Forum Sardegna - il metanodotto Galsi
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: Le prove di fabbriche di laterizi appartenute ad ATTE, una donna sarda concubina dell'imperatore Nerone, sono date da numerosi frammenti di embrici che recano il marchio " Atte Liberta Caesaris" , che si rinvengono in una vasta area , da Olbia all'Anglona.



 Tutti i Forum
 Varie dalla Sardegna
 la Sardegna che non mi piace..
 il metanodotto Galsi
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 8

nio84

Utente Medio



Inserito il - 31/10/2011 : 23:41:52  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao, ragazzi, è da molto che non scrivo qui,
però una situazione vergognosa si sta verificando in Sardegna, quella del metanodotto Galsi, la maggior parte dei cittadini sardi non lo vuole, in quanto sarà solo una servitù di passaggio che porterà via terre e natura alla Sardegna, in cambio di nessun vantaggio, tra l'altro proterà anche preoccupazione, in quanto non è sicuro.
La Sardegna serve solo come piattaforma per spedire il gas in Italia.
Il pensiero di molti è che stanno continuando a utilizzarci come una colonia.
E' ora di dire basta e far sentire il nostro pensiero.
Volevo a tal proposito segnalare un gruppo su facebook: http://www.facebook.com/groups/nogalsisardegna/








Modificato da - nio84 in Data 31/10/2011 23:43:27

 Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013

Google Sardegna


Pubblicità

sonos

Utente Attivo


Inserito il - 01/11/2011 : 10:32:21  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sonos Invia a sonos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io non sono su facebook, ma ti chiederei di esporre chiaramente quali sono i motivi per non avere il metanodotto in Sardegna.
Le poche frasi che hai scritto sono molto generiche e poco esemplificative.








  Firma di sonos 
www.sulcisnaturalmente.eu

http://fabiocoronafotografie.blogspot.it

 Regione Sardegna  ~ Città: Carbonia  ~  Messaggi: 823  ~  Membro dal: 20/01/2009  ~  Ultima visita: 08/01/2014 Torna all'inizio della Pagina

pollo mannaro

Utente Medio


Inserito il - 02/11/2011 : 11:31:15  Link diretto a questa risposta  Rispondi Quotando
Messaggio di nio84

Ciao, ragazzi, è da molto che non scrivo qui,
però una situazione vergognosa si sta verificando in Sardegna, quella del metanodotto Galsi, la maggior parte dei cittadini sardi non lo vuole, in quanto sarà solo una servitù di passaggio che porterà via terre e natura alla Sardegna, in cambio di nessun vantaggio, tra l'altro proterà anche preoccupazione, in quanto non è sicuro.
La Sardegna serve solo come piattaforma per spedire il gas in Italia.
Il pensiero di molti è che stanno continuando a utilizzarci come una colonia.
E' ora di dire basta e far sentire il nostro pensiero.
Volevo a tal proposito segnalare un gruppo su facebook: http://www.facebook.com/groups/nogalsisardegna/



Scusa la franchezza, ma il tuo post mi pare povero, di idee e spiegazioni. Se davvero il GALSI fosse una iattura, post come questi non aiuterebbero. Se hai dati, notizie, ragionamenti, bene, altrimenti fai solo danno: pensi che le persone siano disponibili ad essere "contro" a prescindere?
Ciao








 Regione Estero  ~ Città: Atlantide  ~  Messaggi: 450  ~  Membro dal: 25/12/2010  ~  Ultima visita: 23/03/2012 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 04/11/2011 : 16:34:19  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Avete ragione, ora per motivi di tempo non posso argomentare bene, ma avendo noi già ampiamente trattato l'argomento su facebook vi posto 2 documenti:

IL GALSI ? ...NON CI SERVE.
pubblicata da SARDEGNA UNITA E INDIPENDENTE il giorno mercoledì 2 novembre 2011 alle ore 23.37

Dopo quattro anni di studio riteniamo di poter vantare un’approfondita Conoscenza delle carte del Progetto Galsi, e delle implicazioni negative che dalla costruzione del gasdotto ne deriverebbero, per la Sardegna e per i Sardi.

Soprattutto, non abbiamo interesse alcuno a favorire colossi come Eni, Saras, Assopetroli etc. Comunque, per esattezza e per chi non lo sapesse, Eni è parte integrante della compagine azionaria di Galsi.

La nostra voce rappresenta quella larga parte di Sardegna che ama la propria terra e intende tutelarla da una preannunciata devastazione ambientale e da una servitù senza precedenti, oltre 20 milioni di metri quadrati di territorio.

Le cantilene di questi ultimi giorni, ripetute da chi ha sì competenze ma non - secondo noi - conoscenza delle carte progettuali, non rispondono al vero. Parliamo di fatti e di atti! Lo sbandierato risparmio sulle bollette, e il lavoro per le imprese, non trovano alcun riscontro nelle carte del progetto, nei documenti di programmazione regionale, né in nessun altro documento ufficiale.

Il metanodotto non assicura impulso allo sviluppo dell’industria, come sostenuto da Pili e Murgia. L’ex presidente della Regione e l’ex assessore dell’Industria avrebbero dovuto pensare prima all’interesse dei sardi, visti i ruoli istituzionali ricoperti. Oggi ormai le famiglie sono collassate assieme all’industria. Con chi invece crede ancora alla favola del “gasdotto opportunità per l’isola”, auspichiamo uno scambio di opinioni e Conoscenze, senza pregiudizio alcuno, almeno per noi.

La Galsi è una Società per azioni, deve fare business. Non sono benefattori, del gas per i Sardi a loro nulla interessa. Hanno trovato terreno di conquista nell’isola, grazie alla lungimiranza - la storia non ha proprio insegnato niente - dei nostri rappresentanti politici (sigh!).

E ci scaricano un obsoleto ferrovecchio che procurerà una ferita mortale alle attività produttive - e non solo - dell’isola. Altro che millantare crescita e sviluppo. Una non quantificata perdita di posti di lavoro in tutti i settori portanti dell’ economia, per non parlare del colpo letale inferto alla vocazione turistica della Sardegna, all’archeologia e alla nostra storia millenaria. Ci dispiace constatare che un sardo come Mauro Pili parli di “pregiudizio ambientalistico”, invece di sottolineare i danni provocati dallo scavo dell’imponente trincea: 430 attraversamenti fluviali, spostamento di innumerevoli alvei di fiumi, interruzione della viabilità, eliminazione di vigneti e querceti, solo per citarne alcuni. Omettendo anche di dire - in un’isola anche nota per l’alto numero di incendi - che il gas a 50 gradi esplode. Il gas non è un’opportunità per l’isola è soprattutto non ci serve.

Comitato ProSardegna NoGalsi

Da Sardegna 24 del 2 novembre 2011








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 04/11/2011 : 16:35:14  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ed ecco un altro:
Metanodotto Galsi - L'autostrada della morte in Sardegna
Progetto Galsi: la devastazione dell'isola e la morte di un popolo.


Sardegna solo "servitù di passaggio" di un'opera pericolosa e portatrice di menzogne. Un tubo di 1 mt e 20 di diametro che trasporterà il metano: un gas ad alto rischio di esplosione, dall'Algeria in Italia, dividerà nettamente la Sardegna in due parti in senso longitudinale, da Sud a Nord. Un'area di servizio di circa 80 metri a destra e 80 mt a sinistra costeggerà il tubo e sarà protetta da strutture anche murarie, precostituendo un serpente di cemento armato.

La realizzazione del progetto prevede la distruzione di tutto ciò che l'opera incontrerà: cultura, arte, natura, economie tradizionali e non. Il rischio costante di esplosioni con conseguenti disastri, condizionerà la vita già mortificata delle popolazioni sarde. Per un'"opera criminale" di tale portata distruttiva, chiamata dai progettisti "servitù di passaggio", non è previsto nessun compenso economico e nessun servizio per la Sardegna e la sua gente. Mentre l'attuazione di questo progetto avanza in silenzio, si sta procedendo ai bandi di esproprio per le aree interessate, nessuna informazione su questo eco-mostro e sulla sua pericolosità è data ai sardi dai media e dagli enti preposti, ancor meno le forze politiche discutono e coinvolgono le collettività su questo devastante progetto.

Il Galsi, con la distruzione della nostra isola, segnerà la fine della storia di un popolo consumato dall'ingordigia del colonialismo e delle multinazionali, avvallato dalla miopia e dal disinteresse della classe politica sarda, un dato non nuovo. Ma i sardi liberi non si rassegnano a questo sopruso e lotteremo contro questo ennesimo attentato al nostro ambiente. Noi rivendichiamo il diritto a decidere autonomamente e liberamente su tutte le c.d. "grandi opere" che il colonialismo italiano, con le multinazionali della globalizzazione ci "vorrebbero regalare", bontà loro, per portarci la "modernizzazione, la civiltà e il progresso".

Questo è un copione già letto e 60 anni di Autonomia regionale sono un tragico film già visto dai sardi. Nessuno può toglierci il diritto di decidere a casa nostra e tanto meno può privarci del diritto alla Libertà, all'Autodeterminazione e all'Indipendenza economica, sociale e politica.

Il metano può viaggiare con le navi, ma c'è qualche costo da pagare, quindi "is meris" scelgono di distruggere la Sardegna perché nelle colonie tutto è gratis e nulla è dovuto al popolo sovrano...

Claudia Zuncheddu








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 04/11/2011 : 16:38:43  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sempre su facebook, troviamo un gruppo creato da Pili, che è a favore del gasdotto, dove esplicitamente omette di dire cose importantissime. La cosa più preoccupante è che tutto sta procedendo senza parlare ai sardi del vero problema a cui vanno incontro.

Alcune considerazioni sulle cose che scrivono nel gruppo del Si, e quindi di tutte le cose inesatte.

Dal gruppo del si - Nel documento: COME SARA' REALIZZATO IL METANODOTTO di Pili
Per quanto riguarda la posa a terra dice: "La posa a terra del Galsi si articolerà invece in due momenti, una prima fase che prevede lo scavo della trincea e la successiva posa della condotta, a cui segue la fase finale di rinterro e ripristino ambientale."
Cosa intende per ripristino ambientale, omette di dire nel suo post che ci sarà una servitù di passaggio, larga circa 165 circa, delimitata da muri. E che il terreno sarà espropriato.

Anche nel documento: TUTTI I DATI DEL METANODOTTO
si parla in modo molto superficiale:
TRATTO A TERRA IN SARDEGNA LUNGHEZZA TRACCIATO 272 km
DIAMETRO DELLA CONDOTTA 48 pollici (120 cm) PRESSIONE DI PROGETTO 75 bar
(omette anche qui di dire 80 metri a destra e a sinistra della condotta)
RIVESTIMENTO ESTERNO [...] gunite (rivestimento in cemento armato solo in acque poco profonde)
E questo cemento armato in acque poco profonde cosa vuol dire?? Quanto poco profonde? anche sulla spiaggia? Questo è un altro grosso problema di impatto ambientale per le nostre coste.

Nel documento I VANTAGGI PER LA SARDEGNA dice:
Le condizioni geografiche della Sardegna e la scarsa disponibilità di risorse naturali locali, hanno reso fino ad oggi il sistema energetico sardo dipendente per il 94% da fonti esterne.
Falso!!! Non c'è cosa più falsa, in quanto la Sardegna è energeticamente autosufficente, e produce anche di più.

Parole di Pili nel suo gruppo:
"Il Galsi – aggiunge l'ex Presidente - migliorerà la sicurezza di approvvigionamento del gas garantendo il transito di ulteriori 8 mld m³/a di gas naturale algerino verso il mercato italiano ed europeo, sarà in grado di soddisfare la domanda crescente di gas naturale nell'Unione Europea"
Qui dice la verità, infatti dice che serve all'europa e all'italia. Dando cosi forza alla nostra tesi, perchè in Sardegna non serve.

Come possiamo vedere ha creato un gruppo su cose poco chiare, dove non spiega niente di tutti i problemi che questo gasdotto porterà alla Sardegna. Poca chiarezza = troppe cose da nascondere!!








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

DedaloNur
Salottino
Utente Master



Inserito il - 04/11/2011 : 19:15:42  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di DedaloNur Invia a DedaloNur un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ciao NIo84, io purtroppo ho poche informazioni sul GALS, quindi anzitutto grazie per l'opera di sensibilizzazione, tuttavia- lo dico anche per lo scopo che ti proponi di raggiungere - dovresti documentare meglio le specifiche di questo progetto:

ad esempio, tu da dove prendi i dati sull'area utile intorno al galsi?

gli 80 metri.
poi, la questione sicurezza che citi in rapporto agli incendi, possibile che non ci siano contromisure? lo stesso fatto che il galsi sia interrato, non sarebbe una misura passiva antincendio?

Nel documento I VANTAGGI PER LA SARDEGNA dice:
Le condizioni geografiche della Sardegna e la scarsa disponibilità di risorse naturali locali, hanno reso fino ad oggi il sistema energetico sardo dipendente per il 94% da fonti esterne.
Falso!!! Non c'è cosa più falsa, in quanto la Sardegna è energeticamente autosufficente, e produce anche di più.

su questo ti do sin da ora ragione è una bestialità. E la cosa certo non mi sorprende visto l'affarismo rapace di cui la Sardegna è preda in fatto di energie, smaltimento rifiuti, cementificazione ecc.

tutavia anche qui: dovresti documentare meglio i presunti o possibili vantaggi che ne deriverebbero alla Sardegna e naturalmente gli svantaggi...

ciao.










  Firma di DedaloNur 
Freddie Mercury - In My Defence
http://www.youtube.com/watch?v=4TgX...ture=related

"La parola è un'ala del silenzio"Neruda.

“Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave senza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” Dante Alighieri

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: sassari  ~  Messaggi: 2565  ~  Membro dal: 15/09/2008  ~  Ultima visita: 07/10/2014 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 04/11/2011 : 23:07:24  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Scrivo qui proprio perchè ci stiamo rendendo conto che la maggior parte dei cittadini, non conosce bene il progetto, e in più crede a questa classe politica che continua a deluderci.

Alcune specifiche sono prese dall'intervento in consiglio regionale di Claudia Zuncheddu, quindi sono vere, come ad esempio gli 80 metri a destra e a sinistra che costeggeranno il tubo.
Potete leggere qui la mozione:
http://claudiazuncheddu.splinder.co...-in-sardegna

Altre specifiche sono prese direttamente dal gruppo creato da Pili a favore del metanodotto.

Credo che la questione energia sia la più palese è poi fondamentale, in quanto la Sardegna non ne ha bisogno.
Nel 2010 la produzone lorda di energia elettrica in Sardegna è stata di 14.214 GWh, con una produzione in eccesso pari a 2.324GWh(16%). da http://www.sardegna24.net/regione/c...ardi-1.35253

Nel sud dell'isola dove arriverà il tubo, molti pescatori sono preoccupati e sono giunti alla conclusione che molti tipi di pesca come quella del tonno, economicamente importante per la gente del luogo, sparirà, i tonni andranno via e cambieranno zona.
Tra l'altro la temperatura del metano all'interno del tubo è talmente bassa che può cambiare l'ecosistema costiero.

Le parole con cui si batte Pili sono queste:
"Per far uscire la Sardegna dall'isolamento energetico, per abbattere del 30/40% il costo energetico dei sardi, per spezzare il monopolio petrolifero che schiaccia la Sardegna e il suo futuro."

Ora se ragioniamo su un pochino, queste sono tutte balle. Come dicevo prima la Sardegna non ha problemi di energia, l'energia ora costa tanto per colpa dei potenti dell'energia come la ENI etc. che continuano a far pagare alla Sardegna di più come se l'energia arriva da fuori, quando invece la Sardegna stessa manda l'energia in eccesso al di fuori.
Parla di liberarsi dal monopolio petrolifero, ma forse si dimentica che la Galsi è cosi composta:
Sonatrach 41,6%
Edison 20,8%
Enel 15,6%
SFIRS, Regione Sardegna 11,6%
Gruppo HERA 10,4%

Questi non sono forse petrolieri? arrivano fino all'78% circa. Vuol dire che saremo dipendenti anche in futuro.
Poi parla di futuro, con il gas? Forse non sa che il gas algerino sarà finito tra 20/30 anni. Che futuro! Una mega opera per cosi poco tempo.

Per quanto riguarda il rischio incendi e tutti gli altri pericoli ecco qui:
http://www.youtube.com/watch?v=JdQ2hlUbBfs
http://blog.panorama.it/mondo/2010/...-morti-foto/
http://www.lagazzettadelmezzogiorno...tegotia=2695

anche se è interrato, non dimentichiamoci che ci saranno 38 nodi di sbocco lungo il percorso, poi ci sarà un stazione di pompaggio nel sud Sardegna, e una stazione di compressione nel nord, a Olbia, a poca distanza dall'aeroporto, la qualè avrà una bella canna fumaria alta circa 30 metri, con una fiamma gigantesca sempre accesa, come bel biglietto da visita per tutti i turisti che in Sardegna si aspettano la natura incontaminata.

Troppi problemi, costi e pericolosità, la Sardegna non ne ha bisogno, è il momento di scegliere cosa vogliamo per la nostra isola.








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

pollo mannaro

Utente Medio


Inserito il - 05/11/2011 : 10:59:18  Link diretto a questa risposta  Rispondi Quotando
@nio84

Guarda, mi piacerebbe risponderti su qualche dato rilevante se ne avessi visto uno (davvero, solo uno) che si possa considerare ragionevole tra tutto ciò che hai postato. A parte generiche rivendicazioni di indipendenza e le solite menate sulla storia millenaria ed altre piacevolezze come queste, non c'è altro. Attendo però che posti qualcosa di ragionevole, sarei davvero interessato.
Tanto per concludere, non è con sciocchezze come questa
"Tra l'altro la temperatura del metano all'interno del tubo è talmente bassa che può cambiare l'ecosistema costiero."
che si possono difendere le proprie ragioni.

Ciao









Modificato da - pollo mannaro in data 05/11/2011 11:00:25

 Regione Estero  ~ Città: Atlantide  ~  Messaggi: 450  ~  Membro dal: 25/12/2010  ~  Ultima visita: 23/03/2012 Torna all'inizio della Pagina

sonos

Utente Attivo


Inserito il - 05/11/2011 : 11:36:40  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sonos Invia a sonos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Premetto che errori e scelte errate nella progettazione del GALSI ci saranno, ma bisognerebbe confutarle con dati oggettivi ed imparziali.
Io, inoltre, vorrei vedere anche proposte alternative e concrete al gas naturale. Considera che sono uno strenuo sostenitore delle energie alternative (fatte con criterio) ma alle volte bisogna scendere a compromessi.

nio84 ha scritto:

...Credo che la questione energia sia la più palese è poi fondamentale, in quanto la Sardegna non ne ha bisogno.
Nel 2010 la produzone lorda di energia elettrica in Sardegna è stata di 14.214 GWh, con una produzione in eccesso pari a 2.324GWh(16%). da http://www.sardegna24.net/regione/c...i-1.35253...

E' vero che la Sardegna produca più energia di quella che utilizzi ma con quali e soprattutto da dove arrivano i combustibili?
L'autosufficienza energetica noi non l'abbiamo!
Il metano, tra tutti i combustibili fossili, è quello meno inquinante; ricorda che oggi le centrali elettriche sarde marciano a carbone, a olio combustibile (in piccola parte a gas) e a sottoprodotti della lavorazione del petrolio con ricadute ambientali molto pesanti.

...Nel sud dell'isola dove arriverà il tubo, molti pescatori sono preoccupati e sono giunti alla conclusione che molti tipi di pesca come quella del tonno, economicamente importante per la gente del luogo, sparirà, i tonni andranno via e cambieranno zona.
Tra l'altro la temperatura del metano all'interno del tubo è talmente bassa che può cambiare l'ecosistema costiero...

Posso convenire che non sia stato scelto il miglior luogo di "atterraggio" per il tubo, ma vorrei conoscere dati più esemplificativi su queste tue ammissioni.
Il problema del tonno nel Mediterraneo è principalmente dovuto ad una scriteriata attività di pesca industriale che sta depauperando la popolazione attiva; i tonni non stanno andando via dalle nostre acque, non riescono più ad arrivarci!


...Ora se ragioniamo su un pochino, queste sono tutte balle. Come dicevo prima la Sardegna non ha problemi di energia, l'energia ora costa tanto per colpa dei potenti dell'energia come la ENI etc. che continuano a far pagare alla Sardegna di più come se l'energia arriva da fuori, quando invece la Sardegna stessa manda l'energia in eccesso al di fuori.
Parla di liberarsi dal monopolio petrolifero, ma forse si dimentica che la Galsi è cosi composta:
Sonatrach 41,6%
Edison 20,8%
Enel 15,6%
SFIRS, Regione Sardegna 11,6%
Gruppo HERA 10,4%

La presenza della Regione Sardegna (voluta dalla precedente giunta regionale), con la SFIRS, nella società di realizzazione e gestione del gasdotto da già un risultato economico importante che nel progetto originario non esisteva. In più la garanzia che le imprese sarde son siano impiegate solo per il movimento terra ma anche nella partecipazione alla messa in opera della condotta a terra e alla fase del processo produttivo di materiali e tecnologie che saranno utilizzati durante i lavori.
In più la disponibilità di utilizzo sull’isola di due miliardi di metri cubi, circa un miliardo e mezzo per soddisfare il bisogno interno e l’eccedenza per commercializzare a terzi.
Da non trascurare i risparmi economici familiari ed industriali che si avrebbero mediante l'uso del metano rispetto agli oli combustibili, GPL, ecc.

anche se è interrato, non dimentichiamoci che ci saranno 38 nodi di sbocco lungo il percorso, poi ci sarà un stazione di pompaggio nel sud Sardegna, e una stazione di compressione nel nord, a Olbia, a poca distanza dall'aeroporto, la qualè avrà una bella canna fumaria alta circa 30 metri, con una fiamma gigantesca sempre accesa, come bel biglietto da visita per tutti i turisti che in Sardegna si aspettano la natura incontaminata.

Anche qui non conosco bene gli aspetti tecnici della stazione però dovrebbe essere dotata di una turbina a gas che serve ad alimentare le unità di compressione, la fiamma accesa sulla canna fumaria mi pare molto fantasiosa. Se ne vedono così nelle raffinerie ma dietro ci sono processi industriali totalmente differenti, nella produzione di energia dai comignoli escono solo fumi.

Sulla natura incontaminata, purtroppo, abbiamo già fatto mettere, e pesantemente, le mani sopra e la Gallura ne porta ben visibili i segni.

Ripeto, il metano è il male minore, va bene opporsi al suo utilizzo ma vorrei vedere anche delle serie e concrete proposte alternative a minor impatto ambientale e sanitario.








  Firma di sonos 
www.sulcisnaturalmente.eu

http://fabiocoronafotografie.blogspot.it

 Regione Sardegna  ~ Città: Carbonia  ~  Messaggi: 823  ~  Membro dal: 20/01/2009  ~  Ultima visita: 08/01/2014 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 05/11/2011 : 11:45:17  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
pollo mannaro ha scritto:

@nio84

Guarda, mi piacerebbe risponderti su qualche dato rilevante se ne avessi visto uno (davvero, solo uno) che si possa considerare ragionevole tra tutto ciò che hai postato. A parte generiche rivendicazioni di indipendenza e le solite menate sulla storia millenaria ed altre piacevolezze come queste, non c'è altro. Attendo però che posti qualcosa di ragionevole, sarei davvero interessato.
Tanto per concludere, non è con sciocchezze come questa
"Tra l'altro la temperatura del metano all'interno del tubo è talmente bassa che può cambiare l'ecosistema costiero."
che si possono difendere le proprie ragioni.

Ciao




Io ho già scritto e mi pare che la mozione della Zuncheddu sia abbastanza esplicativa, forse non l'hai letta.
Tutto quello che dice è stato constatato con studi.

Io non ho parlato di storia millenaria e di queste cose che dici tu.
Il problema è serio, non c'è da scherzare, poi come al solito, la maggior parte della gente si beve tutto quello che li dicono.

Tra l'altro il progetto galsi omette molte cose, come ho già spiegato nel caso della centrale di compressione di Olbia.








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 05/11/2011 : 11:47:19  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
@ sonos
perchè dobbiamo sempre accetare le scelte sbagliate degli altri?
Dal sito della Regione: La Legge finanziaria che verrà presentata al Consiglio, contiene le risorse (100 milioni di euro) per consentire alla Sfirs di sottoscrivere l'aumento di capitale necessario per realizzare il progetto. Ora con 100 milioni di euro si possono fare cose molto più necessarie all'isola.
http://www.regione.sardegna.it/j/v/...2&c=3697&t=1








  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

nio84

Utente Medio



Inserito il - 05/11/2011 : 11:56:42  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di nio84 Invia a nio84 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
http://www.consregsardegna.it/XIVLe...i/Moz143.asp







  Firma di nio84 
La Sardegna è l'isola più bella del mondo! http://www.sardegnadavedere.it/

 Regione Sardegna  ~ Città: Olbia  ~  Messaggi: 433  ~  Membro dal: 03/09/2007  ~  Ultima visita: 18/01/2013 Torna all'inizio della Pagina

sonos

Utente Attivo


Inserito il - 05/11/2011 : 12:39:46  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sonos Invia a sonos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Io non ho detto che è tutto positivo, ti ho solo chiesto maggiori informazioni sull'iniziativa contro GALSI e cercato di rispondere ad alcune tue affermazioni.
Il documento dei consiglieri regionali l'ho letto: questi ultimi avranno sicuramente tutti i dati suffraganti le loro tesi, io continuo a non leggerli.








  Firma di sonos 
www.sulcisnaturalmente.eu

http://fabiocoronafotografie.blogspot.it

 Regione Sardegna  ~ Città: Carbonia  ~  Messaggi: 823  ~  Membro dal: 20/01/2009  ~  Ultima visita: 08/01/2014 Torna all'inizio della Pagina

sonos

Utente Attivo


Inserito il - 05/11/2011 : 12:41:18  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sonos Invia a sonos un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
nio84 ha scritto:

...Tra l'altro il progetto galsi omette molte cose, come ho già spiegato nel caso della centrale di compressione di Olbia.

Cioè? Che dal comignolo non esce la fiamma accesa?








  Firma di sonos 
www.sulcisnaturalmente.eu

http://fabiocoronafotografie.blogspot.it

 Regione Sardegna  ~ Città: Carbonia  ~  Messaggi: 823  ~  Membro dal: 20/01/2009  ~  Ultima visita: 08/01/2014 Torna all'inizio della Pagina

pollo mannaro

Utente Medio


Inserito il - 05/11/2011 : 15:18:11  Link diretto a questa risposta  Rispondi Quotando
@Nio84
Guarda, se a te sta simpatico un politico e vuoi postare i suoi interventi, fai pure (finché un moderatore non se ne accorgerà), se invece hai qualche dato su cui discutere postalo e se ne può parlare. Tanto per intendersi, se i tuoi discorsi sono che la Sardegna è energeticamente autosufficiente perché produce più energia del necessario (una stupidaggine enorme) o che i tonni scappano per colpa del Galsi oppure che si modifica l’ecosistema costiero, allora non ne vale davvero la pena (potresti trovare scuse più ragionevoli; che ne pensi degli UFO?). In più, potresti domandarti se con queste evidenti sciocchezze tu non stia dando una mano a coloro che (se fosse) avrebbero interesse a realizzare il Galsi a spese della Sardegna. Pensi davvero che qualcuno ti possa seguire sul discorso dei tonni?
Infine vorrei suggerirti di rileggere con attenzione ciò che scrivi e posti (se puoi); anche ciò che scrivono gli altri, possibilmente. Non è necessario, certo, ma aiuterebbe.
Ciao








 Regione Estero  ~ Città: Atlantide  ~  Messaggi: 450  ~  Membro dal: 25/12/2010  ~  Ultima visita: 23/03/2012 Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 8 Discussione  
Pagina Successiva
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000