Forum Sardegna - Fuorilegge, banditi e ribelli di Sardegna
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: Nella penisola di Sinis, lungo la costa che va da Is Arutas a San Giovanni, si trovano alcune antiche cave di arenaria carbonatica utilizzate già in epoca romana e localizzate in riva al mare per un più agevole trasporto del materiale su imbarcazioni. Scavate con la tipica tecnica a grandi riquadri e soggette all'erosione dei venti e del mare, attualmente sono parzialmente sommerse. Di interesse turistico è, non lontana dalla torre costiera di Seu, la così detta “Sala da ballo” che presenta un pavimento particolarmente liscio racchiuso da pareti verticali.



 Tutti i Forum
 Libri di Sardegna
 Saggistica
 Fuorilegge, banditi e ribelli di Sardegna
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 7

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 06/01/2009 : 21:03:13  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Fuorilegge, banditi e ribelli di Sardegna, di Giovanni Ricci (già autore del bestseller “Sardegna Criminale”).
Newton Compton Editore

la copertina

Apro questa nuova discussione, senza inserirla nell’altra già esistente: “Banditismo, bibliografia”, perché in questo libro si parla essenzialmente di indipendentismo, svolto da vari gruppi di diversa estrazione politica, anzi, per essere più chiari, quasi tutte orientati a sinistra, e poche altre puramente apartitiche, puramente nazionalistiche e patriottiche.
L’autore, per quello che ne so, è ben documentato, chiaro e preciso nella descrizione dei fatti, visti dagli atti investigativi e processuali. I commenti sono invece evidentemente ed inevitabilmente di parte (Giovanni Ricci appartiene all’Arma dei Carabinieri).
La prefazione è di Manglio Brigaglia, professore emerito dell’Università di Sassari, i cui sentimenti antindipendentisti sono ben noti.
Turritano






 Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016

Google Sardegna


Pubblicità

Marialuisa

Utente Master



Inserito il - 07/01/2009 : 15:34:19  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Marialuisa Invia a Marialuisa un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Grazie Turritano , un altro tassello da aggiungere .
Ho letto e mi sono avvalsa delle notizie di Sardegna Criminale , sono sicura che Ricci avrà fatto un buon lavoro .






  Firma di Marialuisa 

 Regione Sardegna  ~ Città: Cagliari  ~  Messaggi: 2410  ~  Membro dal: 10/11/2007  ~  Ultima visita: 05/09/2016 Torna all'inizio della Pagina

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 07/01/2009 : 20:25:51  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Non c'è di che, Marialuisa . Meno male una persona interessata, eppure l'argomento, in questo forum, mi sembrava molto interessante e coinvolgente, specialmente quando si pensa che, spesso, si parla di indipendentismo senza conoscere la realtà.
Questo è solo “uno spaccato” ben documentato, seppure di parte, di fatti discutibili quanto si vuole, ma che comunque è sempre “uno spaccato" della nostra Storia.
Ne vogliamo discutere?
Turritano






Modificato da - Turritano in data 07/01/2009 20:26:41

  Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Agresti

Moderatore




Inserito il - 07/01/2009 : 21:58:45  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Turritano,
ogni volta che vado in libreria questo libro mi fa l'occhietto
mi incuriosisce tantissimo!!







  Firma di Agresti 

Il Poetto dalla Sella del Diavolo

Cagliari

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna



Libri Sardi - http://librisardi.blogspot.com
Unisciti al gruppo di lettura de ""PAESE D'OMBRE"

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010 Torna all'inizio della Pagina

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 07/01/2009 : 22:22:52  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E tu non tergiversare: dagli retta , vedrai quante cose interessanti salteranno fuori, a prescindere dalle opinioni.
Turritano
PS: a me me l'ha regalato un amico per Natale ...






Modificato da - Turritano in data 07/01/2009 22:25:19

  Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Pia
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 07/01/2009 : 22:38:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Pia Invia a Pia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Banditi o eroi?
E questa la discussione che vorresti intraprendere?
Oggi nel libro di Marcello Fois "In Sardegna non c'è il mare" ho letto la sua posizione molto chiara: giudizio negativo su qualsiasi forma di violenza.







  Firma di Pia 

Pedra Longa

Baunei (Ogliastra)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna


Prof Pia http://www.lezionidibello.blogspot.it

 Regione Piemonte  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 3424  ~  Membro dal: 09/10/2008  ~  Ultima visita: 07/07/2017 Torna all'inizio della Pagina

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 07/01/2009 : 22:53:19  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Pia Deidda ha scritto:

Banditi o eroi?
E questa la discussione che vorresti intraprendere?
Oggi nel libro di Marcello Fois "In Sardegna non c'è il mare" ho letto la sua posizione molto chiara: giudizio negativo su qualsiasi forma di violenza.

Su ogni cosa si può discutere, ogni cosa è opinabile e si può approfondire. La violenza non piace neanche a me, ci mancherebbe. Però non mi piace nemmeno chi si esprime aprioristicamente, senza distinzioni, insomma quelli che fanno di "ogni erba un fascio".
Per me, "eroe" è chi si batte per un ideale, specialmente se questo ideale è la "sua Terra". Una cosa sono i "banditi" (e anche lì bisogna vedere) un' altra i "ribelli", un'altra ancora i "terrorististi" che magari anche loro hanno degli ideali, ma solo politici, che non riescono a farli prevalere democraticamente. Insomma, la questione è molto complessa e vale la pena dibatterla un po'
Turritano
Turritano






  Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Tharros
Salottino
Utente Virtuoso




Inserito il - 08/01/2009 : 17:49:20  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Tharros Invia a Tharros un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La questione è molto complessa quando si hanno delle remore nel condannare la violenza, di qualsia matrice essa sia. La violenza è al servizio degli ignoranti e dei prepotenti e rarissime volte è al servizio di ideali nobili che la possano giustificare. Altra storia è quella di vedere nei fuorilegge dei personaggi romantici come Robin Hood per esempio.
Complessi sono invece i motivi che possono portare all' uso della violenza che, quando non è politica e ancor più ingiustificabile, è al servizio di chi ha deciso che ci sono delle strade più semplici per affrontare i bisogni che normalmente si affrontano ogni giorno con il lavoro. la violenza ha l'unico scopo di dare sfogo agli istinti di alcuni personaggi che non possono guidare questa loro tendenza verso sfoghi diversi. Se tutti coloro che in questo momento, disperati senza lavoro, addottassero la strada dei fuorilegge saremmo molto probabilmente in zona di guerra perenne. Fortunatamente non è così. In oltre, anche nei tempi passati, con tutte le giustificazioni possibili che si possono trovare come le condizioni di estrema povertà, la prepotenza di chi aveva e voleva sempre di più, lo sfruttamento a cui il popolo minuto era costretto per poter sopravvivere potrebbe anche essere stata una giustificazione ( forse) se la violenza fosse stata confinata verso quei personaggi resisi colpevoli dei disagi e delle prepotenze. Ma non è mai così. alla fine chi ci rimetteva sempre erano sempre coloro costretti a sopportare...e in questo tutto il mondo è paese. Qualcuno, non ricordo chi disse " Beati i popoli che non hanno bisogno di eroi" ....figuriamoci di eroi negativi...







 Regione Trentino - Alto Adige  ~ Prov.: Trento  ~ Città: Trento  ~  Messaggi: 4702  ~  Membro dal: 02/12/2006  ~  Ultima visita: 08/08/2016 Torna all'inizio della Pagina

Istella
Salottino
Utente Medio



Inserito il - 08/01/2009 : 18:57:04  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Istella Invia a Istella un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Anche a me hanno regalato il libro in questione. Ho appena iniziato a leggerlo....






  Firma di Istella 

Isola Foradada

Alghero (Ss)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna

 Regione Sardegna  ~  Messaggi: 407  ~  Membro dal: 04/08/2007  ~  Ultima visita: 13/08/2011 Torna all'inizio della Pagina

CodicediSorres

Utente Medio


Inserito il - 08/01/2009 : 20:14:33  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di CodicediSorres Invia a CodicediSorres un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Sembrerebbe un libro molto interessante. Anzi, un'argomento interessante. Mi hanno incuriosito da sempre le storie di ribelli e banditi isolani. Tra l'altro mi piacerebbe sapere la verità sulla fine del noto bandito Samuele Stocchino (o Stochino a volte), morto nel 1928, all'età di circa 33 anni, in seguito ad un presunto conflitto a fuoco con un gruppo di carabinieri. Poichè mio padre è il padrino (di cresima, dato che è nato molto dopo) di uno dei figli del proprietario terriero che, si dice, scoprì, forse insieme a altri, il corpo del bandito, allora in base a ciò che ha sentito a molta gente pare che i fatti siano avvolti nella nebbia, nonostante le versioni ufficiali dell'epoca. Già allora si disse che certi proprietari terrieri e allevatori erano, in realtà, confidenti dello Stato. Certi fingevano di appoggiare banditi e ribelli, ma poi in realtà a volte segnalavano i banditi stessi alle autorità e alle milizie territoriali, anche nei secoli passati. E si diceva che il bandito S. Stocchino in realtà morì di morte naturale dovuta a una malattia che ne aveva minato il fisico, nella latitanza. Pare che il suo corpo fosse stato colpito da armi da fuoco dopo la morte naturale. Non dai carabinieri. Anche dato che pendeva una taglia sulla testa del bandito.
Dunque è un pò una storia misteriosa.






Modificato da - CodicediSorres in data 08/01/2009 20:24:43

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: CAGLIARI  ~  Messaggi: 471  ~  Membro dal: 29/05/2008  ~  Ultima visita: 05/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 08/01/2009 : 21:11:30  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La storia del bandito De Rosa, di Usini (interland di Sassari), è molto significativa ed emblematica. A cominciare dai motivi della sua latitanza che lo hanno indotto al banditismo ("a bandidare"), agli episodi drammatici in cui inevitabilmente si è trovato frequentemente invischiato. Una volta era stato invitato, con la sua banda, in una zona del Sud della Sardegna, da un proprietario terriero. L’appuntamento era in una collina di quella zona. I ”banditi” arrivarono di buon’ora e, dall’altura, controllavano i dintorni. All’ora convenuta, del proprietario neanche l’ombra, e gli invitati cominciarono ad insospettirsi. Si accorsero invece che un buon numero di “cacciatori”, in ordine sparso, si stavano avvicinando alla collina. Capirono subito che erano stati venduti e immediatamente, realizzarono che dovevano sottrarsi all’accerchiamento e così fecero. Sotto il fuoco incrociato dei “cacciatori”, rispondendo a loro volta, De Rosas e i suoi riuscirono nell’intento, ma qualcuno ci rimise la pelle. Indovinate che fine fece il loro “amico” proprietario terriero?
Turritano






Modificato da - Turritano in data 08/01/2009 21:22:11

  Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

CodicediSorres

Utente Medio


Inserito il - 08/01/2009 : 22:32:54  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di CodicediSorres Invia a CodicediSorres un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Probabilmente il proprietario terriero di cui sopra fece una brutta fine. Accadevano abbastanza spesso in passato fatti simili, a quanto si dice e a quanto si legge. Ecco perché a volte spariva gente nel nulla, e se non perivano di agguato, magari invece venivano scaraventati in qualche voragine nascosta, considerando le voci che circolavano già dai tempi di tali fatti, e pervenute in un modo o nell'altro fino ai nostri giorni. A volte i proprietari terrieri in passato erano essi stessi banditi, o quasi; anche razziatori. Ma anche fino a tempi recenti. Addirittura so che durante la seconda guerra mondiale, quando Cagliari era quasi evacuata per via delle bombe, molta gente e molte bande discesero su CA a compiere razzie e saccheggi, o cmq tentarono di compierle, nonostante un minimo di sorveglianza preposta al fine di evitare tali fatti. Infatti ho sentito che di molti di quei razziatori si sapeva anche il nome, e certi non erano proprio poveri, ma erano anche proprietari terrieri. Non l'avrei mai detto.






Modificato da - CodicediSorres in data 08/01/2009 22:37:04

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: CAGLIARI  ~  Messaggi: 471  ~  Membro dal: 29/05/2008  ~  Ultima visita: 05/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Turritano

Utente Virtuoso




Inserito il - 08/01/2009 : 22:48:22  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Turritano Invia a Turritano un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
E sì, quel propritario terriero, poco tempo dopo fu, diciamo così, "giustiziato".
Turritano






  Firma di Turritano 
Le dominazioni passano ... i Sardi restano!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4480  ~  Membro dal: 13/01/2008  ~  Ultima visita: 04/10/2016 Torna all'inizio della Pagina

Tharros
Salottino
Utente Virtuoso




Inserito il - 09/01/2009 : 08:23:16  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Tharros Invia a Tharros un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
CodicediSorres ha scritto:

Sembrerebbe un libro molto interessante. Anzi, un'argomento interessante. Mi hanno incuriosito da sempre le storie di ribelli e banditi isolani. Tra l'altro mi piacerebbe sapere la verità sulla fine del noto bandito Samuele Stocchino (o Stochino a volte), morto nel 1928, all'età di circa 33 anni, in seguito ad un presunto conflitto a fuoco con un gruppo di carabinieri. Poichè mio padre è il padrino (di cresima, dato che è nato molto dopo) di uno dei figli del proprietario terriero che, si dice, scoprì, forse insieme a altri, il corpo del bandito, allora in base a ciò che ha sentito a molta gente pare che i fatti siano avvolti nella nebbia, nonostante le versioni ufficiali dell'epoca. Già allora si disse che certi proprietari terrieri e allevatori erano, in realtà, confidenti dello Stato. Certi fingevano di appoggiare banditi e ribelli, ma poi in realtà a volte segnalavano i banditi stessi alle autorità e alle milizie territoriali, anche nei secoli passati. E si diceva che il bandito S. Stocchino in realtà morì di morte naturale dovuta a una malattia che ne aveva minato il fisico, nella latitanza. Pare che il suo corpo fosse stato colpito da armi da fuoco dopo la morte naturale. Non dai carabinieri. Anche dato che pendeva una taglia sulla testa del bandito.
Dunque è un pò una storia misteriosa.



Ho avuto occasione di leggere la storia di questo fuorilegge su una rivista alla quale sono abbonato. Fu ucciso veramente in un conflitto a fuoco coi carabinieri. Si era macchiato di molti delitti ma il peggiore fu l' uccisione di un bambino...posso vedere di trovare l' articolo e copiarlo se qualcuno lo desidera.







 Regione Trentino - Alto Adige  ~ Prov.: Trento  ~ Città: Trento  ~  Messaggi: 4702  ~  Membro dal: 02/12/2006  ~  Ultima visita: 08/08/2016 Torna all'inizio della Pagina

UtBlocc

Utente Bloccato



Inserito il - 09/01/2009 : 08:58:54  Link diretto a questa risposta  Rispondi Quotando
Ho letto la storia di Stocchino due volte, libri di due autori diversi. Devo dire che, sia uno che l'altro mi hanno affascianata...premetto di non condividere quel tipo di vita ma, la storia di Stocchino..diventato bandito per amore...è davvero un romanzo.





  Firma di UtBlocc 
6169

 Regione Liguria  ~ Prov.: Genova  ~ Città: genova  ~  Messaggi: -1  ~  Membro dal: 08/06/2007  ~  Ultima visita: 07/05/2009 Torna all'inizio della Pagina

Pia
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/01/2009 : 11:03:42  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Pia Invia a Pia un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Nel topic del romanzo di Paola Sirigu "In nome della madre" avevo incominciato una discussione di questo tipo: si può stare (anche solo intellettualmente) dalla parte di chi uccide per riscatto sociale?

Oggi leggo sul Muto di Gallura di Enrico Costa: "Appariva smanioso, perplesso. La lunga notte non era bastata a dargli consiglio. Forse attraversava uno di quei punti fatali che dividono la generosità dal delitto: uno di quei momenti che possono fare dell'uomo un eroe od un assassino, decidendolo cioè a sacrificare se stesso per il bene altrui o gli altri per il proprio bene".

Ho da che meditare.







  Firma di Pia 

Pedra Longa

Baunei (Ogliastra)

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna


Prof Pia http://www.lezionidibello.blogspot.it

 Regione Piemonte  ~ Città: Torino  ~  Messaggi: 3424  ~  Membro dal: 09/10/2008  ~  Ultima visita: 07/07/2017 Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 7 Discussione  
Pagina Successiva
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000