Forum Sardegna
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
 

    


Nota Bene: L’Ente Foreste della Sardegna gestisce circa 220.000 ettari di bosco (pari a oltre i 2/3 della superficie dell'intera Valle d’Aosta) , divisi in 170 perimetri nei quale operano 6.800 addetti.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Lingua Sarda
 Presentada Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale
Inserisci linkInserisci EmailInserisci suonoInserisci Mp3Inserisci pdfInserisci file multimediale Inserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Video: Inserisci Google video Inserisci Youtube Inserisci Flash movie
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

 
 
 
 

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
Perdixeddu Inserito il - 13/07/2009 : 21:27:37
SABUDU 18 A IS 10.00 DE A MANGIANU IN CASTEDDU - PALAZZO REGIO PIAZZA PALAZZO SA PROVINCIA DE CASTEDDU E SU COMITAU SCIENTIFICU PO SA NORMA CAMPIDANESA ANT A PRESENTAI SU LIBURU Arrègulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda; SEIS TOTUS CUMBIDAUS A BENNI po afortiai sa lìngua nosta e dda incarrerrai a fai su tretu democràticu chi depit fai po chi siat sa lìngua de TOTUS IS SARDUS!!!



Su lìburu Arrègulas po ortografia, fonètica, morfologia e fueddàriu de sa Norma Campidanesa de sa Lìngua Sarda chi sa Provìntzia de Casteddu e su Comitau Scientìficu chi ddu at fatu ant a presentai in Casteddu, Palazzo Regio, sàbudu 18 de su mesi de argiolas 2009 a is de 10.00 de a mangianu proponit unu Campidanesu chi a su scriri e a is intrànnias suas ddu potzant connosci e achipi totus.

Difatis su Campidanesu chi is Arrègulas proponint est su Campidanesu generali (o comunu), imperau in poesia pruschetotu de is cantadoris campidanesus, e chi apicigat giai a pari cun sa bariedadi diatòpica de giossu, chi movit de Casteddu e sprundit a is Logus a su costau cosa sua, conca a is duus orus de mari.

Su lìburu no timit de spricai ita est su Sardu: totu su chi pertocat is duas bariedadis de sa lìngua sarda, su Campidanesu e su Logudoresu E duncas de s'ora chi sa lìngua sarda est una, a duas bariedadis, tocat a fueddai de unu standard de sa lìngua (su de sa lìngua sarda) a duas normas: sa norma de su Campidanesu (chi su Comitau Scientìficu e sa Provìntzia de Casteddu ant a proponni sàbudu 18 in Casteddu), e sa norma de su Logudoresu (chi est ancora de fai)

In prus, de s’ora chi a ndi achipi una lìngua de parti de unu pòpulu no est cosa de pagu, e giai mai in sa stòria una chistioni diaici at pigau unu sètiu democràticu, sa Provìntzia de Casteddu e su Comitau Scientìficu funt de su parri ca s’achipimentu ddu at a fai su Consillu Provintziali de Casteddu agoa de ai intèndiu su parrimentu e is propostas de totus.

Duncas sàbudu 18 nemus presentat unu lìburu giai acabau, ma unu lìburu de amellorai. Is propostas de amelloramentu o pediduras depint lompi aìnturu de una dii chi at a essi nada in s'atòbiu de su 18 e in s'imprenta, a is indirìtzius (chi agatais puru in su cumbidu) e chi funt su curreu eletrònicu: comitaunormacampidanesa@gmail.com; o su forum (chi at a aberri de su 19 de su mesi de argiolas): http://comitaunormacampidanesa.forumup.it); àteras informatzionis si podint arriciri a su nùmeru 348 72 33 653 de su telefoneddu



******************************************************************

Il libro Regole per ortografia, fonetica, morfologia e vocabolario della Norma Campidanese della Lingua Sarda, che la Provincia di Cagliari e il Comitato Scientifico che lo ha realizzato presenteranno a Cagliari presso il Palazzo Regio in Piazza Palazzo sabato 18 luglio alle ore 10.00, propone un Campidanese che, per ciò che concerne l’ortografia e le caratteristiche della lingua, possa essere riconosciuto e accolto da tutti.

Infatti il Campidanese proposto dalle Arrègulas è il Campidanese generale (o comune), usato in poesia soprattutto dai cantadoris campidanesi, e corrispondente pressappoco alla varietà diatopica meridionale, che si estende dal capoluogo e l’immediato hinterland lungo le due fasce costiere.

Il libro non teme di dare una definizione di Sardo: tutto ciò che riguarda le due varietà letterarie della lingua sarda, il Campidanese e il Logudorese;

E allora dal momento che la lingua sarda è una, con due varietà, bisogna parlare di uno standard linguistico (quello del sardo) con due norme: la norma del Campidanese (che il Comitato Scientifico e la Provincia di Cagliari proporranno sabato 18 a Cagliari) e la norma del Logudorese (che è ancora da scrivere).

Inoltre, dal momento che l’accogliere una lingua da parte di un popolo non è argomento di poco conto, e considerando pure che quasi mai scelte di questo tipo hanno preso una via democratica, la Provincia di Cagliari e il Comitato Scientifico sono del parere che l’adozione andrà formalizzata dal Consiglio Provinciale, dopo aver sentito l’opinione e le proposte di tutti.

Dunque sabato 18 non verrà presentato nessun libro definitivo, ma un libro da migliorare. Le eventuali proposte di miglioramento o quesiti devono pervenire entro una data che verrà comunicata nell'incontro del 18 e poi sulla stampa agli indirizzi (che si trovano pure nell'invito) e che sono: l’indirizzo di posta elettronico comitaunormacampidanesa@gmail.com; o il forum (in funzione dal 19 luglio): http://comitaunormacampidanesa.forumup.it; altre informazioni verranno rilasciate telefonando al numero di cellulare 348 72 33 653.


15   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Gonariu Inserito il - 31/05/2015 : 00:18:46
Nel 1999 ho seguito a Quartu un corso di campidanese tenuto dal prof. Antonio Lepori che ha classificato le lingue neolatine in a) occidentali: formano il plurale dall'accusativo plurale latino, e quindi ecco spiegata la desinenza -s del plurale del campidanese, logudorese, francese, catalano, spagnolo e portoghese; b) orientali: formano il plurale dal nominativo plurale latino (quindi la desinenza -i dell'italiano, rumeno, sassarese e gallurese). Anche le osservazioni sul sistema verbale sono vere, almeno per il gallurese: se uno legge la grammatica gallurese del Corda se ne rende conto (per il sassarese ancora non mi pronuncio, ma mi devo leggere qualche libro che ho comprato su di esso), ció é vero sia per le desinenze verbali (campidanese e logudorese sopratutto tendono a conservare le desinenze verbali latine), sia per altre cose: il futuro in gallurese é sintetico, in campidanese e gallurese é perifrastico, l'imperfetto del verbo essere in campidanese elogudorese o si forma sul tema fi- del verbo fio latino + il suffisso temporale -ia (la cui i si contrae in una sola colla i del tema) + le desinenze verbali indicanti le persone, oppure, come in nuorese, il presente latino di fio é diventato l'imperfetto del verbo essere con modifiche minime (fippo, fis, fit fimus, fidis, fin a Orotelli); l''imperfetto del verbo essere in gallurese e sassarese é la continuazione di quello del latino classico (eram, eras, erat, eramus, eratis, erant). E' vero che il gallurese ha sviluppato un futuro perifrastico sul tipo di quello sardo, ma per influenza di quest'ultimo, non é proprio cosa sua ....... Diverso é il discorso per quanto riguarda il lessico, qui la "contaminatio" fra logudorese da una parte e sassarese/gallurese dall'altra é stata decisamente piú forte, ma ció non basta per classificarli come dialetti sardi; l'inglese ha almeno il 50% delle sue parole di origine latina (entratevi o tramite il francese, lingua ufficiale in Inghilterra durante la dominazione normanna o tramite la valanga di termini latini introdotti dagli umanisti nel '400), ma nessuno si sogna di classificare l'inglese come una lingua neolatina, in qualunque testo sull'argomento esso é considerata una lingua germanica. Poi, ritornando al campidanese/logudorese da una parte e al sassarese/gallurese dall'altra, si sa che la natura non fa salti, anche le classificazioni hanno i loro limiti, fanno comodo per inquadrare e schematizzare bene le cose, ma senza prenderle in maniera assoluta, e forse é qui che in questa discussione si sta inciampando.
Petru2007 Inserito il - 29/05/2015 : 19:43:35
Anche nella Sardegna settentrionale la lingua artificiale non ha avuto un gran successo.
Su foristeri Inserito il - 29/05/2015 : 18:34:59
Ho percorso un po questa discussione e quando vedo che con le due macrovarianti principali del sardo non si è arrivato a niente (si è arrivato a qualcosa nel 2006 mà non serve a niente !) allora penso che prendendo in conto anche le parlate "border line" allora, o non si puo fare più niente, o se si riesce a fare qualcosa sarà una parlata complemente artificiale che non servirà a niente (una specie di yiddish della Sardegna) perchè questa volta tutta la Sardegna la rifiuterà ! (non solo i campidanesi).
PlatinozkoSudurrak Inserito il - 24/07/2009 : 14:29:59
laier ha scritto:

sono convinto che lo studio della grammatica ci aiuti a capire le tre varianti principali!
sarebbe bellissimo parlare il proprio dialetto e sentirsi rispondere (ad es.) in sassarese e capirsi reciprocamente
senza INVENTARSI una nuova lingua dal nulla!
In Spagna la lingua ufficiale è una, il Castigliano (lingua non solo di Madrid) poi ci sono il Basco,Il Galliziano e il Catalano parlati nelle relative regioni, queste sono lingue storiche non artificiali come la LSC
Oih ite ses nande... figurati se una persona può perdere tempo a imparare tre varianti... ma non esiste. Siamo nel 2009, una dovrebbe essere più che sufficente per lo scritto, forse hai dimenticato che c'è anche l'inglese che i ragazzi dovrebbero sapere quasi come se fosse prima lingua. Figurati se dovrebbero imparare anche tre varianti.
In più il basco attualmente utilizzato e parlato nei paesi baschi è una sorta di lsc (euskera batua), frutto di una sintesi dei vari dialetti (che oggi oramai non parla più nessuno se non qualche vecchio disperso sui monti). Stessa cosa anche per il catalano utilizzato nelle amministrazioni e nelle scuole anche se forse la codificazione è stata fatta in maniera più dolce.

Quello che dici alla fine, in sostanza, non ha senso. Se si vuole che il sardo venga utilizzato dalle amministrazioni, dai media e nelle scuole per l'insegnamento di una parte delle materie è necessario uno standard. Nessuno impone ai sardofoni attuali di imparare la lsc o di scrirvere e parlare con questa, za m'at a variare, servirà per chi in futuro andrà a scuola e non avrà modo di utilizzarlo nell'ambito domestico.
laier Inserito il - 24/07/2009 : 10:11:08
sono convinto che lo studio della grammatica ci aiuti a capire le tre varianti principali!
sarebbe bellissimo parlare il proprio dialetto e sentirsi rispondere (ad es.) in sassarese e capirsi reciprocamente
senza INVENTARSI una nuova lingua dal nulla!
In Spagna la lingua ufficiale è una, il Castigliano (lingua non solo di Madrid) poi ci sono il Basco,Il Galliziano e il Catalano parlati nelle relative regioni, queste sono lingue storiche non artificiali come la LSC
Perdixeddu Inserito il - 24/07/2009 : 09:53:48
laier ha scritto:

ancora con la limba sarda comuna????
eh basta....
viva le varianti!
valorizziamo la grammatica e vedrete che cominceremo a capirci tutti!


è proprio contro la limba sarda comuna che è nato questo lavoro...
Nugoresu Inserito il - 24/07/2009 : 09:45:17
Turritano ha scritto:

Ma Perdixeddu, amico mio, stai sbattendo la testa contro un muro, insisti nel continuare questo argomento in una discussione non propria, in altre parole…”off topic” e poi, te lo dico francamente: tu mi rendi la vita troppo facile … non avresti altro da dire?
Ti ripropongo la domanda: ma tu conosci il Sassarese (e il Gallurese)? A questo punto è chiaro che no. Tu ti basi su informazioni di seconda, anzi di terza e quarta mano e, per giunta, enormemente limitate. Così non va bene, non è un giudizio fatto su cognizioni di causa (conoscenza diretta delle varianti sopra menzionate)
Altrimenti sapresti che qua non si tratta di “un po’ di lessico” e “ un po’ di fonologia” ad associare il Sassarese/Gallurese al Sardo (Logudorese). Nella fattispecie, statisticamente parlando (quindi non sono mere opinioni filosofiche) il lessico del Sassarese è quasi completamente Logudorese, così come la fonologia. A questo aggiungiamo la quasi totalità delle frasi idiomatiche e tutta la sintassi. Quello che invece si allontana di più dal sardo è una buona parte della grammatica (sintassi esclusa) Posso scendere tranquillamente nei particolari, sai? Particolari e comparazioni col Logudorese basati sulla mia conoscenza personale, e non sul sentito dire. E la cosa sarebbe molto molto interessante ed istruttiva.
L’algherese, il tabarchino, e il veneto di Arborea, dove li lasciamo? Semplice, li lasciamo dove sono, cioè in zone estremamente limitate con la doverosa aggiunta di particolari per niente trascurabili, se si vuol fare una discussione seria sulla Lingua Sarda.
Algherese: è catalano, anche se una varietà molto diversa dal Catalano ufficiale perché, come già detto, il Catalano ufficiale, oggi, altro non è che il Barcellonese tout court. Comunque di Sardo ha molto poco, praticamente niente.
Tabarchino. Be’, non c’è bisogno di una eccezionale conoscenza per sapere che si tratta di un antico dialetto ligure che niente ha a che fare col Sardo.
Veneto d’Arborea? Idem come sopra, con la esplicita constatazione che qua, invece di un dialetto ligure, si tratta di un vernacolo veneto.
Il paragone quindi fra questi dialetti stranieri e il Sassarese/Gallurese, è assolutamente improponibile. O almeno, lo può fare chi prende certi argomenti sottogamba, con assoluta mancanza di cognizioni. Frettolosità, superficialità e, gira gira, molto campanilismo (Da Nord a Sud) Insomma: siamo seri!
Invece tu arrivi persino a dire che “ il sardo come lingua è molto più vicino al friulano e al ladino che al sassarese e gallurese”… ma questa è una barzelletta, tutto il contrario della realtà. Informati amico mio, informati.
Così si fa la linguistica: con cognizione di causa e cercando di restare estermamente equidistanti. Certamente, osservando questi presuposti, non si possono "inventare" regole personali

A nos bider luego
Turritano



Bene!! allora secondo la tua teoria.... anche la lingua parlata in Corsica è Sardo??? oppure è il contrario e cioè che quello che si parla nel sassarese e in gallura non è altro che una delle tante varianti delle parlate corse????

Hasta luego
laier Inserito il - 24/07/2009 : 09:34:09
ancora con la limba sarda comuna????
eh basta....
viva le varianti!
valorizziamo la grammatica e vedrete che cominceremo a capirci tutti!
Perdixeddu Inserito il - 23/07/2009 : 20:51:17
Turritano ha scritto:

Perdixeddu ha scritto:


continui a dire "non conoscete il sassarese" ma non smonti in maniera scientifica quello che dico, che sono cose linguistiche!

basta quella -S del plurale a buttare giù tutto quello che dici, una -S solo!

tutto il resto è chiacchera da bar

Un po' pochino?
Non conosci assolutamente l'argomento e ti permetti, non solo di discuttere, ma anche di trinciare giudizi? Non si può discuttere senza conoscere, così si fanno solo chiacchere da bar o... peggio pure.
"E' la somma che fa il totale", non qualche particolare stiracchiato qua e là.
Prima bisogna conoscere, valuttare e poi, se è il caso, giudicare.
Io ho perso anche troppo tempo (ozu perdhidu!). In questo bar adesso continua pure la discussione (?), ma non con me
Turritano



bhe si, fare il plurale con la -S o con la vocale, è pochino pochino...
ascu', con te è meglio parlare di cani, almeno l'argomento lo conosci!

lascia stare l'argomento linguistico, hai dimostrato abbondantemente che ti mancano i più basilari rudimenti per riconoscere una lingua dall'altra! se seguissimo il tuo modo di ragionare, tutte le lingue neolatine sarebbero una "grande lingua" visto che "le parole e la fonologia" sono molto simili!
PlatinozkoSudurrak Inserito il - 23/07/2009 : 18:40:22
Per vuriosità... quale sarebbe la somma che fa del sassarese un dialetto del sardo?
Io di simile ci vedo solo una parte delle parole, nient'altro. Tu che sai potresti illuminarci.
Turritano Inserito il - 23/07/2009 : 18:31:21
Perdixeddu ha scritto:


continui a dire "non conoscete il sassarese" ma non smonti in maniera scientifica quello che dico, che sono cose linguistiche!

basta quella -S del plurale a buttare giù tutto quello che dici, una -S solo!

tutto il resto è chiacchera da bar

Un po' pochino?
Non conosci assolutamente l'argomento e ti permetti, non solo di discuttere, ma anche di trinciare giudizi? Non si può discuttere senza conoscere, così si fanno solo chiacchere da bar o... peggio pure.
"E' la somma che fa il totale", non qualche particolare stiracchiato qua e là.
Prima bisogna conoscere, valuttare e poi, se è il caso, giudicare.
Io ho perso anche troppo tempo (ozu perdhidu!). In questo bar adesso continua pure la discussione (?), ma non con me
Turritano
Perdixeddu Inserito il - 23/07/2009 : 13:46:05
PlatinozkoSudurrak ha scritto:

Perdixeddu ha scritto:

è tipico delle lingue neolatine occidentali trasformare PL latino in PR o lasciare PL...

per esempio:

latino PLATEAM

sardo PRATZA, spagnolo PLAZA, catalano PLAçA

invece l'italiano traforma il PL in PI (piazza, come in rumeno)

FLOREM stesso discorso...frori (srd), fleur (francese), flor (spagnolo) etc etc...italiano (fiore, in rumeno invece questo fa eccezione, infatti diventa floarea, rendendo quindi il fiori sassarese e gallurese ancora più isolato con l'italiano!)...

questo per tutte le parole latino che iniziavano con PL, FL, BL...in gallurese e sassarese cosa succede? lo stesso dell'italiano
Ma questo succede nel logudorese di logudoro, cioè in quelle zone vicino a Sassari...


infatti l'ho detto più su, anche nel logudorese settentrionale dove c'è stata l'influenza sassarese-gallurese.
mi ricordo nella Nurra, io e un signore di Fonni mentre prendevamo in giro un amico di Ozieri perchè al posto di FRORI/FRORE diceva su FIORE
Perdixeddu Inserito il - 23/07/2009 : 13:43:22
Turritano ha scritto:

Tu, dogo sardesco, del Sassarese non conosci nulla, solo conoscendo si può discuttere in maniera appropriata e non ripettendo continuamente cose sentite o lette da altri. Troppo facile, e si fanno inevitabilmente brutte figure. Bisogna prendere il tutto e confrontarlo, paragonarlo e compararlo pezzo per pezzo con un'altra la controparte. Altrimenti si sbatte continuamente la testa contro il muro, esattamente come stai facendo tu.
Per fare "da bravo" cosa intendi, che mi metta in fila al codazzo che racconta argutamente fesserie su argomenti che non conosce?
Continuiamo pure qui, sempre of topic, a parlare del Sassarese, ma per favore (favore a voi stessi), prima informatevi, ma bene. So che la cosa è lunga e non facile, ma se volete, vi posso dare una mano ... altrimenti volete buttarla in burla? volete ripetere sconclusionatamente sempre le stesse cose? bene, ridiamo
Turritano



continui a dire "non conoscete il sassarese" ma non smonti in maniera scientifica quello che dico, che sono cose linguistiche!

basta quella -S del plurale a buttare giù tutto quello che dici, una -S solo!

tutto il resto è chiacchera da bar
PlatinozkoSudurrak Inserito il - 23/07/2009 : 10:03:13
Perdixeddu ha scritto:

è tipico delle lingue neolatine occidentali trasformare PL latino in PR o lasciare PL...

per esempio:

latino PLATEAM

sardo PRATZA, spagnolo PLAZA, catalano PLAçA

invece l'italiano traforma il PL in PI (piazza, come in rumeno)

FLOREM stesso discorso...frori (srd), fleur (francese), flor (spagnolo) etc etc...italiano (fiore, in rumeno invece questo fa eccezione, infatti diventa floarea, rendendo quindi il fiori sassarese e gallurese ancora più isolato con l'italiano!)...

questo per tutte le parole latino che iniziavano con PL, FL, BL...in gallurese e sassarese cosa succede? lo stesso dell'italiano
Ma questo succede nel logudorese di logudoro, cioè in quelle zone vicino a Sassari...
Turritano Inserito il - 23/07/2009 : 09:08:11
PlatinozkoSudurrak ha scritto:

Vivo da due anni a Sassari e le uniche cose che sento sono a zi ne andemmu gaz, gaz, ma che stai dizendi, eu ti lu soggu dizendi gaz più le canzoncine come faccia di trudda. Ma forse è meglio così... non ci tengo a conoscerlo a fondo visto che non lo conoscono nemmeno i sassaresi.

Infatti, come volevasi dimostrare non lo conosci per niente. "Due anni" bastano giusto per sentire tzi e gaz, che si prestano molto bene solo al sarcasmo di chi non ama né Sassari né i sassaresi. Ma non per capire altro. Grazie della tua sincerità.
Io a Sassari ci vivo da qualcosa più di due anni e ho visto la decadenza che ogni anno diventa più grave, come in tutta la Sardegna. Ma il Sassarese lo conosco bene e so cosa dico, conosco altrettanto bene il Logudorese, quindi sono in grada di fare una comparazione seria e approfondita fra le due varianti e, quindi, in grado di trovare una soluzione autonoma competente, magari non condivisa da tutti quelli che possono partire da basi solide e consolidate, ma competente. A questo punto è inutile continuare un discorso che sta finendo in cionfra, da parte di incopetenti che si arrogano ll diritto di decidere e fare comparazioni su cose che non conoscono e dimostrando solo disprezzo ed ignoranza. Tornate a parlare del Campidanese, così, per lo meno non uscite of topic e, forse, eviterete di fare brutte figure davanti agli occhi di chi le cose le conosce davvero
Turritano

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000