinenza -ìri o -ì (sempre a seconda dei paesi).






  Firma di Gonariu 
Agostino Zoroddu

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Nuoro  ~ Città: Orotelli  ~  Messaggi: 258  ~  Membro dal: 22/05/2012  ~  Ultima visita: 18/04/2020 Torna all'inizio della Pagina

Su foristeri

Utente Medio


Inserito il - 21/06/2015 : 17:30:48  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Su foristeri Invia a Su foristeri un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

Su foristeri ha scritto:

Particolarità di certi verbi che la fanno generalmente in ARE o ERE in LOGUDORESE mà che si trasformano in IRE nell'Anglona e nel Monte Acuto.

E il caso in particolare di :

ARRIVARE ---> ARRIVIRE
BODALARE ---> BODALIRE
RESESSERE ---> RESESSIRE

e certamente altri verbi ancora...


arrivire l'ho sentito da qualche parte ma non ricordo dove, da queste parti sono arrivare, bodalare (cosare), resessire (riuscire)

dopotutto pensandoci : "resessire" suona giusto cosi, dal Latino "res exire" ri - uscire


comunque grandi invenzioni il verbo bodalare e il termine bodale! un verbo che vuol dire di tutto e niente

a volte mi capita di sentire, quando non viene il nome di un oggetto

- bàttinde cussu 'odale = portane quel coso

- bògache cussu 'odale dae s'itte si narat! = toglici quel coso dal come si chiama!


Ciau su grodde,

Ho capito che le tue parti erano a Sassari (dove abiti oggi) ma mi sembra ricordarmi o forse sbaglio che le tue origini sono del Centro Mejlogu (Thiesi, ecc...).

Mio padre era originario di Ploaghe e mia madre di Chiaramonti che sono due paesi vicinissimi a Sassari...

A Chiaramonti dicono bodolare e a Ploaghe bodalire.
Nei 2 paesi dicono arrivire e resessire.






 Regione Estero  ~ Città: Parigi  ~  Messaggi: 226  ~  Membro dal: 15/01/2010  ~  Ultima visita: 12/12/2019 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 21/06/2015 : 20:27:06  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
esatto, abito proprio in quella zona





 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 22/06/2015 : 11:13:28  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scusate se vado leggermente fuori tema, ma in questo mio intervento c'entra anche la grammatica srda, anche se parlo di canto a chitarra. In due strofe "a sa nuoresa" che ho iparato, stando a quanto ho letto finora mi sembra che ci siano degli errori di coniugazione.
Le strofe sono queste: 1) si mi separo no isses in pena/ ischis cantu fidèle deo ti sia (l.errore sarebbe nel cong' pres. el verbo "èsse"; 2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena (qui ho l'impressione che "cheria" abbia funzione di condizionale, ma anche lì ho qualche dubbio).
Spero di aver spiegato in maniera esaustiva i miei dubbi a proposito delle strofe in oggetto.
Salti a tutti






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 441  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Su foristeri

Utente Medio


Inserito il - 22/06/2015 : 13:11:52  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Su foristeri Invia a Su foristeri un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

esatto, abito proprio in quella zona


Allora certamente mi potrai rispondere.

Ho ascoltato 5-6 anni fa sulla Digital Library della Regione Sardegna una certa Signora Puggioni di Thiesi.

Thiesi fa parte della zona del Logudorese settentrionale.

La Signora Puggioni non usava la pronuncia detta "espirata gutturale" come nella parola "ISCHIRE". Mi sono reso conto che questo è anche vero per il comune di Romana.

Dunque la parola ISCHIRE è pronunciata come la pronunciano a Pattada, a Bonorva o altrove.

Per il resto, tutto sembrava uguale a una parlata Nord Occidentale normale.

A mi podes faghede sa cunfrimma ?

Grazie.

Unu saludu mannu.






 Regione Estero  ~ Città: Parigi  ~  Messaggi: 226  ~  Membro dal: 15/01/2010  ~  Ultima visita: 12/12/2019 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 22/06/2015 : 13:20:12  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:

Scusate se vado leggermente fuori tema, ma in questo mio intervento c'entra anche la grammatica srda, anche se parlo di canto a chitarra. In due strofe "a sa nuoresa" che ho iparato, stando a quanto ho letto finora mi sembra che ci siano degli errori di coniugazione.
Le strofe sono queste: 1) si mi separo no isses in pena/ ischis cantu fidèle deo ti sia (l.errore sarebbe nel cong' pres. el verbo "èsse"; 2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena (qui ho l'impressione che "cheria" abbia funzione di condizionale, ma anche lì ho qualche dubbio).
Spero di aver spiegato in maniera esaustiva i miei dubbi a proposito delle strofe in oggetto.
Salti a tutti


isses è una diversa forma di istes, si sono mangiati una T, congiuntivo presente di "istare"

1) si mi separo no isses in pena = ne mi separo non stare in pena

ischis cantu fidèle deo ti sia

il congiuntivo presente a seconda della zona è sie o sia, sono entrambi corretti

2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena

non è sbagliato in effetti, tante volte l'imperfetto viene anche usato come condizionale, lo usiamo spessissimo in questo senso, si può dire che sia corretto in entrambi i modi, anche se usando il condizionale la frase suonerebbe come se fosse più ipotetica

2) deo ti cheria fagher de compagnia (io ti volevo/vorrei fare)
2) deo ti dìa chèrrer faghere de cumpagnia (si potrebbe tradurre con "mi piacerebbe farti compagnia" in senso più ipotetico)

saludos!







 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 22/06/2015 : 13:33:46  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Su foristeri ha scritto:

Grodde ha scritto:

esatto, abito proprio in quella zona


Allora certamente mi potrai rispondere.

Ho ascoltato 5-6 anni fa sulla Digital Library della Regione Sardegna una certa Signora Puggioni di Thiesi.

Thiesi fa parte della zona del Logudorese settentrionale.

La Signora Puggioni non usava la pronuncia detta "espirata gutturale" come nella parola "ISCHIRE". Mi sono reso conto che questo è anche vero per il comune di Romana.

Dunque la parola ISCHIRE è pronunciata come la pronunciano a Pattada, a Bonorva o altrove.

Per il resto, tutto sembrava uguale a una parlata Nord Occidentale normale.

A mi podes faghede sa cunfrimma ?

Grazie.

Unu saludu mannu.


saludu su Furisteri!

Thiesi appartiene alla zona Logudorese settentrionale, ma trovandosi al confine con la parlata Logudorese centrale (Bonorva, Giave, Cossoine, Pozzomaggiore) molte pronunce cambiano rispetto alla parlata settentrionale

la pronuncia di cui parli "espirata gutturale" , come nella parola "ISCHIRE" che al nord è pronunciata come una specie di C aspirata, qui da noi non c'è, mi sembra che inizino a pronunciarla cosi a partire da Siligo, Banari, 8km a nord di qua, da noi ISCHIRE è pronunciato col suono SH, come in Shampo, ISH-KIRE, mentre andando più a sud verso Macomer, Bosa (parlata Logudorese centro-meridionale) pronunciano ISCHIRE con una normale S

per esempio, c'è mia madrina che è di Siligo, e mi accorgo delle differenze quando parla, usa molto questa specie di C aspirata, che da noi non esiste da nessuna parte

dulche (dolce) - mentre da noi diciamo "druche"
iscusa (con la C aspirata) - mentre da noi si pronuncia "ish-cusa"
asculta (sempre aspirata) - mentre da noi "aisculta" col suono SH
iscudere (picchiare) - da noi sempre iscudere ma con la SH


saludos!






Modificato da - Grodde in data 22/06/2015 13:36:52

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 22/06/2015 : 14:05:11  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grodde ha scritto:

Folkettara Dilettante ha scritto:

Scusate se vado leggermente fuori tema, ma in questo mio intervento c'entra anche la grammatica srda, anche se parlo di canto a chitarra. In due strofe "a sa nuoresa" che ho iparato, stando a quanto ho letto finora mi sembra che ci siano degli errori di coniugazione.
Le strofe sono queste: 1) si mi separo no isses in pena/ ischis cantu fidèle deo ti sia (l.errore sarebbe nel cong' pres. el verbo "èsse"; 2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena (qui ho l'impressione che "cheria" abbia funzione di condizionale, ma anche lì ho qualche dubbio).
Spero di aver spiegato in maniera esaustiva i miei dubbi a proposito delle strofe in oggetto.
Salti a tutti


isses è una diversa forma di istes, si sono mangiati una T, congiuntivo presente di "istare"

1) si mi separo no isses in pena = ne mi separo non stare in pena

ischis cantu fidèle deo ti sia

il congiuntivo presente a seconda della zona è sie o sia, sono entrambi corretti

2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena

non è sbagliato in effetti, tante volte l'imperfetto viene anche usato come condizionale, lo usiamo spessissimo in questo senso, si può dire che sia corretto in entrambi i modi, anche se usando il condizionale la frase suonerebbe come se fosse più ipotetica

2) deo ti cheria fagher de compagnia (io ti volevo/vorrei fare)
2) deo ti dìa chèrrer faghere de cumpagnia (si potrebbe tradurre con "mi piacerebbe farti compagnia" in senso più ipotetico)

saludos!


l'idea di ipoteticità effettivamente c'è, perché poi la strofa uccessiva dice: "...ma deo no poto, amada mia Flora/t'happ'a sognare fin'a s'aurora". Quindi credo che la strofa che inizia con "...deo ti cheria..." e la sucessiva "ma deo no poto..." dànno quest'idea di ipoteticità di cui tu parli.
A proposito del suono "sh" è quello che si utilizza anche a 'sassari (ad "esempio "ishcara, "ishcora, "cushta", o sbaglio?
Saludos!






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 441  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Grodde

Utente Attivo



Inserito il - 22/06/2015 : 14:37:01  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Grodde Invia a Grodde un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Folkettara Dilettante ha scritto:

Grodde ha scritto:

Folkettara Dilettante ha scritto:

Scusate se vado leggermente fuori tema, ma in questo mio intervento c'entra anche la grammatica srda, anche se parlo di canto a chitarra. In due strofe "a sa nuoresa" che ho iparato, stando a quanto ho letto finora mi sembra che ci siano degli errori di coniugazione.
Le strofe sono queste: 1) si mi separo no isses in pena/ ischis cantu fidèle deo ti sia (l.errore sarebbe nel cong' pres. el verbo "èsse"; 2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena (qui ho l'impressione che "cheria" abbia funzione di condizionale, ma anche lì ho qualche dubbio).
Spero di aver spiegato in maniera esaustiva i miei dubbi a proposito delle strofe in oggetto.
Salti a tutti


isses è una diversa forma di istes, si sono mangiati una T, congiuntivo presente di "istare"

1) si mi separo no isses in pena = ne mi separo non stare in pena

ischis cantu fidèle deo ti sia

il congiuntivo presente a seconda della zona è sie o sia, sono entrambi corretti

2) deo ti cheria fagher de compagnia/in custa note diciosa e amena

non è sbagliato in effetti, tante volte l'imperfetto viene anche usato come condizionale, lo usiamo spessissimo in questo senso, si può dire che sia corretto in entrambi i modi, anche se usando il condizionale la frase suonerebbe come se fosse più ipotetica

2) deo ti cheria fagher de compagnia (io ti volevo/vorrei fare)
2) deo ti dìa chèrrer faghere de cumpagnia (si potrebbe tradurre con "mi piacerebbe farti compagnia" in senso più ipotetico)

saludos!


l'idea di ipoteticità effettivamente c'è, perché poi la strofa uccessiva dice: "...ma deo no poto, amada mia Flora/t'happ'a sognare fin'a s'aurora". Quindi credo che la strofa che inizia con "...deo ti cheria..." e la sucessiva "ma deo no poto..." dànno quest'idea di ipoteticità di cui tu parli.
A proposito del suono "sh" è quello che si utilizza anche a 'sassari (ad "esempio "ishcara, "ishcora, "cushta", o sbaglio?
Saludos!


non esattamente, la pronuncia utilizzata a Sassari è una specie di C aspirata come quella descritta da Furisteri

mentre qui da noi è un suono SH con la S molto marcata, tipo scivolare, scegliere

ad esempio nel Sassarese "ishcara, ishcora", la S non è pronunciata e la C è aspirata, tipo la C dell'accento Toscano, è come cercare di pronunciare la C senza muovere la lingua

mentre da noi "iscala, iscola" = pronunciato ISH-CALA, ISH-COLA, con la S e la C pronunciate chiaramente, il suono SH uguale a quello di "scivolo" per intenderci

mentre la pronuncia del Sassarese "cushta" è un pò più difficile da spiegare, la pronuncia di SC ed ST è molto diversa, se nel primo c'è questo suono aspirato, nel secondo non c',è, invece è come cercare di pronunciare una L e una S assieme, è un pò complicato, come pronunciare una specie di L aspirata, anche da noi si pronuncia in modo simile, mentre già 10km a sud di qua si pronuncia come una normale S

saludos









Modificato da - Grodde in data 22/06/2015 14:38:11

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Tana de su Grodde  ~  Messaggi: 930  ~  Membro dal: 05/06/2007  ~  Ultima visita: 12/10/2015 Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 11 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000