Forum Sardegna - Vita sarda
    Forum Sardegna

Forum Sardegna
Nome Utente:

Password:
 


Registrati
Salva Password
Password Dimenticata?

 

    


Nota Bene: Il tesoretto di manufatti bronzei da località Camposanto di Olmedo recuperato nel 1934, ha restituito un modellino di nuraghe complesso quadrilobato che fornisce l'immagine ideale di come dovevano essere le torri nuragiche nel momento del loro massimo splendore. E' conservato presso il museo Sanna di Sassari.



 Tutti i Forum
 Libri di Sardegna
 Saggistica
 Vita sarda
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:


  Bookmark this Topic  
| Altri..
Autore Discussione  

Agresti

Moderatore




Inserito il - 13/07/2006 : 23:40:51  Link diretto a questa discussione  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato
Leggete questo racconto e poi ditemi che ne pensate

Sa mamma e sa filla
Una borta ci fiat una pipia chi fiat a mala, sa mamma sa di fiat coendi sa lissia (facendo il bucato), d'iat fatta jnchietai mere, e ci d'hat ghettàt aintru de su cardasgiu.(caldaia) Debustis chi inci d'hat ghettàt, fiat morta; e cumenzat. a prangi sa mamma, is caridas (sedie) d'hanti domandau, puita fiat chi pranziat, e issa arrispundit:
« Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat. » Is caridas iant intendiu aici, e cumenzant a si azzappulai.. Sa porta domandat a is caridas: « Ita teneis chi s'azzappulais? » --Eh! ita si sciesta su chi est suzzeriu! », nanta is portas. « Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat; is caridas s'azzapulanta, e is portas si obèrianta e si sèrranta. Sa scala biendi chi is portas si obèrianta e si sèrranta, hat nau : -« Puita si obereis e si serrais ? » -« Eh! ita si scis su chi est suzzeriu! » « E ita ? » --- « Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzapulanta, is portas si obèrianta e si sèrranta, è sa scala si arziara e si calara ». -« Unu pilloni benit a su scalinu, e biendi sa scala si si arziara, e si calara, d'hat domandau puita fiat, e sa scala d'iat arrispustu: -« No scis nudda ? Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzapulanta, is portas si obèrianta e si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, e su pilloni ispignau. » Insadus su pilloni bandat a biri acqua a sa funtana, e sa funtana biendiddu aìci ispignau, d'hat domandau puita fiat ispignau. Arrispundit: -« Si scis su chi est suzzeriu! » -« E ita ? » nara sa funtana. « Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzappulanta, is portas si obèrianta e si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, su pilloni ispignau, e sa funtana sciuttara. » Benit una cun duas marigas po das preni de acqua, e agàttara sa funtana sciuttara. - « Puita ti ses sciuttara ? » di domandat cussa cun is marigas a sa funtana. Arrispundit sa funtana : -« Si scis su chi est suzzeriu, sega is marigas de su displesgeri. » -« E ita ? » nara cussa. « Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzuppulanta, is portas si oberianta e si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, su pilloni ispignau, sa funtana sciuttara, e tui sega is mari- gas. » E segat is marigas. Torrat a doinu, e sicomenti custa fiat serbidora, sa meri d 'hat domandau : -.« Pui- ta ses torrara senza de marigas? » -« Eh! » arrispundit sa serbidora, « si sciri su chi est suzzeriu, si nili sega su nasu. » -« E it' est suzzeriu? » iat nau sa meri. - « Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzappullanta, is portas si obèrianta e si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, su pilloni ispignau, sa funtana sciuttara, sa serbidora ha segau is marigas, e sa meri s'ha segau su nasu. » Beni su mariru, custu fiat segrestanu; biendi a sa mulleri senza de nasu, ha domandau puita fiat aici. Piga sa mulleri, e di conta totu su contu:
« Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzappùllanta, is porta si obèrianta e
si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, su pilloni ispignau, sa funtana sciuttara, sa serbidora ha segau is marigas, sa meri s'ha segau su nasu. » -« E deu », arrispundit su mariru, « mi. segu una camba. » Si sega sa camba, e a s'uncràs handara a cresia. Appena chi d'hat histu su preri, d'hat domandau comenti si fiat segau sa camba. -« Et! ita si sciri su chi est suzzeriu! » -« Ita? » nara su preri, e. di conta su contu: -« Brigiredda moriat, e sa mamma prangiat, is caridas s'azzappùllanta, is portas si obèrianta e si sèrranta, sa scala si arziara e si calara, su pjlloni s'est ispignau sa funtana s'est sciuttara, sa serbidora ha segau is marigas, sa mèri s'est segara su nasu, deu mi seu segau una camba». -« E su preri ita oli fai? » Domandat su segrestanu. -« Deu nau sa missa a aliottu (camicia) » E accittotu est istettiu.. S'uncràs candu est bessiu a nai sa missa, est bessiu a aliottu.




_______________________________________________________________________________






Modificato da - Agresti in Data 13/07/2006 23:49:07

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010

Google Sardegna


Pubblicità

Nuragica

Moderatore




Inserito il - 14/07/2006 : 09:27:44  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Nuragica Invia a Nuragica un Messaggio Privato
Molto carina agresti!!
nella sua "macabrita'" anche divertente..
E' tipico delle cantilene in limba riprendere
di volta in volta il verso recitato precedentemente..
Un po' come La canzone di Branduardi "Alla fiera dell'est"
Poburita Brigiredda!!

____________________________________________________________
... vegno del loco ove tornar disio






Modificato da - in data

 Regione Lombardia  ~ Città: trexentese inviata speciale nel nord Italia  ~  Messaggi: 15406  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 23/10/2020 Torna all'inizio della Pagina

Agresti

Moderatore




Inserito il - 14/07/2006 : 10:25:02  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato
non capisco il finale però...

_______________________________________________________________________________






Modificato da - in data

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010 Torna all'inizio della Pagina

Albertina
Salottino
Utente Mentor


Poetessa Paradisolana


Inserito il - 14/07/2006 : 15:29:52  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Albertina Invia a Albertina un Messaggio Privato
E' il racconto tipico sardo, assomiglia a quello di Pulighitta.

Pulighitta era una gallina che, quando si metteva di buona volontà, faceva uova grandi come zuppiere e quando la padrona le diceva:
“Pulighitta, brinta a criài, ca c’est genti chi bolidi papai” lei immediatamente ubbidiva e assicurava a tutti bocconcini da monsignore.
Una volta però si era ribellata e di andare a fare l’uovo non ne voleva sapere e la
padrona aveva una tavolata di gente col piatto vuoto davanti e forchetta e coltello in pugno.
La padrona si era rivolta alla volpe, per convincere Pulighitta con i suoi morsi ad andare a fare l’uovo, ma anche la volpe trasgredisce e così il comando viene rivolto alla pertica per dare una sussa alla volpe, che non voleva mordere Pulighitta, che non voleva andare a fare l’uovo. Pulighitta viene protetta con una serie di disubbidienze che vanno dal bastone al fuoco, dal fuoco all’acqua, dall’acqua al bue, al giogo, al topo al gatto, al cane, al fucile, alla ruggine.
La terra rompe la catena delle disubbidienze e la complicità dei ribelli, e si attiene agli ordini impartiti dalla padrona dichiarandosi disposta a consumare la ruggine. Allora uno dopo l’altro tutti si ricredono e quando Pulighitta sente la volpe ringhiare verso di lei, senza farselo ripetere un’altra volta, va e fa l’uovo grande come una zuppiera e gli ospiti, anche quella volta, mangiarono come monsignore e leccano pure il piatto.

La storia è così:
Nàrada sa meri a Pulighitta:
- Pulighitta, brinta a criài, ca c'è genti chi bolidi pappai!-
- No!
- Cai, mussia a Pulighitta, ca Pulighitta non bolidi intrai a criài ca c'est genti chi bolidi pappai!
- No!
- Fusti, arroppa a cani, ca cani non bolidi mussiai a Pulighitta, ca Pulighitta non bolidi intrai a criai ca c'est genti chi bolidi pappai!
- No!
- Fogu, abruxia a fusti.......







Modificato da - in data

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Villamar  ~  Messaggi: 3638  ~  Membro dal: 29/06/2006  ~  Ultima visita: 31/07/2012 Torna all'inizio della Pagina

Agresti

Moderatore




Inserito il - 14/07/2006 : 17:39:13  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato
anche questo è un racconto molto curioso
povera Pulighitta.. bella vida!!



_______________________________________________________________________________






Modificato da - in data

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010 Torna all'inizio della Pagina

Nuragica

Moderatore




Inserito il - 15/07/2006 : 16:30:55  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Nuragica Invia a Nuragica un Messaggio Privato
Molto bella la storia di pulighitta,
Non puoi iscriverla per intero Albertina?
magari nella sezione poesie in sardo!!

____________________________________________________________
... vegno del loco ove tornar disio






Modificato da - in data

 Regione Lombardia  ~ Città: trexentese inviata speciale nel nord Italia  ~  Messaggi: 15406  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 23/10/2020 Torna all'inizio della Pagina

Agresti

Moderatore




Inserito il - 17/07/2006 : 21:00:05  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato
eiiii chi mi spiega il senso della storiella????

_______________________________________________________________________________






Modificato da - in data

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010 Torna all'inizio della Pagina

Albertina
Salottino
Utente Mentor


Poetessa Paradisolana


Inserito il - 18/07/2006 : 11:46:27  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Albertina Invia a Albertina un Messaggio Privato
Sono giochi, scioglilingua per intrattenere, per incuriosire. Ai bambini piacciono tantissimo e la loro attenzione affascina i grandi che ci prendono gusto a raccontare.






Modificato da - in data

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Villamar  ~  Messaggi: 3638  ~  Membro dal: 29/06/2006  ~  Ultima visita: 31/07/2012 Torna all'inizio della Pagina

ondarock
Salottino
Utente Medio



Inserito il - 18/07/2006 : 12:05:23  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di ondarock Invia a ondarock un Messaggio Privato
non avevo mai sentito la parola "aliottu", ma un'anziana signora mi ha confermato che questo termine indicava la sottana (bianca)che i preti portano come "sottoveste"...A pensarci bene, forse il senso della storia sta ad indicare che alla fine il prete è il solito gran furbone (come spesso viene descritto nella tradizione): tutti gli altri "attori" della storiella escono malconci e qualcuno in modo tragico (la bimba muore, la madre piange, la fontana si asciuga, il sagrestano perde una gamba ecc., mentre il sacerdote da il suo tributo limitandosi a celebrare la messa senza la tunica di ordinanza...
Boh, di più non riesco a capire!







Modificato da - ondarock in data 18/07/2006 12:06:46

 Regione Sardegna  ~ Prov.: Cagliari  ~ Città: Sulcis - Iglesiente  ~  Messaggi: 232  ~  Membro dal: 28/06/2006  ~  Ultima visita: 03/09/2009 Torna all'inizio della Pagina

Agresti

Moderatore




Inserito il - 18/07/2006 : 15:04:34  Link diretto a questa risposta  Mostra Profilo  Visita l'Homepage di Agresti Invia a Agresti un Messaggio Privato
Citazione:
non avevo mai sentito la parola "aliottu", ma un'anziana signora mi ha confermato che questo termine indicava la sottana (bianca)che i preti portano come "sottoveste"...A pensarci bene, forse il senso della storia sta ad indicare che alla fine il prete è il solito gran furbone (come spesso viene descritto nella tradizione): tutti gli altri "attori" della storiella escono malconci e qualcuno in modo tragico (la bimba muore, la madre piange, la fontana si asciuga, il sagrestano perde una gamba ecc., mentre il sacerdote da il suo tributo limitandosi a celebrare la messa senza la tunica di ordinanza...
Boh, di più non riesco a capire!

Ciao a tutti
la mia interpretazione è stata immediat come dici tu
quindi volevo capire se in realtà era proprio questo il
senso della storiella....
e tu mi dai la conferma
il prete fuuurbo!!



_______________________________________________________________________________






Modificato da - Agresti in data 18/07/2006 15:05:53

 Regione Sardegna  ~ Città: Sarda seu ! I'm Sardinien! Ich bin Sardisch!  ~  Messaggi: 7963  ~  Membro dal: 11/04/2006  ~  Ultima visita: 15/07/2010 Torna all'inizio della Pagina
  Discussione  
  Bookmark this Topic  
| Altri..
 
Vai a:
Herniasurgery.it | Snitz.it | Crediti Snitz Forums 2000