Forum Sardegna - rilancio discussione sul canto a chitarra
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: In alcuni paesi dell'OGLIASTRA , in un passato non tanto lontano, si confezionava e mangiava un raro PANE DI GHIANDE.
Le ghiande, opportunamente tostate e macinate, erano mescolate con argille, che ne moderavano l'acidità ed il sapore allappante. Questo tipo di pane viene collegato da alcuni studiosi a riti magico-propiziatori che prevedevano la "geofagia", ovvero l'ingerimento di terra, ma e' stato probabilmente conservato anche per l'atavica penuria alimentare che affliggeva i poveri delle popolazioni dell'Interno.



 Tutti i Forum
 Presentazioni
 Auguri di compleanno
 rilancio discussione sul canto a chitarra
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Precedente | Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 12

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 15/04/2015 : 10:30:31  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola Odorico ha scritto:

Messaggio di Paola Odorico

Ciao a tutta la comunità di paradisola. Come sapete pur non essendo sarda ho da anni una passione incredibile per il canto a chitarra: fino a due o tre anni fa ero una semplice ascoltatrice... ma in seguito sono stata incoraggiata a provare anche a cantare (anche se a livello dilettantistico). Ci sono diverse domande che mi sono posta da anni e che vorrei condividere con voi: ci sono differenze stilistiche tra il canto "a chitterra" gallurese e quello logudorese (lingua a parte?) Non riesco a trovare dei testi online di canti da imparare anche se ne ho imparati alcuni su Youtube (es. "la più beddha di Gaddhura, i tre canti a sa disisperada "tu di lu mari" "biddhesa rara" e "li più dulci istanti" del compositore gallurese Gavino Gabriel e la corsicana "antoneddu, antoneddu". ci sono siti dove posso recuperare questi testi? Inoltre mi piacerebbe condividere questa mia passione con altre persone disabili, anche se comunque non voglio sembrare troppo settaria.
Spero di non aver annoiato nessuno con questo intervento e, anzi, mi auguro che questo mi aiuti a chiarire molti aspetti del canto a chitarra e, perché no? di tutta la musica tradizionale sarda.
Saluti a tutti Paola
molte persone che conosco mi hanno detto che a Milano, dove vivo, ci sono diversi Circoli Culturali sardi che, ogni tanto, organizzano qualche iniziativaincentrata sulla musica tradizionale: mi piacerebbe nei limiti del possibile assistere a qualche iniziativa sul canto achitarr ma non saprei a chi rivolgermi. Potete segnalarmi eventualmete qualche evento di questo tipo (... mgari potrei cimentarmi io stessa con qualche "corscana" o "tempiesina", gli stili che mi riescono di più)?
Cao da Paola
Ciao a tutti! Questa volta intervengo su alcuni versi che vengono spesso cantati "in re"; ho l'impressone che siano la traduzione in sardo di una poesia italiana della quale non ricordo né titolo né autore (l'avevo studiata all'università, ma sono passati più di trent'anni). provo a trascrivere questi 4 versi (scusandomi, ovviamente, per l'rtografia):
Tue ch'ischis dogni via/diletta rundine cara/frimma su 'olu et mi naras/si has bidu a Fillide mia. C'è qualcuno di voi che riesce a risalire alla versione originale in italiano (credo che fosse addiritturadel '700)? E' possibile trovare online il testo completo in sardo, o perlomeno le strofe che vengono catate più spesso, così riesco a copiarle più facilmente?
Un saluto da Paola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Su foristeri

Utente Medio


Inserito il - 15/04/2015 : 13:53:08  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Su foristeri Invia a Su foristeri un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola Odorico ha scritto:

Messaggio di Paola Odorico

Ciao a tutta la comunità di paradisola. Come sapete pur non essendo sarda ho da anni una passione incredibile per il canto a chitarra: fino a due o tre anni fa ero una semplice ascoltatrice... ma in seguito sono stata incoraggiata a provare anche a cantare (anche se a livello dilettantistico). Ci sono diverse domande che mi sono posta da anni e che vorrei condividere con voi: ci sono differenze stilistiche tra il canto "a chitterra" gallurese e quello logudorese (lingua a parte?) Non riesco a trovare dei testi online di canti da imparare anche se ne ho imparati alcuni su Youtube (es. "la più beddha di Gaddhura, i tre canti a sa disisperada "tu di lu mari" "biddhesa rara" e "li più dulci istanti" del compositore gallurese Gavino Gabriel e la corsicana "antoneddu, antoneddu". ci sono siti dove posso recuperare questi testi? Inoltre mi piacerebbe condividere questa mia passione con altre persone disabili, anche se comunque non voglio sembrare troppo settaria.
Spero di non aver annoiato nessuno con questo intervento e, anzi, mi auguro che questo mi aiuti a chiarire molti aspetti del canto a chitarra e, perché no? di tutta la musica tradizionale sarda.
Saluti a tutti Paola
molte persone che conosco mi hanno detto che a Milano, dove vivo, ci sono diversi Circoli Culturali sardi che, ogni tanto, organizzano qualche iniziativaincentrata sulla musica tradizionale: mi piacerebbe nei limiti del possibile assistere a qualche iniziativa sul canto achitarr ma non saprei a chi rivolgermi. Potete segnalarmi eventualmete qualche evento di questo tipo (... mgari potrei cimentarmi io stessa con qualche "corscana" o "tempiesina", gli stili che mi riescono di più)?
Cao da Paola


Sul sito del Messaggero Sardo, si possono trovare tutti i circoli del mondo e quelli della Lombardia in particolare :

http://www.ilmessaggerosardo.com/

Vedere in alto a CIRCOLI. Ci sono 20 circoli in Lombardia. Per ogni circolo, c'è nome del presidente, indirizzo, telefono, sito web, ecc.....






 Regione Estero  ~ Città: Parigi  ~  Messaggi: 226  ~  Membro dal: 15/01/2010  ~  Ultima visita: 12/12/2019 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 17/04/2015 : 09:03:06  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
volevo sapere se la poesia "tu di lu mari" (utilizzata per una "disisperada" tra le mie preferite) ha il testo più lungo dei versi che i cantadores usano?





 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 17/04/2015 : 09:32:48  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Messaggio di Paola Odorico

Ciao a tutta la comunità di paradisola. Come sapete pur non essendo sarda ho da anni una passione incredibile per il canto a chitarra: fino a due o tre anni fa ero una semplice ascoltatrice... ma in seguito sono stata incoraggiata a provare anche a cantare (anche se a livello dilettantistico). Ci sono diverse domande che mi sono posta da anni e che vorrei condividere con voi: ci sono differenze stilistiche tra il canto "a chitterra" gallurese e quello logudorese (lingua a parte?) Non riesco a trovare dei testi online di canti da imparare anche se ne ho imparati alcuni su Youtube (es. "la più beddha di Gaddhura, i tre canti a sa disisperada "tu di lu mari" "biddhesa rara" e "li più dulci istanti" del compositore gallurese Gavino Gabriel e la corsicana "antoneddu, antoneddu". ci sono siti dove posso recuperare questi testi? Inoltre mi piacerebbe condividere questa mia passione con altre persone disabili, anche se comunque non voglio sembrare troppo settaria.
Spero di non aver annoiato nessuno con questo intervento e, anzi, mi auguro che questo mi aiuti a chiarire molti aspetti del canto a chitarra e, perché no? di tutta la musica tradizionale sarda.
Saluti a tutti Paola
vorrei approfittare anche per avere qualche informazione su quattro versi che, di solito vengono cantati "in re"; provo a trascriverli: "tue ch'ischis dogni via/ diletta rundine cara/frimma su bolu e mi naras/si has bidu a Fillide mia...". A me sembra che siano la traduzione in sardo di una oesia del '700 di cui non so nï titolo né auore (l'avevo studiata all'università più di trent'anni fa). Non so se questa è solo una mia impressione o se esiste veramente questa poesia italiana della quale sono stati tradotti in sardo i versi che ho trascritto.
Saluti a tutti.






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Petru2007

Moderatore




Inserito il - 24/04/2015 : 14:57:48  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Petru2007 Invia a Petru2007 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola Odorico ha scritto:

volevo sapere se la poesia "tu di lu mari" (utilizzata per una "disisperada" tra le mie preferite) ha il testo più lungo dei versi che i cantadores usano?


Non so a quale versione ti riferisca.
Sono alcuni versi del poeta gallurese Pietro Orecchioni (1820-1888)localmente conosciuto come Petr’Alluttu.
Una versione, pubblicata da G. Cossu e F. Fresi nel 1988 in “I Poeti popolari di Gallura” è costituita da due versi iniziali e quattro ottave di endecasillabi, i cui ultimi due di ciascuna strofa fanno rima con il distico iniziale:
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

Sono dedicati ad una bella ragazza, figlia del comandante di un piccolo veliero che faceva tappa lungo le coste galluresi per esercitare attività commerciale.
Un giorno d’estate, caldo ed afoso, nella zona di Vignola il poeta era intento con altri individui alle operazioni di carico e scarico delle merci sul battello, quando la ragazza portò loro dell’acqua fresca per alleviare la fatica alla quale erano sottoposti.
La ragazza non disse alcuna parola (cantu se’ bedda candu ridi e cagli) ma si limitò ad un piccolo sorriso...






Modificato da - Petru2007 in data 24/04/2015 15:01:01

  Firma di Petru2007 

Nuraghe Succuronis

Macomer (Nu)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia-Tempio  ~  Messaggi: 3594  ~  Membro dal: 12/01/2007  ~  Ultima visita: 30/11/2019 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 24/04/2015 : 23:30:35  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Petru2007 ha scritto:

Paola Odorico ha scritto:

volevo sapere se la poesia "tu di lu mari" (utilizzata per una "disisperada" tra le mie preferite) ha il testo più lungo dei versi che i cantadores usano?


Non so a quale versione ti riferisca.
Sono alcuni versi del poeta gallurese Pietro Orecchioni (1820-1888)localmente conosciuto come Petr’Alluttu.
Una versione, pubblicata da G. Cossu e F. Fresi nel 1988 in “I Poeti popolari di Gallura” è costituita da due versi iniziali e quattro ottave di endecasillabi, i cui ultimi due di ciascuna strofa fanno rima con il distico iniziale:
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

Sono dedicati ad una bella ragazza, figlia del comandante di un piccolo veliero che faceva tappa lungo le coste galluresi per esercitare attività commerciale.
Un giorno d’estate, caldo ed afoso, nella zona di Vignola il poeta era intento con altri individui alle operazioni di carico e scarico delle merci sul battello, quando la ragazza portò loro dell’acqua fresca per alleviare la fatica alla quale erano sottoposti.
La ragazza non disse alcuna parola (cantu se’ bedda candu ridi e cagli) ma si limitò ad un piccolo sorriso...

Grazie Petru! Le versioni che ho ascoltato finora sono quelle di Mario Scanu e di Luigino Cossu sr. (ma anche il nipote ne ha fatta una versione molto bella...): tutte queste versioni però non hanno i versi che mi hai trascritto (terminano con "...cantu sé beddha candu ridi e cagli/chi t'ama c'ad amà no havidea). Purtroppo non ho ancora trovato la versione con i versi che mi hai segnalato... Magari hai sentito qualcuno che canta questi versi in più?






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 27/04/2015 : 11:27:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Su Wikisource nel link "canti della Sardegna" ho trovato il testo di "li bibbinnadori", una filugnana che avevo sentito dal gruppo "aggius" di Salvatore Stangoni (ecco la prima strofa: "curagghju bibbinnadori/lestre alzeti li mani/ca siddhera pa li 'agghjani/la 'igna poni a fiori". Anche se ho letto che è un testo anonimo, ho l'impressione che sia una poesia di don Gavino Pes. Cosa ne pensate?





 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Petru2007

Moderatore




Inserito il - 27/04/2015 : 20:36:25  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Petru2007 Invia a Petru2007 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ti mando la versione riportata nel testo succitato, con qualche piccola correzione
Ovviamente Zio Luiginu Cossu e il nipote Luigineddu possono avere cambiato qualcosa per adattarla meglio al canto.

A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

1 – Ti di la primmaera se’ la rosa
luna par abbaglià li bè tarreni
l’aurora la stella luminosa
chi di lu mari abbagli li sireni
Idula rispiranti, fatti’sposa
manda un colpu di spada a li cateni
da li peni d’un pettu moribundu
sò abbalti li ‘janni di lu cori.
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

2 – Tu di lu mari li sireni abbagli
di l’ugghjetti tarreni se’ la dea
da la to’ cara mandi li spiragli
ch’abbagliani sireni in fundu d’ea.
Cantu se’ bedda candu ridi e cagli
ca t’ama e ca no t’ama n’ha videa
lu soli ill’ea di lu mari profundu
passa e ti ‘esti di lu so’ sbrandori.
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

3 – Tu isbrandi illa tarra e luci dai
tu insembi cu’ l’astri ti rinoi
si n’ha lu soli d’infucati rai
ni tramandan’ancora l’occhji toi
e pa’ la rarittù e viltù ch’hai
l’alburu di lu soli saltà poi
dapoi chi lu soli ghjira in tundu
dugna mani t’arreca li so’ fiori.
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.

4 – Dulci come lu dì nascendi in mari
a te ghjà poni dì la bedda ‘stragna
candu la stella matuttina appari
da l’orienti accò la to’ cumpagna
l’occhji toi ridenti sò irrari
palchì nisciun biddesa ti gadagna
tu se’ la bedda ‘stragna chi sigundu
sinni ‘eni cun tecu dugna cori.
A te ghjà poni dì bedda illu mundu
La stella di lu mari e di l’amori.






  Firma di Petru2007 

Nuraghe Succuronis

Macomer (Nu)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia-Tempio  ~  Messaggi: 3594  ~  Membro dal: 12/01/2007  ~  Ultima visita: 30/11/2019 Torna all'inizio della Pagina

Petru2007

Moderatore




Inserito il - 27/04/2015 : 20:41:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Petru2007 Invia a Petru2007 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola Odorico ha scritto:

Su Wikisource nel link "canti della Sardegna" ho trovato il testo di "li bibbinnadori", una filugnana che avevo sentito dal gruppo "aggius" di Salvatore Stangoni (ecco la prima strofa: "curagghju bibbinnadori/lestre alzeti li mani/ca siddhera pa li 'agghjani/la 'igna poni a fiori". Anche se ho letto che è un testo anonimo, ho l'impressione che sia una poesia di don Gavino Pes. Cosa ne pensate?


Non credo sia di Don Baignu, non è il suo genere.
Essendo molto popolare nel territorio aggese, potrebbe essere del poeta locale Michele Andrea Tortu (1834-1888), meglio noto come Preti Migal'andrìa.
Spesso si tende ad attribuire a Don Baignu molte opere anonime, essendo il poeta più famoso, quasi a darle una patente di nobiltà.
Anche a proposito di "Tu li Mari..." qualche idiota considera come autore il Pes.






  Firma di Petru2007 

Nuraghe Succuronis

Macomer (Nu)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia-Tempio  ~  Messaggi: 3594  ~  Membro dal: 12/01/2007  ~  Ultima visita: 30/11/2019 Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 27/04/2015 : 21:26:44  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Petru2007 ha scritto:

Paola Odorico ha scritto:

Su Wikisource nel link "canti della Sardegna" ho trovato il testo di "li bibbinnadori", una filugnana che avevo sentito dal gruppo "aggius" di Salvatore Stangoni (ecco la prima strofa: "curagghju bibbinnadori/lestre alzeti li mani/ca siddhera pa li 'agghjani/la 'igna poni a fiori". Anche se ho letto che è un testo anonimo, ho l'impressione che sia una poesia di don Gavino Pes. Cosa ne pensate?


Non credo sia di Don Baignu, non è il suo genere.
Essendo molto popolare nel territorio aggese, potrebbe essere del poeta locale Michele Andrea Tortu (1834-1888), meglio noto come Preti Migal'andrìa.
Spesso si tende ad attribuire a Don Baignu molte opere anonime, essendo il poeta più famoso, quasi a darle una patente di nobiltà.
Anche a proposito di "Tu li Mari..." qualche idiota considera come autore il Pes.
Rileggendo la versione completa di "tu di lu mari" ho riconosciuto anche una versione a "tasgia" fatta dal Coro Gabriel di tempio con il titolo "idula" (credo che abbiano preso la terza strofa). Comunque, mi emoziona di più quando viene cantata in stile "disisperada" o "disispirata" in gallurese. Quanto a "li bibbinnadori" ho pensato al Pes perché il testo parla di "'agghjani", ma devo averlo interpretato male, pur avendolo provato un po' di volte a casa con la chitarra. Se trovo un po' di tempo mi copio "tu di lu mari" (o "idula"? in una cartella dedicata ai testi dei canti a chitarra.
Grazie di nuovo, Petru!
Paola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 30/04/2015 : 17:05:41  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ho appena finito di copiare una nuoresa di Maria Teresa Cau, la "Joan Baez" sarda (s'intitola "in custa notte bella), ma non riesco a capire l'ultima strofa: chi può ricopiarmi la strofa mancante (sono tre), please?
paola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Tzinnigas
Salottino
Moderatore




Inserito il - 04/05/2015 : 18:54:56  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Tzinnigas Invia a Tzinnigas un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Paola Odorico ha scritto:

Paola Odorico ha scritto:

Messaggio di Paola Odorico

Ciao a tutta la comunità di paradisola. Come sapete pur non essendo sarda ho da anni una passione incredibile per il canto a chitarra: fino a due o tre anni fa ero una semplice ascoltatrice... ma in seguito sono stata incoraggiata a provare anche a cantare (anche se a livello dilettantistico). Ci sono diverse domande che mi sono posta da anni e che vorrei condividere con voi: ci sono differenze stilistiche tra il canto "a chitterra" gallurese e quello logudorese (lingua a parte?) Non riesco a trovare dei testi online di canti da imparare anche se ne ho imparati alcuni su Youtube (es. "la più beddha di Gaddhura, i tre canti a sa disisperada "tu di lu mari" "biddhesa rara" e "li più dulci istanti" del compositore gallurese Gavino Gabriel e la corsicana "antoneddu, antoneddu". ci sono siti dove posso recuperare questi testi? Inoltre mi piacerebbe condividere questa mia passione con altre persone disabili, anche se comunque non voglio sembrare troppo settaria.
Spero di non aver annoiato nessuno con questo intervento e, anzi, mi auguro che questo mi aiuti a chiarire molti aspetti del canto a chitarra e, perché no? di tutta la musica tradizionale sarda.
Saluti a tutti Paola
molte persone che conosco mi hanno detto che a Milano, dove vivo, ci sono diversi Circoli Culturali sardi che, ogni tanto, organizzano qualche iniziativaincentrata sulla musica tradizionale: mi piacerebbe nei limiti del possibile assistere a qualche iniziativa sul canto achitarr ma non saprei a chi rivolgermi. Potete segnalarmi eventualmete qualche evento di questo tipo (... mgari potrei cimentarmi io stessa con qualche "corscana" o "tempiesina", gli stili che mi riescono di più)?
Cao da Paola
Ciao a tutti! Questa volta intervengo su alcuni versi che vengono spesso cantati "in re"; ho l'impressone che siano la traduzione in sardo di una poesia italiana della quale non ricordo né titolo né autore (l'avevo studiata all'università, ma sono passati più di trent'anni). provo a trascrivere questi 4 versi (scusandomi, ovviamente, per l'rtografia):
Tue ch'ischis dogni via/diletta rundine cara/frimma su 'olu et mi naras/si has bidu a Fillide mia. C'è qualcuno di voi che riesce a risalire alla versione originale in italiano (credo che fosse addiritturadel '700)? E' possibile trovare online il testo completo in sardo, o perlomeno le strofe che vengono catate più spesso, così riesco a copiarle più facilmente?
Un saluto da Paola



SA RUNDINE PASSIZERA

Tue ch'ischis ogni via,
diletta rundine cara,
firma su 'olu e mi nara
s'has bidu a Fillide mia.

Pro sa primavera bella
ses a su nidu torrada
ma de Fillide istimada
no m'has batidu novella!
Ave chi cantu s'istella
bolende in altu caminas,
in forestas, in marins
has bidu a Fiilide mia?

In cuddas rivas amenas
de cuddos lontanos lidos,
ue lios fioridos
inghirlandana sas renas;
ue ninfas e sirenas
'istan umpare gioghende;
no hapas bidu passende
si bi fit Fillide mia?

Ses passada in Palestina,
in su Libanu, in s'Ispagna;
in s'africana campagna,
in sa Turchia, in sa Cina;
in s'isula Canarina,
in Portugallu, in Giappone
e no ha cognizione
de u'est Fillide mia?
Ave bella viaggiante
cantu ti dia istimare
si cherferes arrivare
a u'est Fillide amante!
S'issa non est a Levante
l'hasa no est a Ponente,
ma in calchi continente
s'incontrat Fillide mia.

Bola, ma non boles solu
a sos logos ch'ischis tue:
in s'aera non b'hat nue
chi ti cuntrastet su 'olu;
podes dae polu in polu
passare mares e montes
in totu sos orizzontes
chirchende a Fillide mia!

Bola si podes ancora
in logos disabitados
ue non sun penetrados
sos rajos de s'aurora,
e fidele imbasciadora
da sas notiscias chi bramo,
tue sias de sa ch'amo,
ch'est cudda Fillide mia.

Finis, cun ala lezera
tenta s'ultima fortuna,
già chi podes a sa luna
pigare a bolu in s'area...
Chent'e una primavera
potas de nidu godire
poi che des require
in sinu a Fillide mia.

Bunnannaru - Abrile 1893.







  Firma di Tzinnigas 


... Este de moros custa bandera ki furat su coro...(Cordas & Cannas)


"Ci sono due cose durature che possiamo sperare di lasciare in eredità ai nostri figli: le radici e le ali” (Hodding Carter)

 Regione Trentino - Alto Adige  ~ Prov.: Trento  ~ Città: Predazzo /Villa S. Antonio  ~  Messaggi: 4940  ~  Membro dal: 27/08/2008  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 05/05/2015 : 10:00:33  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie per avermi postato il testo completo di questa poesia che, come avevo detto prima, si canta spesso "in re"... mi viene da ridere se penso che all'unversità mi avevano detto che Fillide non è il nome di una donna: infatti pare che nel 700 si ialianizzavano molte parole greche e Fillide era litalanizzazione di "pecora" in greco antico... quindi, se ricordo bene, si parla di un pastore che cerca la sua pecora preferita (purtroppo non riesco a ricordare l'autore italiano che ha scritto il testo originale, tradotto poi in logudorese.
Magari oltre a copiare il testo me lo riascolto più volte, perché è piuttosto lungo anche se è più corto di altre poesie "a chitarra" come "badde mala" o "sa bellesa de Clori" (lunghissime!!!).
iao da Paola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 05/05/2015 : 10:33:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Tzinnigas ha scritto:

Paola Odorico ha scritto:

Paola Odorico ha scritto:

Messaggio di Paola Odorico

Ciao a tutta la comunità di paradisola. Come sapete pur non essendo sarda ho da anni una passione incredibile per il canto a chitarra: fino a due o tre anni fa ero una semplice ascoltatrice... ma in seguito sono stata incoraggiata a provare anche a cantare (anche se a livello dilettantistico). Ci sono diverse domande che mi sono posta da anni e che vorrei condividere con voi: ci sono differenze stilistiche tra il canto "a chitterra" gallurese e quello logudorese (lingua a parte?) Non riesco a trovare dei testi online di canti da imparare anche se ne ho imparati alcuni su Youtube (es. "la più beddha di Gaddhura, i tre canti a sa disisperada "tu di lu mari" "biddhesa rara" e "li più dulci istanti" del compositore gallurese Gavino Gabriel e la corsicana "antoneddu, antoneddu". ci sono siti dove posso recuperare questi testi? Inoltre mi piacerebbe condividere questa mia passione con altre persone disabili, anche se comunque non voglio sembrare troppo settaria.
Spero di non aver annoiato nessuno con questo intervento e, anzi, mi auguro che questo mi aiuti a chiarire molti aspetti del canto a chitarra e, perché no? di tutta la musica tradizionale sarda.
Saluti a tutti Paola
molte persone che conosco mi hanno detto che a Milano, dove vivo, ci sono diversi Circoli Culturali sardi che, ogni tanto, organizzano qualche iniziativaincentrata sulla musica tradizionale: mi piacerebbe nei limiti del possibile assistere a qualche iniziativa sul canto achitarr ma non saprei a chi rivolgermi. Potete segnalarmi eventualmete qualche evento di questo tipo (... mgari potrei cimentarmi io stessa con qualche "corscana" o "tempiesina", gli stili che mi riescono di più)?
Cao da Paola
Ciao a tutti! Questa volta intervengo su alcuni versi che vengono spesso cantati "in re"; ho l'impressone che siano la traduzione in sardo di una poesia italiana della quale non ricordo né titolo né autore (l'avevo studiata all'università, ma sono passati più di trent'anni). provo a trascrivere questi 4 versi (scusandomi, ovviamente, per l'rtografia):
Tue ch'ischis dogni via/diletta rundine cara/frimma su 'olu et mi naras/si has bidu a Fillide mia. C'è qualcuno di voi che riesce a risalire alla versione originale in italiano (credo che fosse addiritturadel '700)? E' possibile trovare online il testo completo in sardo, o perlomeno le strofe che vengono catate più spesso, così riesco a copiarle più facilmente?
Un saluto da Paola



SA RUNDINE PASSIZERA

Tue ch'ischis ogni via,
diletta rundine cara,
firma su 'olu e mi nara
s'has bidu a Fillide mia.

Pro sa primavera bella
ses a su nidu torrada
ma de Fillide istimada
no m'has batidu novella!
Ave chi cantu s'istella
bolende in altu caminas,
in forestas, in marins
has bidu a Fiilide mia?

In cuddas rivas amenas
de cuddos lontanos lidos,
ue lios fioridos
inghirlandana sas renas;
ue ninfas e sirenas
'istan umpare gioghende;
no hapas bidu passende
si bi fit Fillide mia?

Ses passada in Palestina,
in su Libanu, in s'Ispagna;
in s'africana campagna,
in sa Turchia, in sa Cina;
in s'isula Canarina,
in Portugallu, in Giappone
e no ha cognizione
de u'est Fillide mia?
Ave bella viaggiante
cantu ti dia istimare
si cherferes arrivare
a u'est Fillide amante!
S'issa non est a Levante
l'hasa no est a Ponente,
ma in calchi continente
s'incontrat Fillide mia.

Bola, ma non boles solu
a sos logos ch'ischis tue:
in s'aera non b'hat nue
chi ti cuntrastet su 'olu;
podes dae polu in polu
passare mares e montes
in totu sos orizzontes
chirchende a Fillide mia!

Bola si podes ancora
in logos disabitados
ue non sun penetrados
sos rajos de s'aurora,
e fidele imbasciadora
da sas notiscias chi bramo,
tue sias de sa ch'amo,
ch'est cudda Fillide mia.

Finis, cun ala lezera
tenta s'ultima fortuna,
già chi podes a sa luna
pigare a bolu in s'area...
Chent'e una primavera
potas de nidu godire
poi che des require
in sinu a Fillide mia.

Bunnannaru - Abrile 1893.
scusa Graziano! Avrei dovuto quotarti, comunque ti ringrazio nuovamente.
Ciao da Paola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina

Folkettara Dilettante

Utente Medio


Inserito il - 07/05/2015 : 08:53:54  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Folkettara Dilettante Invia a Folkettara Dilettante un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
vorrei fare una domanda di natura più o meno tecnica: tra le espressioni che si usano nella terminologia del canto a chitarra mi è capitato di leggere "boghe leada" e "boghe furada"; cosa significno questi termini? C'è qualcuno che può spiegarmeli?
Saludos a tottus daePaola






 Regione Lombardia  ~ Prov.: Milano  ~ Città: milano  ~  Messaggi: 435  ~  Membro dal: 07/02/2015  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 12 Discussione  
Pagina Precedente | Pagina Successiva
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000