Forum Sardegna
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
 

    


Nota Bene: Capoterra Era il 1655, il barone Gerolamo Torrellas metteva a disposizione parte del suo feudo per la nascita di un nuovo paese che ne avrebbe accresciuto il valore socio-economico. Dopo un anno si contavano nel piccolo villaggio 7 famiglie, ogni famiglia veniva conteggiata per un numero medio di 4 persone per cui possiamo considerare che la villa di Sant’Efisio (attuale Capoterra) poteva essere abitata da circa 28-30 persone. Possiamo notare da un censimento effettuato 22 anni dopo cioè nel 1678 le famiglie erano 39 per una popolazione di 156 persone.



 Tutti i Forum
 Cultura in Sardegna
 Accadde quel giorno in Sardegna
 Quel 3 Marzo

Nota: Devi essere registrato per poter inserire un messaggio.
Per registrarti, clicca qui. La Registrazione è semplice e gratuita!

Larghezza finestra:
Nome Utente:
Password:
Modo:
Formato: GrassettoCorsivoSottolineatoBarrato Aggiungi Spoiler Allinea a  SinistraCentraAllinea a Destra Riga Orizzontale
Inserisci linkInserisci EmailInserisci suonoInserisci Mp3Inserisci pdfInserisci file multimediale Inserisci Immagine Inserisci CodiceInserisci CitazioneInserisci Lista
   
Video: Inserisci Google video Inserisci Youtube Inserisci Flash movie
Icona Messaggio:              
             
Messaggio:

  * Il codice HTML è OFF
* Il Codice Forum è ON

Faccine
Felice [:)] Davvero Felice [:D] Caldo [8D] Imbarazzato [:I]
Goloso [:P] Diavoletto [):] Occhiolino [;)] Clown [:o)]
Occhio Nero [B)] Palla Otto [8] Infelice [:(] Compiaciuto [8)]
Scioccato [:0] Arrabbiato [:(!] Morto [xx(] Assonnato [|)]
Bacio [:X] Approvazione [^] Disapprovazione [V] Domanda [?]
Seleziona altre faccine

 
 
 
 

V I S U A L I Z Z A    D I S C U S S I O N E
Marialuisa Inserito il - 03/03/2014 : 08:50:21
Oggi, 3 Marzo 2014


*Scrivono di noi

http://www.sardegnaeliberta.it/phot...enticato.pdf

* * *


Quel 3 Marzo 1799

E’ la mattina del 3 Marzo 1799.
Sulla fregata toscana "La Rondinella" il Re Carlo Emanuele IV di Savoia, dopo aver lasciato Torino e peregrinato due lunghi mesi attraverso la penisola, sta per toccare il suolo della Sardegna.
E’ un uomo provato dall’umiliazione per la cacciata inflittagli da Napoleone e attanagliato dalle preoccupazioni per un futuro incerto.
La Sardegna, al momento, è ciò che di più lontano si possa immaginare dall’aspirazione del Sovrano e dalla risoluzione di tutti i suoi problemi.
Eppure, i sardi riservano alla Corte, che per la prima volta scende in Sardegna, un’ accoglienza quanto mai devota e festosa.
All’arrivo al porto di Cagliari, umili pescatori e marinai si offrono di tirare la berlina reale fino a Palazzo.Questo gesto è il primo di tanti fatti con cui la popolazione riesce ad entrare nelle grazie di Carlo Emanuele IV, e in seguito di Vittorio Emanuele I e della Corte. Tanto da meritare l’appellativo di”figli solleciti e affettuosi”.

Fonte Almanacco Cagliari 2012 MLCaria Giannotti


Vittorio Emanuele I e famiglia
6   U L T I M E    R I S P O S T E    (in alto le più recenti)
Marialuisa Inserito il - 08/03/2014 : 19:59:00
Turritano ha scritto:

Marialuisa ha scritto:


.................
Oggi, non abbiamo in casa 'conquistadores', per fortuna, ma vediamo
avvicendarsi avventurieri incompetenti, politicanti da strapazzo che
poco si curano della nostra bella isola.
Sono pero' del parere che dovremmo essere noi sardi, tutti e ognuno,
a curare le molte risorse che sono sotto gli occhi di tutti.
Nessuno potra' farlo meglio di noi.

Quoto tutto, con una eccezione: anche oggi abbiamo in casa il dominatore di turno, esattamente come il precedente, quello spagnolo, infatti anche allora la lingua ufficiale era quella del dominatore e i sardi si riconoscevano in esso al punto di credersi spagnoli, esattamente come adesso la maggior parte dei sardi si credono italiani


Caro Turritano,
credo che sparare a zero sulla Sardegna e sui Sardi sia stato uno sport a lungo praticato, soprattutto nel settecento e nell' ottocento.
Gli sportivi in questione erano però viaggiatori stranieri, in genere facenti parte di quella élite europea che si spostava per lunghi viaggi a conoscere luoghi e popoli , in cerca di ispirazione .
Poco capivano della nostra cultura e pontificavano sulle nostre abitudini e tradizioni( se poi pensiamo che Louis XIII é stato lavato per la prima volta all' età di sei anni, poco si giustifica la critica alla nostra sporcizia da parte dei francesi). Ma non voglio scendere in particolari...
Che poi lo sport abbia fatto proseliti anche a casa nostra, trovo veramente sconfortante!
Un caro saluto, L.
Turritano Inserito il - 08/03/2014 : 11:36:03
Marialuisa ha scritto:


.................
Oggi, non abbiamo in casa 'conquistadores', per fortuna, ma vediamo
avvicendarsi avventurieri incompetenti, politicanti da strapazzo che
poco si curano della nostra bella isola.
Sono pero' del parere che dovremmo essere noi sardi, tutti e ognuno,
a curare le molte risorse che sono sotto gli occhi di tutti.
Nessuno potra' farlo meglio di noi.

Quoto tutto, con una eccezione: anche oggi abbiamo in casa il dominatore di turno, esattamente come il precedente, quello spagnolo, infatti anche allora la lingua ufficiale era quella del dominatore e i sardi si riconoscevano in esso al punto di credersi spagnoli, esattamente come adesso la maggior parte dei sardi si credono italiani
Turritano Inserito il - 08/03/2014 : 11:26:36
Quella mattina del 3 marzo 1979 fu una pagina per niente onorevole della Storia Sarda, non è piacevole da ricordare perché sancì il tradimento della “Sarda Rivoluzione”, scoppiata proprio a Cagliari Il 28 aprile 1794 (Sa Die de sa Sardigna) dopo continue angherie dei nuovi dominatori stranieri (i piemontesi) La rivoluzione continua per mesi fino alla cacciata di tutti gli stranieri e la rivolta si propagò per tutta la Sardegna.
Sintomatico è il fatto che questo re straniero, prima di venire in Sardegna, aveva “peregrinato due lunghi mesi attraverso la penisola”, dove evidentemente non era stato accolto bene. I sardi invece, riservano alla Corte, che per la prima volta scende in Sardegna, un’ accoglienza quanto mai devota e festosa.
L’accoglienza del re da parte dei sardi (nella occasione cagliaritani), che addirittura si offrirono di tirare la berlina reale fino a Palazzo, è un indubbio atto di massima servilità per entrare nelle grazie di un re straniero che pochi anni prima era stato decisamente combattuto con una rivoluzione popolare, iniziata proprio a Cagliari, dove si manifestava l’esigenza di una maggiore giustizia e, addirittura, la sottrazione della Sardegna da qualsiasi sudditanza straniera e la proclamazione di una repubblica Sarda Indipendente. Cosa che non è avvenuta per il tradimento, sempre a Cagliari, degli stessi sardi che l’avevano iniziata. Queste sono pagine tristi, per la Sardegne e per i Sardi, che vanno ricordate solo perché avvenimenti così vergognosi non si ripetano mai più
Turritano

PS: Maria Luisa, io come tanti altri oggi, vedo nell'attuale governo italiano, la continuazione di un governo straniero in Sardegna, erede di quello savoiardo/piemontese
lorson Inserito il - 05/03/2014 : 14:17:56
.....parole encomiabili e propositi da perseguire anche oltre mare ( nell'Italia tutta).
l.
Marialuisa Inserito il - 05/03/2014 : 10:24:56
lorson ha scritto:



.....bell'affare che fecero i sardi (e non solo loro, visto come si comportarono i piemontesi nel sud).


Nessun buon affare, caro lorson, con i piemontesi.
Ne' lo fecero con i fenici, i romani, i pisani, aragonesi e via dicendo.
Oggi, non abbiamo in casa 'conquistadores', per fortuna, ma vediamo
avvicendarsi avventurieri incompetenti, politicanti da strapazzo che
poco si curano della nostra bella isola.
Sono pero' del parere che dovremmo essere noi sardi, tutti e ognuno,
a curare le molte risorse che sono sotto gli occhi di tutti.
Nessuno potra' farlo meglio di noi.
lorson Inserito il - 03/03/2014 : 13:36:16
La Sardegna, al momento, è ciò che di più lontano si possa immaginare dall’aspirazione del Sovrano e dalla risoluzione di tutti i suoi problemi.
Eppure, i sardi riservano alla Corte, che per la prima volta scende in Sardegna, un’ accoglienza quanto mai devota e festosa.
All’arrivo al porto di Cagliari, umili pescatori e marinai si offrono di tirare la berlina reale fino a Palazzo.Questo gesto è il primo di tanti fatti con cui la popolazione riesce ad entrare nelle grazie di Carlo Emanuele IV, e in seguito di Vittorio Emanuele I e della Corte. Tanto da meritare l’appellativo di”figli solleciti e affettuosi”.


.....bell'affare che fecero i sardi (e non solo loro, visto come si comportarono i piemontesi nel sud).

Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000