Forum Sardegna
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
 

    


Nota Bene: Nata a Ozieri nel 1887, Maria Rosa Punzirudu è stata fra le prime donne sarde a esibirsi sul palco nel canto a chitarra. Il suo esordio risale ai primi anni venti, mentre le incisioni sono del 1930, cantando con Nicolino Cabizza e Gavino Delunas.
Fra le sue esibizioni più importanti, da ricordare quella avvenuta in Vaticano, davanti a Papa Pio XII, dove propose una toccante interpretazione di Deus ti salvet Maria.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Lingua Sarda
 Lingua sarda

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione Ŕ semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale
Inserisci linkInserisci EmailInserisci suonoInserisci Mp3Inserisci pdfInserisci file multimediale Inserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Video: Inserisci Google video Inserisci Youtube Inserisci Flash movie
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML Ŕ OFF
* Il Codice Forum Ŕ ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

 
 
 
 

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
Giuseppe Inserito il - 10/05/2010 : 18:01:10


Leggo su "La Nuova Sardegna" e trascrivo, per la mia e la vostra meditazione.

cando lego in medas litteras chi sa limba sarda depped esser istudiÓa in cada bidda cumente es chistionÓa mi rughent sor brazzos e mi dimando si medas sardos ana cumpresu o nono chi sa limba est una cosa e-i su su sardu chistionau in sas biddas est attera cosa, est unu 'dialektos' (pro no lu narrer in italianu) chi poded andare bene cando si vived in familia e inintro a sas lacanas de su sartu e vidda, ma no pro sa radio, sos giornales e sa televisione. Como, in su XXI seculu una limba chi chered esser limba depped intrare in custos 'media' si chere sighire a esistire, duncas depped esser unificÓa in sa grafia e sa pronuntzia pro ser cumpresa tottube. Fortzis medas non bi l'ischini, ma su catalanu s'ebreu e s'arabu modernu ini chistionaos in chentu maneras differentes e sunu istaos unificaos dae sos linguistas in sas universidades. Si si cherede chi su sardu vivada, bisonzad a l'unificare. Sinono ada a 'acher sa fine de s'etruscu in pacas deghinas de annos.
15   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le pi¨ recenti)
Gonariu Inserito il - 27/04/2015 : 14:42:13
Quello che dici Ú vero Paola, io ho letto che i dialetti cinesi certe volte sono distanti fra loro come lo sono gra loro le lingue neolatine (quindi sarebbe pi˙ corretto parlare di lingue invece che di dialetti). Ciˇ che unifica la lingua cinese Ú la scrittura ideografica (il cinese non si fa imprigionare nelle 26 lettere dell'alfabeto latino per caratteristiche sue proprie come i toni e la stragrande quantitß di omofoni). Si propone di unificare il sardo come lingua scritta, l'idea non Ú male, ma si continua a proporre come standard la LSC che fondamentalmente Ú una forma di logudorese con QUALCHE concessione al campidanese. Giustamente i campidanesi, che sono la maggioranza dei parlanti sardo in Sardegna, la rifiutano.
Folkettara Dilettante Inserito il - 09/04/2015 : 09:41:10
Non vorrei offendere nessuno ma vorrei tornare sull'argomento "labirinto della lingua sarda" e paragonare la situazione linguistica a quella del cinese. Mi spiego: anche se esiste, se non sbaglio,la LSc (utilizzata perlopi¨ in lettertura e nei dcumenti scritti) nel quotidiano ci sono come diceva anche "su foristeri" una miriade di dialetti e ogni zona utilizza la propria variante... lo stesso vale per il cinese (lingua comune, ma utilizzata solo nei testi ufficiali).
Scusate il paragone azzardato, ma avendo frequentato un corso serale di cinese dieci anni fa mi Ŕ venuto spontaneo questo paragone.
Ciao da Paola
Efisio_78 Inserito il - 19/02/2015 : 12:54:58
Turritano ha scritto:

Perdixeddu ha scritto:

realismo Ŕ accettare che la LSC in totu su cabu de giossu non Ŕ applicabile, tutto il resto Ŕ chiacchera!

Questo Ŕ un tuo punto di vista, viziato da un campanilismo portato all'estremo
Turritano


Non Ŕ campanilismo Ŕ solo contestualizzare.
A mio avviso.
Gonariu Inserito il - 06/09/2014 : 15:52:41
A donnadelfaro: prova a comprare questo libro se vuoi imparare il sardo:

autore: Andrea Deplano;

titolo in campidanese: Cursu de lingua e civiltadi sarda;

titolo in logudorese: Cursu de limba e tziviltade sarda;

casa editrice: Edizioni Grafica del Parteolla;

prezzo: 20,00 euro (almeno quando l'ho comprato io qualche anno fa).


Il libro insegna sia il logudorese (da una parte) sia il campidanese (girandolo dall'altra parte, per questo motivo ti ho scritto il titolo sia in logudorese che in campidanese). Una volta che tu impari una delle due varianti riesci ad imparare anche quella particolare del paese che a te interessa, questo te lo posso dire in parte per esperienza personale.
donnadelfaro Inserito il - 01/09/2014 : 14:59:37
Messaggio di Giuseppe



Leggo su "La Nuova Sardegna" e trascrivo, per la mia e la vostra meditazione.

cando lego in medas litteras chi sa limba sarda depped esser istudiÓa in cada bidda cumente es chistionÓa mi rughent sor brazzos e mi dimando si medas sardos ana cumpresu o nono chi sa limba est una cosa e-i su su sardu chistionau in sas biddas est attera cosa, est unu 'dialektos' (pro no lu narrer in italianu) chi poded andare bene cando si vived in familia e inintro a sas lacanas de su sartu e vidda, ma no pro sa radio, sos giornales e sa televisione. Como, in su XXI seculu una limba chi chered esser limba depped intrare in custos 'media' si chere sighire a esistire, duncas depped esser unificÓa in sa grafia e sa pronuntzia pro ser cumpresa tottube. Fortzis medas non bi l'ischini, ma su catalanu s'ebreu e s'arabu modernu ini chistionaos in chentu maneras differentes e sunu istaos unificaos dae sos linguistas in sas universidades. Si si cherede chi su sardu vivada, bisonzad a l'unificare. Sinono ada a 'acher sa fine de s'etruscu in pacas deghinas de annos.


Concordo pienamente. Io non riesco a imparare il sardo proprio perchÚ lo sento parlare in troppi modi diversi, ma anche i sardi stessi che credono di parlare la lingua sarda, in realtÓ parlano il dialetto del loro paese.
robur.q Inserito il - 06/07/2012 : 07:28:55
La grammatica l'ho prestata ad un amico che ancora non me l'ha restituita ma, se non ricordo male, sostanzialmente coincide con gli appunti distribuiti al corso.
Gonariu Inserito il - 05/07/2012 : 22:40:31
Sono d'accordo con te che il campidanese Lepori deve davvero conoscerlo molto bene; dirˇ di pi˙, i suoi criteri li seguo anche quando parlo e scrivo in nuorese. Le sue proposte ortografiche non le condivido, sono d'accordo con lui quando sostiene che il sardo non si puˇ scrivere con le regole ortografiche dell'italiano (essendo una lingua a sÚ), ma la sua ortografia Ú troppo contorta, ci vuole un sistema molto pi˙ semplice. Mi dispiace apprendere che una persona cosÝ geniale non sia altrettanto aperta. Ti volevo chiedere: la sua "Gramatica po is campidanesus" ha qualcosa in pi˙ delle sue dispense del suo corso di sardo del 1999 tenuto dal comune di Quartu ? ╔ possibile ancora trovarla da qualche parte ?
robur.q Inserito il - 05/07/2012 : 18:42:11
Conosce davvero molto bene la lingua, almeno il campidanese, ma le sue proposte ortografiche sono, per quanto molto efficienti linguisticamente, difficili da digerire, ed infatti non ganno trovato grande udienza. Eppoi si, Ŕ stato sempre contrarissimo a qualsiasi ipotesi di standard comune: dopo aver letto la mia tesina, mi disse: tu sei di Cagliari, che ti importa di una lingua comune? La tua Ŕ il campidanese! Ldea rispettabilissima e, forse anche pi¨ realistica.
Gonariu Inserito il - 05/07/2012 : 15:17:27
Dimenticavo: non pensavo che Lepori fosse un integrista del campidanese, io so che Ú un grande ed Ú molto competente.
Gonariu Inserito il - 05/07/2012 : 14:47:57
A robur.q: ti ringrazio, mi vanti troppo, credo di avere ancora molto da imparare; sicuramente discutendo con te di queste questioni imparerˇ molto. Ciao, a risentirci.
robur.q Inserito il - 05/07/2012 : 08:29:25
Non sono stati solo i sostenitori del logudorese: gli estremisti campidanesi ci sono sempre stati (e Lepori Ŕ uno di loro), solo hanno avuto gioco facile. Ogni tanto la Regione emette qualche documento in LSC ma Ŕ evidente che la proposta non ha sfondato nel panorama socialmente sonnacchioso della questione linguistica, forse anche perchŔ legata alla personalitÓ politica di Soru.
Non sei un piccolo professore , sei un ottimo ed equilibrato appassionato molto competente
Gonariu Inserito il - 05/07/2012 : 01:18:40
Dopo aver letto questo tuo ultimo post riesco a capire ciˇ che vuoi dire e non posso darti torto. Io parlo sia il nuorese che il campidanese, sono i dialetti dei miei genitori e gli ho imparati entrambi da bambino andando in vacanza a casa dei miei nonni; cerco perciˇ di mantenere una posizione equilibrata e equidistante tra il campidanese e il logudorese. Perˇ non tutti hanno la fortuna di conoscerli entrambi e chiaramente ognuno valorizza il proprio dialetto. Ovviamente non Ú pensabile e non Ú neanche giusto imporre alla maggioranza dei sardi, che parla campidanese, il logudorese in quanto non dice loro niente. Come dici tu, il campidanese ha una propria letteratura (pensiamo per la commedia alle opere di Antonio Garau), una propria grammatica codificata (ottime le dispense del corso di campidanese che ho seguito nel 1999 e nel 2000 del prof. Antonio Lepori, studiandole ho imparato tante cose non solo sul campidanese ma anche sul sardo in generale). Da ciˇ che ho comprato in libreria tra l'anno scorso e quest'anno (la grammatica del dialetto di Tonara di La Croce e la grammatica di Mario Puddu) pensavo che la proposta della limba de mesania fosse ancora attuale, ma tu, essendo un sociolinguista sei pi˙ informato di me che sono un piccolo professore di matematica e fisica di un liceo di una cittß di provincia (N˙oro). Peccato! Peccato anche per la LSC, che, se i sostenitori del logudorese fossero stati meno integristi, da quello che mi hai detto tu si sarebbe potuta fare la quadratura del cerchio!
robur.q Inserito il - 04/07/2012 : 23:32:55
Gonariu ha scritto:

A robur.q: non ho capito cosa vuoi dire quando mi ringrazi per la pubblicitß. Visto che dici che la battaglia Ú persa in partenza, tu che cosa proporresti per proporre una lingua sarda che tutti possano accettare senza "murrungi" (chi parla campidanese contro il logudorese/nuorese e viceversa) ?

Non Ŕ questione di proporre, ma di constatare!! Ci sono state due proposte ufficiali per uno standard unico, la prima decisamente inaccettabile (LSU), la seconda (LSC), se emendata, poteva essere considerata sufficientemente equilibrata.
Ma, non capisco perchŔ, nonostante le assicurazioni dei proponenti, emendata non Ŕ stata mai. Uno, in confidenza, mi disse: di pi¨ non potevamo ottenere. Chi Ŕ che avrebbe dovuto concedere non si Ŕ capito mai. Di fronte a tale rigiditÓ, o forse ringraziando tale rigiditÓ, gli estremisti campidanesi si sono sfregati le mani: ora in tutto il sud si usa la norma campidanese della Provincia di Cagliari, e temo sia difficile tornare indietro. Il campidanese Ŕ da tempo codificato: sin dai primi dell'ottocento ci sono grammatiche e dizionari, le aree dialettali di riferimente hanno poche e reciprocamente conosciute varianti, ha una tradizione letteraria ed ha (soprattutto aveva) prestigio sociale. Bastava dare una certa stabilitÓ all'ortografia e il gioco era fatto. Continuo a pensare che sia la soluzione meno opportuna perchŔ pi¨ costosa e politicamente meno equa, ma devo ammettere che io mi ci trovo perfettamente a mio agio: Ŕ il mio sardo, o quello pi¨ vicino a quello che si parla nella comunitÓ dove vivo. Insomma, chi era recalcitrante ad emendare la LSC alla fine si Ŕ trovato col cerino in mano poichŔ quasi due terzi dei sardi abitano la Sardegna meridionale, siamo la stragrande maggioranza e quindi abbiamo le potenzialitÓ per fare da soli. E cosý sta succedendo; era prevedibile ma, come ti dicevo, i linguisti vogliono fare troppe cose....
Gonariu Inserito il - 04/07/2012 : 14:49:57
A robur.q: non ho capito cosa vuoi dire quando mi ringrazi per la pubblicitß. Visto che dici che la battaglia Ú persa in partenza, tu che cosa proporresti per proporre una lingua sarda che tutti possano accettare senza "murrungi" (chi parla campidanese contro il logudorese/nuorese e viceversa) ?
Rita Niffoi Inserito il - 04/07/2012 : 10:41:34
I miei complimenti!

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000