Forum Sardegna - Camillo Bellieni
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: In località "S'Acqua Cotta" a dieci chilometri da Villasor vi è una sorgente tra le più antiche del Campidano. Già migliaia di anni fa, le popolazioni nomadi beneficiavano degli effetti di quest'acqua durante la transumanza.
Essa è un'acqua termale che sgorga a una temperatura di circa 46° c. perché a poco più di mille metri sotto il livello del mare alcuni serbatoi vulcanici emettono gas e vapori che la mineralizzano.



 Tutti i Forum
 Libri di Sardegna
 Saggistica
 Camillo Bellieni
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


    Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

pimobalare
Salottino
Utente Attivo



Inserito il - 07/01/2012 : 19:20:18  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di pimobalare Invia a pimobalare un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
OMAGGIO A CAMILLO BELLIENI...

Camillo Bellieni - "Eleonora d'Arborea" (1929)

Camillo Bellieni nasce a Thiesi (Sassari) il 31 Gennaio 1893. Studia a Sassari dove, nel 1911, consegue la maturità classica e, da ufficiale della "Brigata Sassari", nel 1916 si laurea in Giurisprudenza.
Nel 1915, sul Carso, conosce Emilio Lussu; gravemente ferito in battaglia, nel 1917 viene congedato.
Nel 1920 si laurea in Filosofia a Roma e, nel 1924 in Paleografia e Dottrina archivistica a Napoli.
Considerato uno degli ideologi più acuti e brillanti della sua generazione, nel 1921 è tra i fondatori del Partito Sardo d'Azione.
Oltre ad una copiosissima serie di appassionati lavori di carattere politico, tra le sue opere si ricordano" La Sardegna e i Sardi nella civiltà del mondo antico (1928/31), La Sardegna e i Sardi nella civiltà dell'Alto Medioevo (1928), e Eleonora d'Arborea (1929). Muore a Napoli il 9 Dicembre 1975.


Il romanzo....

"Eleonora d'Arborea" in particolare, scritto nel 1929, è la biografia romanzata di una delle più significative figure femminili della storia italiana: la giudicessa figlia di Mariano IV e Timbora di Roccabertì e sposa di Brancaleone Doria, che resse il giudicato arborense dal 1383 sino al 1404, probabile anno della sua morte per peste.
Un romanzo documentato e pieno di fascino col quale il grande teorico dell'autonomismo sardista, con appassionata scrittura e sapiente maestria narrativa,ci conduce nel clima del medioevo isolano.
Un felice affresco che fa riemergere in una vivida luce re e condottieri,trame e battaglie, antiche tradizioni e moderne norme legislative (come la Carta de Logu, tra i più evoluti "Corpus" giuridici medioevali) che, per lungo tempo, hanno saputo regolare il vivere quotidiano dei Sardi.


<....Circondata da un velo d'ombra ci appare la grande figura di Eleonora d'Arborea; ed invano noi cerchiamo di distinguerne i lineamenti, di precisarne l'espressione del volto, attraverso gli scarsi documenti del tempo. E' un volto misterioso, per metà fasciato di nero, che lascia solo vedere gli occhi lucenti, dallo sguardo vigile e deciso. Restiamo insoddisfatti, nella nostra curiosità, ma comprendiamo che non si tratta di una donna comune..... >








Modificato da - pimobalare in Data 07/01/2012 19:32:42

 Firma di pimobalare 
Frangar, non flectar...(mi spezzerò ma non mi piegherò...) -Lucio Anneo Seneca-

è negli occhi degli uomini........che va a specchiarsi l'Universo
« ...All those moments will be lost in time, like tears in rain... » B.Runner

 Regione Sardegna  ~ Città: Tempio Pausania  ~  Messaggi: 957  ~  Membro dal: 01/07/2011  ~  Ultima visita: 25/11/2015

Google Sardegna


Pubblicità

  Discussione  
    Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000