Forum Sardegna - L’Antico Ricamo Sardo su Tela Pieghettata
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: La Tomba I o Tomba dei Vasi Tetrapodi di Santu Pedru, nella strada provinciale tra Alghero e Uri , e' il primo ipogeo preistorico Sardo ed il primo del Mediterraneo ad aver restituito una "stratigrafia". Cioè una successionedi strati di riempimento intatti che ne attestano diversi momenti di uso. La tomba , preceduta da un lungo corridoio scoperto, ha un'anticella semicircolare, una grande cella centrale sostenuta da pilastri scavati nella trachite e varie celle secondarie . La cella principale presenta corna taurine scolpite ed una finta porta.
Sino alla scoperte di questo bellissimo monumento , databile alla cultura prenuragica di Ozieri ( 3200 a.C.) , si riteneva che queste grandi tombe fossero nuragiche e fossero contemporanee agli etruschi. La denominazione dell'ipogeo si deve alle grandi ciotole a quattro piedi , della cultura del Vaso Campaniforme , che restitui', i "vasi tetraposi" appunto.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Abbigliamento Tradizionale
 L’Antico Ricamo Sardo su Tela Pieghettata
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


Nuovo Evento      Bookmark this Topic  
| Altri..
Pagina Successiva
Autore Discussione
Pagina: di 14

ampuriesu

Utente Attivo



Inserito il - 29/03/2010 : 17:00:12  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ampuriesu Invia a ampuriesu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciò che vi esporrò su questa discussione è la tecnica utilizzata in Gallura per la realizzazione dei polsini delle camicie sia maschili che femminili.
Esistono diverse tecniche e diversi nomi per indicare questo tipo di ricamo: da LU RAZZONI o L'ALCHITTU in Gallura a LEA E LASSA nella zona di Thiesi, PUNTU VANU in Campidano, Iglesiente, SU CORO nel nuorese ecc. Diversi nomi, diverse tecniche ognuna con metodo di realizzazione diverso ma con risultato uguale.
Io vi esporrò la tecnica utilizzata in Gallura, che ho ereditato da un'anziana signora del mio paese e che purtroppo se mi estinguo io si dovrebbe estinguere anche il metodo essendo l'unico che conosce la procedura utilizzata dai galluresi di un tempo.
(spero non sia vero ma ho chiesto in tantissime località galluresi e c'è solo la memoria storica di questo ricamo e non ho avuto notizie di persone che siano in grado di realizzarlo).
Per facilitare la descrizione partirò dal presupposto di dover realizzare una manica di una camicia.
La tela di cotone utilizzata è il tipo 3f in quanto per lo spessore delle sue trame, una volta finito il lavoro permette in 80 /90 cm di stoffa di ottenere un polsino dalle misure che vanno dai 15 ai 20 cm circa, quindi adattabile alla maggior parte dei polsi.
Con una tela più sottile bisognerebbe utilizzare una grande quantità di stoffa, ottenendo così una manica piuttosto ampia che andrebbe bene per le camicie del nuorese per esempio, ma non per quella gallurese che ha l’attaccatura detta manica a giro e non a pipistrello, quindi si otterrebbe una camicia dalle maniche sproporzionate, così come utilizzando una tela troppo spessa si otterrebbe una manica troppo misera. La camicia gallurese è molto semplice anche perché è completamente coperta dalle maniche di la camisgjiola o di lu jupponi e l’unica parte visibile è proprio il polsino.
80/90 cm di tela tipo 3f.
Lasciare 5cm dai bordi per rifiniture e asole.
Iniziare a contare le trame: se ne prendono due e se ne lasciano 4
Cosa molto importante è il tipo di filo utilizzato… deve essere utilizzato un filo che non sia troppo spesso ma che allo stesso tempo sia resistente in quanto va tirato. Oggi si usa il filo lettera che un tempo veviva arrotolato nella spola di legno: in gallura si chiama lu carruleddu.
Ripetere il passaggio per almeno 7 cm di altezza, facendo attenzione che le trame prese e quelle lasciate siano sempre le stesse delle passate precedenti.
Da una passata all’altra si lasciano 5 0 6 trame (mezzo cm circa).
Finito il lavoro preparatorio della tela si tirano i fili utilizzati per le imbastiture e si ottiene una plissettatura molto sottile.
Con l’ago si raddrizzano le pieghe che nel tirare si sono nascoste cin mezzo alle altre, ottenendo così una base di lavoro omogenea.
Da questo punto inizia il lavoro di ricamo vero e proprio:
consiste nell’eseguire delle filze molto ravvicinate con gioco di trame prese e lasciate a seconda che lo schema richieda rilievo o spazio neutro.
Lo schema è simile agli schemi utilizzati per la tessitura di tappeti e arazzi dove vengono contati i quadrettini .
Molto importante è lo stare attenti nel contare le pieghe e seguire lo schema; una grossa difficoltà è proprio questa che se si sbaglia, essendo un ricamo a trame contate, alla passata successiva non corrisponde il motivo che si sta realizzando e quindi bisogna disfare l’ultimo giro e riiniziare o si otterrà un ricamo imperfetto.
Altra caratteristica di questo ricamo eseguito con la tecnica utilizzata in gallura e che il ricamo ha un dritto e un rovesci, un positivo e un negativo, in quanto l’ago attraversa completamente la piega per poi risalire mentre ho visto camicie di altre parti della Sardegna, che dal rovescio si vede chiaramente la plissettatura che viene coperta con un pezzo di tela.

Cari amici paradisolani...questo avrei dovuto dirvi il abato ma purtroppo l'ansia e l'emozione hanno impedito alla mia lingua di esprimersi nel migliore dei modi.
Vabbè.... capirete senz'altro che molte volte le emozioni giocano brutti scherzi.
Rimango a completa disposizione per eventuali chiarimenti e perchè no... allievi numerosi








Modificato da - ampuriesu in Data 29/03/2010 17:25:14

 Firma di ampuriesu 
Non importa quanto si da, ma quanto amore si mette nel dare!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: valledoria  ~  Messaggi: 897  ~  Membro dal: 16/10/2008  ~  Ultima visita: 02/02/2019

Google Sardegna


Pubblicità

Andros
Salottino
Utente Attivo



Inserito il - 29/03/2010 : 20:16:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Andros Invia a Andros un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Ciao Ampuriesu, ho apprezzato quel che hai presentato durante il convegno e come l'hai esposto. Se posso e se non ci hai già pensato... ti consiglierei di postare le foto delle slide che hai usato a Ittiri perchè molto esplicative. Ancora complimenti per i tuoi lavori e per la passione che ci metti. L'emozione c'era ed era giusto che ci fosse...il messaggio è arrivato comunque...
Bravo!
Andrea









  Firma di Andros 
Andrea L.

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Quarto Josso  ~  Messaggi: 645  ~  Membro dal: 26/03/2008  ~  Ultima visita: 15/01/2017 Torna all'inizio della Pagina

babborcu
Salottino
Utente Virtuoso




Inserito il - 29/03/2010 : 21:22:12  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di babborcu Invia a babborcu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
il ricamo su tela pieghettata e' molto difficile e di lunga esecuzione ,, permette di ottenere risultati molto raffinati ,ma non vistosi.. per questo lo si esegue sempre di meno e corre il pericolo di estinzione...
si tratta di un ricamo che ha origine aristocratica e che almeno dal1400 si e' diffuso in tutta europa a livello anche popolare ( costumi spagnoli e slavi ad esempio) ...
in sardegna aveva largo impiego e raggiunge particolare raffinatezza i suoi nomi sono: su coro nel nuorese,su bastonette in gocena, sa crocciadura a busachi,puntu vanu a samucheo e nei campidani, razoni in gallura, alzhittu a budduso' ed ala' , su lauru a thiesi, su lea e lassa ( prendi e lascia,, proprio come la tecnica esecutiva ) o su tgne e lassa nel logudoro...

chi lo sa fare purtroppo ( sempre meno artigianre) tiene spesso segreti dell'arte ed esclusiva ,,, Ampuriesu ha l'intelligenza ,la generosità e l'apertura mentale di insegnarlo a chiunque voglia impararlo...

comunque lo ho insegnato gia' io in questo forum..anche se non lo so eseguire,,, con precise dritte,vero nugoresu?









 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4364  ~  Membro dal: 18/02/2008  ~  Ultima visita: 28/05/2012 Torna all'inizio della Pagina

sabry

Utente Attivo



Inserito il - 29/03/2010 : 21:38:42  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sabry Invia a sabry un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ampuriesu, io vorrei approfittare della tua dispinibiltà, però non posso recarmi a valledoria, se ce la facciamo me lo insegneresti via internet?







 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Vallermosa  ~  Messaggi: 606  ~  Membro dal: 30/06/2009  ~  Ultima visita: 17/10/2018 Torna all'inizio della Pagina

babborcu
Salottino
Utente Virtuoso




Inserito il - 29/03/2010 : 21:40:25  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di babborcu Invia a babborcu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sabry ,,se ci riesci cosi' giuro che ti mando un libro in regalo!!








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4364  ~  Membro dal: 18/02/2008  ~  Ultima visita: 28/05/2012 Torna all'inizio della Pagina

sabry

Utente Attivo



Inserito il - 29/03/2010 : 21:46:06  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sabry Invia a sabry un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
babborcu ha scritto:

sabry ,,se ci riesci cosi' giuro che ti mando un libro in regalo!!


però prima dimmi che libro mi mandi, se nò non vale!

SCOMMETTIAMO!








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Vallermosa  ~  Messaggi: 606  ~  Membro dal: 30/06/2009  ~  Ultima visita: 17/10/2018 Torna all'inizio della Pagina

ampuriesu

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 08:23:52  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ampuriesu Invia a ampuriesu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ihihih...maestro online!!! Certo che insegnerò a ciunque fosse interessato. Con il grande aiuto di Babborcu, una domenica passata a casa mia, decine di telefonate e messaggi privati, il mio e vostro carissimo NUGORESU ha realizzato una camicia nuorese che nulla a da invidiare a quelle realizzate con la tecnica barbaricina. Pregherei Nugoresu di postare le bellissime foto che mi inviò tempo fa, dove si vede chiaramente il ricamo in tutta la sua delicatezza.
Andros...mi fai arrosire per le belle parole.








  Firma di ampuriesu 
Non importa quanto si da, ma quanto amore si mette nel dare!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: valledoria  ~  Messaggi: 897  ~  Membro dal: 16/10/2008  ~  Ultima visita: 02/02/2019 Torna all'inizio della Pagina

babborcu
Salottino
Utente Virtuoso




Inserito il - 30/03/2010 : 09:02:37  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di babborcu Invia a babborcu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sabry sei terribile non ti fidi? guarda ti dico cosa di cosa non parlerà il libro :( di contabilità. di medicina, del catechismo, di cose che non rigurdano la sardegna, di chimica applicata, di poesia cinese.. ecc. ecc. ) io ,invece mi fido di te








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sassari  ~  Messaggi: 4364  ~  Membro dal: 18/02/2008  ~  Ultima visita: 28/05/2012 Torna all'inizio della Pagina

sabry

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 10:38:57  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sabry Invia a sabry un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
perfetto babbo! hai escluso tutti gli argomenti che non mi interessano !

Ampuriesu quando iniziamo? il tessuto ce l'ho già!








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Vallermosa  ~  Messaggi: 606  ~  Membro dal: 30/06/2009  ~  Ultima visita: 17/10/2018 Torna all'inizio della Pagina

sabry

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 10:47:51  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sabry Invia a sabry un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
stavo pensando, visto che da noi si usava molto anche il lino, ci sono testimonianze sia della coltivazione che della lavorazione e della tessitura, potrei farla in lino?







 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Vallermosa  ~  Messaggi: 606  ~  Membro dal: 30/06/2009  ~  Ultima visita: 17/10/2018 Torna all'inizio della Pagina

ampuriesu

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 11:16:32  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ampuriesu Invia a ampuriesu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
sabry ha scritto:

stavo pensando, visto che da noi si usava molto anche il lino, ci sono testimonianze sia della coltivazione che della lavorazione e della tessitura, potrei farla in lino?
Non ottieni un bel lavoro. Fintanto che si tratta di un grembiule tipo Busachi va benissimo in quanto non hai prblemi di misure (cm più cm meno in vita poco cambia) ma per i polsi dovresti mettere non 90 cm di stoffa ma oltre un metro e la manica sarebbe sproporzionata. Altra soluzione sarebbe utilizzare un lino grosso ma perderesti la delicatzza del ricamo.








  Firma di ampuriesu 
Non importa quanto si da, ma quanto amore si mette nel dare!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: valledoria  ~  Messaggi: 897  ~  Membro dal: 16/10/2008  ~  Ultima visita: 02/02/2019 Torna all'inizio della Pagina

sabry

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 11:21:53  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sabry Invia a sabry un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
ampuriesu ha scritto:

sabry ha scritto:

stavo pensando, visto che da noi si usava molto anche il lino, ci sono testimonianze sia della coltivazione che della lavorazione e della tessitura, potrei farla in lino?
Non ottieni un bel lavoro. Fintanto che si tratta di un grembiule tipo Busachi va benissimo in quanto non hai prblemi di misure (cm più cm meno in vita poco cambia) ma per i polsi dovresti mettere non 90 cm di stoffa ma oltre un metro e la manica sarebbe sproporzionata. Altra soluzione sarebbe utilizzare un lino grosso ma perderesti la delicatzza del ricamo.


allora vada per il cotone!

penso di aver capito la preparazione del tessuto, si realizza una pieghettattura tipo punto smok seguendo però le trame. correggimi se sbaglio








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Vallermosa  ~  Messaggi: 606  ~  Membro dal: 30/06/2009  ~  Ultima visita: 17/10/2018 Torna all'inizio della Pagina

sostro

Utente Medio


Inserito il - 30/03/2010 : 11:36:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di sostro Invia a sostro un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
è chiarissima la spiegazione... daltronde è un maestro in quest'arte cosi paziente. stramare, piegare, contare... solo uno armato di molta pazienza come lui riesce a realizzare questo ricamo tono su tono!







 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: Sennori  ~  Messaggi: 188  ~  Membro dal: 27/05/2008  ~  Ultima visita: 28/09/2011 Torna all'inizio della Pagina

ampuriesu

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 11:58:25  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ampuriesu Invia a ampuriesu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Allora iniziamo... ti posto i passaggi così spiego meglio la pocedura.
prendi un pezzo ti tela 3f larga 90 e alta 80.
Dalla parte dell'ampiezza quindi 90, lascia 5 cm per parte e 3 dall'orlo di sotto.
Sfila una trama e una volta sfilata inizia a prendere 2 trame con l'ago e a lasciarne 4.
Ricorda di usare filo lettera che è sottile e resistente allo stesso tempo e sopratutto per l'imbastitura deve essere bianco. Poi il ricamo potrai realizzarlo anche in nero ma le imbastiture dopo se sono nere con ricamo bianc si notano non sono belle da vedere.



Quando finirai la prima passata, ti spiegherò il resto così non ti confondo le idee








Modificato da - ampuriesu in data 30/03/2010 12:02:02

  Firma di ampuriesu 
Non importa quanto si da, ma quanto amore si mette nel dare!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: valledoria  ~  Messaggi: 897  ~  Membro dal: 16/10/2008  ~  Ultima visita: 02/02/2019 Torna all'inizio della Pagina

santobevitore

Utente Medio


Inserito il - 30/03/2010 : 12:09:42  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di santobevitore Invia a santobevitore un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Oh Ampuriesu, sa cosa est seria!
Sabry, chi sa fare sa insegnare, quindi sei in una botte di ferro: questo ragazzo sa il fatto suo! vedrai che riuscirai benissimo.








 Regione Sardegna  ~ Prov.: Oristano  ~ Città: Cabras  ~  Messaggi: 443  ~  Membro dal: 25/08/2008  ~  Ultima visita: 20/07/2012 Torna all'inizio della Pagina

ampuriesu

Utente Attivo



Inserito il - 30/03/2010 : 12:15:12  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ampuriesu Invia a ampuriesu un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
santobevitore ha scritto:

Oh Ampuriesu, sa cosa est seria!
Sabry, chi sa fare sa insegnare, quindi sei in una botte di ferro: questo ragazzo sa il fatto suo! vedrai che riuscirai benissimo.








  Firma di ampuriesu 
Non importa quanto si da, ma quanto amore si mette nel dare!

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Sassari  ~ Città: valledoria  ~  Messaggi: 897  ~  Membro dal: 16/10/2008  ~  Ultima visita: 02/02/2019 Torna all'inizio della Pagina
Pagina: di 14 Discussione  
Pagina Successiva
Nuovo Evento      Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000