Forum Sardegna - Sa domu antiga
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: IL TRENINO VERDE è un piccolo treno turistico che attraversa le zone più selvagge della Sardegna. Viaggia per luoghi dove la natura è ancora intatta, foreste e laghi, coste e siti archeologici. Viaggierai su eleganti carrozze d'epoca per raggiungere le piccole stazioni di fine Ottocento.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Arte in Sardegna
 Sa domu antiga
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


Nuovo Evento      Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 2

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:14:25  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un’altra mia passione, le tipiche case antiche.
Mi piace immaginarmi scene di vita vissuta, seduti in sa stoia posta accando al camino acceso intenti a raccontare contos de foghile, o ancora.... La notte di Natale, mia madre con i suoi fratelli e sorelle, sempre seduti in sa stoia, intenti a giocare a “ piga poi o lassa”, una trottola veniva fatta ruotare da nonno rivelando la letterina per contendersi le castagne....Questi racconti hanno fatto si che ogni volta che mi ritrovo davanti a una vecchia domu non riesca a fare a meno di fotografarle....Sa domu antiga che siano diroccate, con il tetto crollato e quant'altro possa riuscire a conservarle nella mia mente.












 Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018

Google Sardegna


Pubblicità

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:15:55  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Il possesso della casa è sempre stato un elemento importante nella tradizione sarda, a farsene carico era l’uomo. Per dare il via ai lavori bisognava rispettare alcune consuetudini, in particolare quella di gettare una moneta augurale nelle fondamenta, nonostante i tempi moderni, questa usanza è ancora in uso, mia mamma ha ripetuto questo gesto per le fondazioni della mia casa.












  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:16:46  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Strutture solide, nonostante siano costruite in mattoni crudi, in “ladiri” (questa parola deriva dal latino e significa “argilla”, materiale di cui la Sardegna è ricca) fatti con paglia e fango impastati con acqua ed essicati al sole










  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:17:41  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Per i portali d'ingresso e nelle zoccolature delle cortine murarie di cinta si impiegano dei conci squadrati in arenaria o pietre.














  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:19:21  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Generalmente la tipica casa tradizionale, pur essendo case di paese, sono adibite sia per abitarci, per esigenze tradizionali della vita domestica e per le attività agricole e pastorali.
Oltre all'ingresso principale vi erano grandi portali, ancora oggi ne possiamo ammirare parecchi, ogni tanto anche la fortuna di trovarli aperti e darci una sguardo all'interno, “sanno di antico”, in alcuni si possono ammirare i segni del passato, su laccu, un vecchio carretto i finimenti per cavalli e buoi etc.
Una piccola diversità mi è stata fatta notare nei paesi di montagna, sono realizzate generalmente in pietra, grazie alla disponibilità in loco della materia prima, granito, trachite o calcare e la costruzione si sviluppava in altezza. La pietra restava a vista ed i balconi erano in legno. Per il poco spazio in cortile vengono accuditi solo animali domestici, il gregge non sta mai nel paese ma sta sempre in campagna.
Però mi è capitato sovente di poterne ammirare anche nel campidano costruzioni in pietra ma senza i balconi in legno o in ferro.
[/URL]












  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:20:33  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Un elemento comune a tutte le abitazioni era la copertura con tegole curve che ancora oggi si distinguono e sono molto ricercate.
Per la realizzazione del tetto si mettevano dei listelli distanziati tra loro, a seconda dell'area da coprire, poi si tessevano le canne, questa operazione richiede almeno due persone poste una di fronte all'altro, molte volte questo compito era svolto da componenti del nucleo famigliare, si aveva così origine alla costruzione de sa cannitzada.
Le tegole venivanno poggiate sopra.












  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:21:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Una piacevole usanza si manifestava non appena ultimato il tetto, rappresentava una conquista e di conseguenza, andava festeggiato con un pranzo offerto dal proprietario della casa. Si organizza “uno spuntino” con tanto di maialetto arrosto e buon vino, si sistemano alcuni cavalletti sui quali si poggiavano i tavoloni di legno utilizzati per le impalcature della costruzione nella casa del proprietario (pure questo ho dovuto fare altrimenti ero nei guai), come si suol dire le tradizioni vanno rispettate.Oltre ad amici e parenti, alla tavolata non devono mancare muratori e manovali.
Atri esempi di soffitti









  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:23:45  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
La casa della mia bisnonna…… i ceti sociali facevano la differenza, c'erano is poberus e is arriccus, la mia bisnonna era povera ma sentire i racconti di mia madre…è poesia…
L'unica entrata era S'enna Manna, un corridoio, sulla sinistra l'unica camera da letto, s'apposentu de crocai, di fronte al corridoio la cucina e una porta che conduceva nel cortile.
Nel cortile era presente sa domu de su moenti e su stai de su forru, in cotilla nei ricordi di mamma è ben impresso su stabeddu de s'axa, alcuni alberi da frutto e sa carretta de su moenti.
Il bagno non c'era, molti avevano un costruito un muretto, si arrangiavano come potevano, solo i ricchi avevano il bagno come in ogni casa attualmente e non poteva mancare su muntroaxiu..
Un'altra cosa che mi ha colpito riguardo alla situazione del bagno durante la notte e la parola sillietta, al solo nominarla sono caduta dalle nuvole, curiosa come non mai e mamma pronta a colmare la mia voglia di sapere......sa sillietta non è altro che il fondo de sa brocca usato durante la notte al posto del vasino
Il mobilio era composto da su canapei dove dormiva il mio bisnonno, su lettu in acciaio de una prazza e mesu dove dormiva mia mamma con la mia bisnonna, una sedia fungeva da comodino dove veniva appoggiata la candela,
un comò con alla base una sveglia e sa mesa po fai su pai.
Nel corridoio sa cascia manna, in cucina su forreddu, il caminetto, alcune sedie e sa pettenera.
Crobis e crobbittas i pochi oggetti apperi al muro.
Il pavimento era di terra nuda, mamma racconta che quando pioveva tanto e c'erano difficoltà nel defluire le acque piovane la mia bisnonna faceva ua “cora” affinché l'acqua defluisse per “strada”.
Altra curiosità...mamma dove si lavava la biancheria?
In su lavatoriu, tante vasche dove l'acqua scorreva sempre, per le donne oltre a lavare i panni era anche un momento di aggregazione.
Sono andata a vederlo, sono troppo curiosa.....stessa sensazione....avevo l'impressione di essere in un altra era, con la differenza che l'acqua non scorre più e che “il locale” è abbandonato.



In casa non c’era l’acqua, o si andava dalla vicina, se possedeva un pozzo oppure cun sa brocca in conca in piazza di chiesa dove era presente un rubinetto pubblico.







Modificato da - milly73 in data 09/10/2012 15:35:11

  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 15:31:10  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
I muri larghi intorno ai 40 cm, ove non passa ne il caldo ne il freddo



Tornando al discorso dei pavimenti, mi è stato raccontato che in alcune case, col passar del tempo, i pavimenti erano in cemento a volte decorati con delle rotelle.
Ho avuto modo di conoscere il mattone “rosso” ruvidissimo da lavar per terra, con mio grande dispiacere il quel periodo non pensavo alla macchina fotografica ed è andato perduto, ma non nella mia memoria.

Pavimento in cemento


Le prime mattonelle


Cari amici paradisolani, ci tengo molto a questo topic, appena il lavoro me lo permette continuerò.

Però....mi farebbe tanto piacere la vostra partecipazione sia con foto che con i vostri ricordi







  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

Barbaricina

Moderatore


Jana Ojos-de-Luche



Inserito il - 09/10/2012 : 20:50:17  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Barbaricina Invia a Barbaricina un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Milly... anche a me piacciono le case antiche...

... mi prendono in giro dicendo che mi piace trovare le "case vecchie"... ma non capiscono il fascino che hanno... e se potessero parlare quante storie racconterebbero!!!






  Firma di Barbaricina 

S'Ena 'e Thomes / Dorgali (NU)
...un altro meraviglioso angolo di Sardegna


 Regione Piemonte  ~ Città: Domodossola  ~  Messaggi: 9893  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/04/2017 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 21:07:01  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
@ Barbaricina

verissimo, non oso dire quante foto ho sull'argomento non riesco a farne a meno.
Sono bellissime , quanta storia dietro quelle mura....







  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 21:07:40  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Nelle case di montagna, per andare nei piani superiori, bisogna salire su delle scale particolarmente ripide.
Ho dovuto farmi coraggio, ma non potevo perdermi l'occasione di poter ammirare da vicino tutto ciò.











  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 21:08:47  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ad ogni mio passo le tavole scricchiolavano, ogni tanto mi assaliva la paura ma imperterrita vado avanti


In questa casa ho osservato dall'esterno, troppo pericoloso, però...


che meraviglia scoprire i muri e il soffitto dipinti.
Mi è stato detto che la casa apparteneva ad una famiglia benestante








  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 21:10:14  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Passeggiando ed osservando nei quartieri dove tutto ha un suo fascino, mi vengono in mente le parole scritte da Marcello Fois in "Dura Madre".
In un capitolo si narra che in Sardegna ci sono ogni sorta di piccole cose:
piccole querce, cavalli piccoli, piccole case....tutto miniato, compreso noi che veniamo definiti nani.....ma con grandi occhi come perle d'ossidiana.













  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

milly73
Salottino
Utente Mentor




Inserito il - 09/10/2012 : 21:10:48  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di milly73 Invia a milly73 un Messaggio Privato  Rispondi Quotando






Mi fermo qui, per adesso







  Firma di milly73 
Pro tue fortuna
chi onzi notte t'isplenda sa luna,
chi no appa mai dolore,
onzi die t'illumine su sole...

 Regione Sardegna  ~ Città: ..................  ~  Messaggi: 3255  ~  Membro dal: 22/04/2009  ~  Ultima visita: 28/12/2018 Torna all'inizio della Pagina

maria
Salottino
Utente Maestro




Inserito il - 09/10/2012 : 21:24:20  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di maria Invia a maria un Messaggio Privato  Rispondi Quotando

Le tue case Milly mi hanno riportato indietro di tantissimi anni fa
Sono nata in una casa come quelle adesso anche lei poverina e a mezza crollata ogni volta che tornavo a Nuoro andavo a trovarla prima potevo entrarci dentro, che ricordi la dentro, ho tantissime foto mi vedo ancora nella corte con il mio tricicolo che mio fratello voleva sempre rubarmi
A volte anche se eravamo poveri mi piacerebbe tornare a quei tempi felici con quasi niente







  Firma di maria 

Redentore - Monte Ortobene

Nuoro

..un altro meraviglioso angolo di Sardegna

 Regione Estero  ~ Prov.: Nuoro  ~ Città: Belgio  ~  Messaggi: 9246  ~  Membro dal: 21/04/2006  ~  Ultima visita: Ieri Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 2 Discussione  
Pagina Successiva
Nuovo Evento      Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000